Loading...

Tag: sud

Bravo Innovation Hub: acceleratore d’impresa al Sud

L’acceleratore d’impresa per le Startup innovative del Mezzogiorno.

Bravo Innovation Hub, il primo acceleratore d’impresa promosso da Invitalia e Ministero dello Sviluppo Economico dedicato alle imprese innovative del Mezzogiorno. Il nuovo hub ha sede a Brindisi e rientra nel “Piano di azione per la diffusione dell’imprenditorialità e dell’innovazione“.

Al fine di velocizzare l’ingresso nel mercato delle imprese, Bravo Innovation Hub propone programmi di accelerazione verticali per consentire alle Startup di validare e sviluppare il modello di business, implementare fatturato, accedere al mercato dei capitali e intercettare partner strategici.

Nell’ambito del nuovo hub nasce il programma di accelerazione “Bravo Innovation Hub +Turismo+Cultura” dedicato alle imprese della filiera turistico-culturale, destinato alle Startup e microimprese in qualsiasi forma giuridica costituite dal 1° gennaio 2016 con sede con sede operativa in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia.

L’offerta prevede un budget di 40 mila euro per ciascuna impresa e comprende:

  • un contributo di 20 mila euro, di cui 15 mila erogati all’inizio e 5 mila a conclusione del programma;
  • spazi di lavoro all’interno del Bravo Innovation Hub di Palazzo Guerrieri in Brindisi;
  • formazione sulle competenze imprenditoriali;
  • mentoring e coaching per lo sviluppo del prodotto/servizio, modello di business, tecnologia, comunicazione, marketing, raccolta fondi;
  • assessment per identificare i punti di forza e le aree di miglioramento;
  • una giornata di confronto con testimonianze nazionali e internazionali specifiche del settore turismo e cultura;
  • iniziative di business matching e open innovation.

Per partecipare a Bravo Innovation Hub, la deadline è fissata entro il 3 novembre 2020, è possibile inviare la domanda all’indirizzo PEC finanzaimpresa@pec.invitalia.it

Power2Innovate: la call for ideas per i giovani imprenditori del Sud con premi alle sei migliori idee di sviluppo

La Call per l’imprenditorialità del Mezzogiorno.

Power2Innovate è un’iniziativa promossa e sostenuta da Total E&P in collaborazione con The European House – Ambrosetti, rivolta a Startup e aspiranti imprenditori, del Mezzogiorno con idee innovative e ad alto potenziale, per lo sviluppo di soluzioni sostenibili in Basilicata .

Nel particolare, le idee innovative devono essere applicate ai territori della Basilicata in una delle tre aree strategiche della Regione:

  1. Industria High Tech;
  2. AgriFood;
  3. Cultura e Turismo.

Saranno premiate le migliori 6 idee, che potranno:

  • prendere parte ad un percorso di accelerazione imprenditoriale di 6 mesi volto al perfezionamento del modello di business progettato e sviluppato dell’Innovation & Technology Hub di The European House – Ambrosetti;
  • partecipare ad una Pitch Presentation in occasione del Forum finale del Think Tank Basilicata 2020, in cui saranno votati live i 3 progetti migliori;
  • avere accesso alle infrastrutture tecnologiche abilitanti all’interno dell’ufficio;
  • ricevere mentoring e supporto da parte dei manager di Total nello sviluppo dei propri progetti;
  • avere accesso diretto alle gare lanciate da Total E&P Italia nei rispettivi settori di competenza.

Per partecipare alla Call Power2Innovate, la deadline è fissata entro il 15 ottobre 2020, attraverso la compilazione del form presente al seguente link: https://eventi.ambrosetti.eu/ttbasilicata2020/form-di-candidatura/

Per maggiori informazioni è possibile consultare il Regolamento al seguente link: https://bit.ly/3cVMTtd

Bando “GINN” – Giovani Innovatori per startup nei settori dell’economia territoriale e ICT

Il Bando che si propone di favorire la creazione di imprese e di nuovi incubatori ed acceleratori di idee imprenditoriali rafforzando i network territoriali esistenti, mettendo in rete le associazioni commerciali, culturali e giovanili, il mercato del lavoro e le autorità pubbliche.

La Camera di Commercio di Bari, in collaborazione con Unioncamere Puglia, lancia il bando “GINN”, il quale rientra nelle attività del Progetto PIT STOP finanziato nell’ambito dell’Asse Prioritario 1, Innovazione e Competitività – con l’obiettivo di selezionare n.4 idee progettuali innovative, che abbiano un significativo contenuto in termini di innovazione: originalità del prodotto, del servizio, del processo e del modello organizzativo e che siano radicate in Puglia.

Il progetto PIT STOP promuoverà nuovi incubatori di impresa, nei settori dell’edilizia e dell’ICT, ed acceleratori di impresa nel settore manifatturiero, considerati motori di crescita e sviluppo transfrontaliero.

Le azioni del Progetto permetteranno ai 4 progetti selezionati di realizzare le proprie idee concretamente, intraprendendo un percorso di sviluppo e di implementazione dell’idea di business, che produrrà un processo virtuoso in grado di promuovere l’economia locale per un miglior dialogo tra ricerca e industria e incoraggiare la creazione di nuove opportunità di lavoro per i giovani.

Gli argomenti principali trattati nel progetto si focalizzano in particolare sulla rigenerazione urbana degli edifici e degli spazi, nel contesto delle ICT collegato al concetto di “Smart Citizen“, ovvero la creazione dei servizi intelligenti a favore del cittadino.

Per partecipare al BandoGINN“, le domande dovranno essere presentate entro il 1 marzo 2020 inoltrando la documentazione al seguente indirizzo PEC: cciaa@ba.legalmail.camcom.it .

Per maggiori informazioni è possibile consultare il Regolamento al seguente link: https://www.ba.camcom.it/articoli/allegato/2019/12/bando-ginn.-progetto-pit-stop.pdf

Resto al Sud Days: il tour per formare i nuovi imprenditori

I Resto al Sud Days sbarcano a Napoli.

Invitalia e Mediocredito Centrale, arrivano nel capoluogo partenopeo con l’appuntamento Resto al Sud Day, per parlare degli incentivi a favore dei nuovi imprenditori.

Si tratta di tre giornate, dedicate a chi ha già un’idea imprenditoriale e vuole approfondirne aspetti tecnici e normativi: eventi organizzati da Invitalia insieme a Mediocredito Centrale, per andare incontro ai giovani e agli aspiranti imprenditori che intendono realizzare il loro progetto d’impresa nei territori d’origine con gli incentivi di Resto al Sud.

Sarà un’importante occasione per confrontarsi su:

  • idee di business;
  • approfondimenti progettuali;
  • approfondimenti interpretativi della normativa;
  • modalità di accesso alle agevolazioni.

Ecco il calendario delle giornate che si svolgeranno presso l’ufficio di Mediocredito Centrale in via Toledo,156 – Napoli.

  • 29 gennaio 2020 alle 10:00 alle 13:00 e dalle 14.30 alle 17.00;
  • 12 febbraio 2020 dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 17.00;
  • 26 febbraio 2020 dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 17.00.

Per partecipare alle giornate di Resto al Sud Days è necessario iscriversi compilando il form al seguente link: https://bit.ly/2tBhRGA

IL PREMIO DEL CONTEST 3X3 PER LA SOSTENIBILITÀ AL SUD È STATO ASSEGNATO AL COMUNE DI NAPOLI

Il riconoscimento assegnato ai migliori progetti per lo sviluppo sostenibile del Mezzogiorno realizzati da  PA locali, aziende, scuole, università e centri di ricerca.

Premio 3×3 – II contest per la sostenibilità al Sud è l’iniziativa promossa da Fpa – società del gruppo Digital360, nell’ambito di Forum Pa Sud, il Festival della Coesione per la sostenibilità – in corso a Napoli presso il Campus dell’Università Federico II di San Giovanni a Teduccio; che si è aperto con il confronto dei presidenti di Regioni del Sud e di tutti gli attori dello sviluppo locale sul ruolo dell’innovazione come leva per la crescita economica e sociale del Mezzogiorno.

Il premio intende promuovere progetti per lo sviluppo sociale ed economico del Mezzogiorno che garantisca un benessere equo e sostenibile. Al premio hanno avuto accesso Regioni, Enti Locali, Province, Strutture della Sanità, aziende e Startup, scuole, università e centri di ricerca che abbiano sviluppato grazie ai fondi europei progetti innovativi nel Sud in quattro ambiti:

  1. lotta alla disuguaglianza, alla povertà e resilienza;
  2. uguaglianza di genere;
  3. economia circolare;
  4. innovazione e occupazione.

Sono questi i progetti vincitori del “Premio 3×3 – II contest per la sostenibilità al Sud“: il Comune di Napoli, con il progetto INnovAZIONE per il sociale realizzato grazie al Fondo PON Metro, la Regione Puglia, con il progetto REfiN grazie al Fondo POR Puglia, la tesi di laurea “Il Cicloturismo come generatore di turismo sostenibile: casi applicativi e opportunità” di Giorgia Serra, conseguita all’Università Studi di Bari Aldo Moro.

Con grande soddisfazione, ci complimentiamo con il Comune di Napoli , il quale con il progetto “INnovAZIONE” è stato il vincitore della categoria “Disuguaglianze lotta alla povertà, resilienza”

Nel particolare, il progetto “INnovAZIONE per il sociale” finanziato con risorse del PON Metro 2014 –2020 è rivolto a cittadini che vivono in condizioni di disagio, in particolare senza fissa dimora. Lo scopo è migliorare il tessuto sociale nelle realtà urbane più critiche, anche attraverso un sistema di servizi istituzionali rafforzati dalla presenza del terzo settore e della collettività, capaci di produrre effetti di inclusione e coesione sociale in aree urbane in situazioni di degrado fisico e marginalità socio-economica.

  • La prima fase – il cosiddetto “Start checking” – prevede l’accoglienza del bisognoso da parte di personale esperto;
  • La seconda – “personalizzazione della soluzione” – prevede il supporto per trovare una soluzione abitativa, il coordinamento con i servizi sociali e l’orientamento nel mondo del lavoro.

L’Attuazione delle Politiche di Coesione, in qualità di struttura di gestione a supporto dell’organismo intermedio del PON Metro 2014-2020, ha il ruolo di “cabina di regia” per la realizzazione del progetto.

Il servizio Politiche per la Casa è competente per l’Attivazione dell’Agenzia Sociale per la Casa, il servizio Mercato del Lavoro, per la realizzazione della linea di attività Spazi di Innovazione Sociale e il servizio Demanio e Patrimonio per la realizzazione del software al servizio dell’Agenzia sociale per la Casa. I Servizi del Welfare si occuperanno dei progetti di accompagnamento sociale personalizzati.

 

Al via in Calabria la Call for The Economy of Francesco: concorso per idee e progetti orientati all’economia sociale con percorsi di accompagnamento per un valore fino a 450 mila euro.

Il programma volta a favorire idee e progetti innovativi capaci di promuovere un’economia più giusta, inclusiva e sostenibile, evangelicamente e socialmente ispirati.

La Call for the Economy of Francesco, promossa dall’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace e da Oltre Open Innovation Hub, con l‘advisory strategico di Entopan – Smart Networks & Strategies e l’alto patrocinio dalla Conferenza Episcopale Calabra, mira a selezionare “Idee”e “Progetti” innovativi capaci di favorire la promozione di un nuovo paradigma dell’economia, socialmente impegnato e ispirato ai principi evangelici, con l’obiettivo di affermare una rinnovata centralità della persona umana e dei valori di equità e giustizia, nel solco del magistero di Papa Francesco e dell’esempio luminoso di San Francesco d’Assisi.

Ulteriormente arricchente è la collaborazione all’iniziativa di tutti gli atenei calabresi, Università della Calabria, Università Magna Graecia e Università Mediterranea, che sottolinea ancor più la portata culturale, oltre che sociale ed economica, del concorso e del partenariato di soggetti di rilievo nazionale ed internazionale quali Fondazione Bruno Kessler, Fondazione con il Sud, BCC Mediocrati, Cariplo Factory, Fondazione Fiorentino Scoppa, Fondazione Symbola, NeXt – Nuova Economia per Tutti, Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore e Festival Nazionale dell’Economia Civile: il loro coinvolgimento operativo e finanziario propone quindi la Calabria ed il suo territorio come laboratorio per sperimentare forme progettuali avanzate e inedite, capaci di fare leva anche sulle peculiarità di una regione ricca di cultura e capitale umano.

La Call for The Economy of Francesco si rivolge a giovani under 35 e Startup, PMI ed organizzazioni del terzo settore; ed è dedicato specificatamente al territorio della Calabria, ispirandosi e volendo contribuire, nel proprio piccolo, alla più ampia cornice dell’evento internazionale The Economy of Francesco, promosso da Papa Francesco, che si terrà ad Assisi dal 26 al 28 marzo 2020.

Nel particolare, i giovani calabresi e/o residenti in Calabria, potranno concorrere attraverso due categorie:

  1. Idee: potranno iscriversi giovani di età inferiore ai 35 anni, purché risiedano, siano nati o studino in Calabria.
  2. Progetti: possono iscriversi Startup, spin-off universitari, PMI e soggetti del terzo settore nella categoria, purché abbiano sede in Calabria e presentino una significativa componente giovanile all’interno del team.

La Call seleziona “Idee” e “Progetti” che si propongano di produrre impatti sociali e ambientali, attraverso l’inclusione sociale di soggetti fragili e prospettando adignità dei lavoratori

zioni innovative in almeno uno dei seguenti cinque ambiti di intervento:

  1. Rispetto del Creato e delle generazioni future;
  2. Accoglienza della vita;
  3. Cura della famiglia;
  4. Equità sociale;
  5. Dignità dei lavoratori.

Per ognuno dei 5 ambiti di intervento, il Comitato Scientifico di progetto, proclamerà  2 vincitori uno per la categoria Idee e uno per la categoria Progetti, che avranno in premio la possibilità di beneficiare di servizi di accompagnamento allo sviluppo di impresa per un valore complessivo di 450 mila euro.

Tutti i vincitori usufruiranno della supervisione progettuale offerta da Fondazione Bruno Kessler e Cariplo Factory.

Per partecipare alla Call for the Economy of Francesco, la deadline è fissata entro le ore 12:00 del 30 novembre 2019, attraverso la compilazione del form al seguente link: https://cef.oltreinnovation.it/signup

Ulteriori informazioni potranno essere acquisite consultando il testo del concorso al seguente link: https://cef.oltreinnovation.it/contest/cef_programma.pdf oppure possono essere richiese scrivendo una email indirizzata a cef@oltreinnovation.it.

Welfare, che impresa!: il concorso per i migliori progetti di welfare di comunità con premi fino a 75 mila euro

Welfare, che impresa! finanzia le Startup Sociali a servizio della Comunità.

Il Concorso è promosso da Fondazione Italiana Accenture, Fondazione Bracco, Fondazione Snam, Fondazione CON IL SUD e UBI Banca, con il contributo scientifico di AICCON e Fondazione Politecnico di Milano – Tiresia e la partnership tecnica degli incubatori PoliHub, SocialFare, Hubble Acceleration Program, G-Factor e Campania NewSteel.

Welfare, che impresa! mira a premiare e supportare i migliori progetti di Startup sociali capaci di ripensare il sistema di Welfare nei seguenti settori:

  • Agricoltura sociale;
  • Valorizzazione del patrimonio culturale, paesaggistico e dell’ambiente;
  • Circular Economy;
  • Servizi alla persona e welfare comunitario.

I progetti presentati dovranno generare impatto sociale e occupazionale, avere una connotazione fortemente tecnologica, creare rete sul territorio, essere scalabili, replicabili ed economicamente sostenibili.

Il Concorso premierà le quattro migliori Idee progettuali per le categorie NORD, CENTRO ITALIA e SUD ITALIA che si aggiudicheranno, ciascuna:

  • un premio in denaro di 20.000 euro messo a disposizione rispettivamente da Fondazione Italiana Accenture, Fondazione Bracco, Fondazione Snam e Fondazione con il Sud;
  • un finanziamento fino a 50.000 euro, a tasso 0%, della linea UBI Comunità per soggetti non profit, insieme a un conto non profit online gratuito;
  • un percorso di incubazione o accelerazione della durata di 4 mesi, del valore di 5.000 euro, da parte di uno dei partner PoliHub, G-Factor, Hubble Acceleration Program, SocialFare e Campania NewSteel.

Inoltre, partecipare a Welfare, che impresa! offre l’opportunità di acquisire nuove competenze utili a migliorare la propria capacità progettuale, attraverso un ricco percorso online di formazione su:

• Welfare di comunità;
• Introduzione alla digital social innovation;
• Scenari di open innovation;
• Misurazione dell’impatto sociale;
• Risorse finanziarie e fundraising;
• Elevator pitch e business plan.

I 12 team finalisti si aggiudicheranno la partecipazione a un workshop formativo di 2 giornate, finalizzato a mettere a punto la propria proposta progettuale. Al termine del workshop formativo, le organizzazioni finaliste saranno supportate attraverso un’attività di mentorship, basata su un rapporto di affiancamento one-to-one da remoto e finalizzata alla strutturazione del pitch per l’evento finale.

Per partecipare al concorso Welfare, che impresa!, le idee progettuali possono essere inviate fino al 18 aprile 2019 al seguente link: https://welfarecheimpresa.ideatre60.it/

Per informazioni:
Consultare la Pagina dedicata.
Consultare il Regolamento.

 

L’edizione 2013 di TBIZ: tecnologia e innovazione per imprese e startup del Mezzogiorno

TechnologyBIZ, una tra le più importanti iniziative al Sud sui temi della tecnologia e dell’innovazione, giunge quest’anno alla sua quinta edizione che si terrà il 28 e 29 novembre in una nuova location: il centro congressi Expo Napoli della Stazione Marittima.

Nel corso delle due giornate dedicate a TBIZ 2013, la community di oltre tremila tra imprenditori, professionisti, ricercatori e rappresentanti delle istituzioni si incontrerà per approfondire argomenti e temi fondamentali per far emergere una nuova Cultura dell’Innovazione, attraverso interventi e keynote di oltre 50 ospiti esperti del mondo dell’economia, delle università, dell’industria, della politica e delle associazioni.
La due giorni vedrà inoltre una serie di occasioni di incontro bilaterali tra aziende pubbliche e private, distretti e laboratori e tra startup, incubatori ed investitori.

Le tematiche fondamentali che saranno trattate durante TBIZ 2013 riguardano in particolare: Ambiente, Beni Culturali, Difesa, Competitività, Telecomunicazione, Informatica, Internazionalizzazione, Reti di Imprese, Sanità, Occupazione, Finanza Innovativa, Artigianato, Smart Cities, Startup, Crowfunding, Coworking.

Tra gli obiettivi degli organizzatori, ricordiamo prima di tutto quello di favorire lo sviluppo di un sistema di relazioni tra mondo dell’imprenditoria, della ricerca e delle istituzioni, per stimolare la collaborazione reciproca tra gli operatori economici del territorio.
Inoltre, è di importanza fondamentale diffondere la consapevolezza che l’innovazione produce lavoro e profitto, pertanto è fondamentale promuovere nel Mezzogiorno la crescita della spesa per ricerca e sviluppo e l’adozione di soluzioni tecnologiche innovative da parte delle imprese.
I partecipanti, inoltre, avranno la possibilità di trovare nuove opportunità commerciali e stringere interessanti partnership, mentre uno spazio fondamentale sarà riservato per dare rilevanza e visibilità alle start up innovative e agli incubatori di impresa.

Sono cinque le “ragioni per esserci” segnalate dagli organizzatori:

  1. TBIZ 2013 è un vero e proprio contenitore di eventi verticali, con due giorni intensi e ben spesi da cui ciascun partecipante può trarre il meglio;
  2. Il Mezzogiorno costituisce un ampio mercato in rapida espansione per i technology vendors e TBIZ 2013 è un luogo di incontro della community di imprenditori del Sud;
  3. TBIZ 2013 offre un contesto dove intessere relazioni di alto livello e valore per i protagonisti dell’innovazione e gli aspiranti tali;
  4. Si tratta di un evento in cui è possible incontrare stakeholders provenienti da diverse realtà (imprenditoria, università, ricerca, pubblica amministrazione, etc.);
  5. Lo staff del TBIZ 2013 ha accuratamente selezionato contenuti e tematiche di reale interesse per i partecipanti.

Per saperne di più, il sito ufficiale è http://www.technologybiz.it/it.

Napoli, 01/10/2013