Loading...

Tag: sviluppo economico

Finanziamenti alle imprese: dal MISE, il nuovo regime di aiuto per società cooperative

Con Decreto Ministeriale del 4 dicembre 2014, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2015, il Ministero dello Sviluppo Economico ha istituito un nuovo regime di aiuto destinato alla promozione delle società cooperative di piccola e media dimensione: gli incentivi sono finalizzati principalmente a sostenere la nascita e lo sviluppo di nuove società cooperative, mentre per le regioni del Mezzogiorno gli aiuti sono destinati anche alla crescita, allo sviluppo e alla ristrutturazione di società cooperative già esistenti.

Beneficiari del nuovo regime del MISE sono le società cooperative regolarmente costituite e iscritte del Registro delle imprese, con particolare attenzione alle società cooperative costituite da lavoratori provenienti da aziende in crisi, alle società cooperative sociali e alle società cooperative che gestiscono aziende confiscate alla criminalità organizzata. In generale, sull’intero territorio nazionale, gli aiuti saranno mirati al sostegno di nuove società ma, come accennato, per le regioni del Mezzogiorno sarà possibile finanziare anche società cooperative già esistenti.
Possono presentare domanda di agevolazioni anche le società cooperative non residenti in territorio italiano, purché abbiano una sede o filiale sul territorio nazionale alla data di erogazione del finanziamento: in ogni caso, gli investimenti devono essere effettuati in territorio italiano.

Le agevolazioni previste dal D.M. 4 dicembre 2014 si sostanziano in finanziamenti a tasso agevolato che dovranno essere richiesti alle società finanziarie autorizzate secondo le modalità e le tempistiche che verranno stabilite con provvedimento del Direttore Generale per gli incentivi alle imprese (vedi art. 8 del Decreto).
Una volta ammesse al regime di agevolazione, le società cooperative riceveranno un finanziamento a tasso agevolato che potrà coprire fino al 100% delle spese previste dal programma di investimento, per un importo non superiore a 1 milione di euro.

Le spese oggetto del piano di investimento possono riguardare la creazione di nuove unità produttive o l’ampliamento di unità produttive esistenti, la diversificazione dell’attività produttiva mediante l’introduzione di nuovi prodotti, il cambiamento e miglioramento dei processi produttivi, l’acquisizione di attivi direttamente connessi alle attività produttive.
Gli attivi acquistati possono essere beni materiali o immateriali, ma in ogni caso deve trattarsi di beni ammortizzabili.
Per i finanziamenti concessi per piani di investimento già avviati, è possibile inserire tra le spese ammissibili anche le spese inerenti lo svolgimento dell’attività di impresa.

I finanziamenti a tasso agevolato concessi secondo il regime del Decreto Ministeriale 4 dicembre 2014 hanno una durata massima di 10 anni (compreso l’eventuale periodo di preammortamento), da rimborsare secondo un piano a rate semestrali con scadenza al 31/05 e al 30/11 di ogni anno.
Il tasso di interesse è pari al 20%, nel rispetto dei limiti stabiliti dalla Commissione Europea. Le agevolazioni sono concesse nel rispetto del Regolamento De Minimis.

Per ulteriori informazioni e dettagli, il testo integrale del D.M. 4 dicembre 2014 è disponibile al seguente link: http://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/normativa/decreto_ministeriale_4dicembre2014.pdf

Napoli, 13/01/2015

Italia Startup Visa: nuovi talenti e capitali in Italia. La Conferenza Stampa di presentazione a Roma il 24 giugno

Martedì 24 giugno 2014 (ore 15:00) presso la sede di LUISS EnLabs a Roma sarà presentato il portale dedicato al programma Italia Startup Visa, a cura del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero degli Affari Esteri per facilitare l’avvio di startup nel nostro Paese da parte di aspiranti imprenditori provenienti da Paesi extra-UE.

Come è possibile leggere nelle Linee Guida “Italia Startup Visa – La politica del Governo Italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri” (elaborate a cura dei Ministeri dello Sviluppo Economico, degli Affari Esteri, dell’Interno, del Lavoro e delle Politiche Giovanili), si tratta di una procedura speciale riservata a cittadini extra-UE per ottenere attraverso una procedura snella un visto di lavoro autonomo startup della durata di un anno.

Italia Startup Visa nasce come strumento per attrarre capitali e talenti imprenditoriali innovativi dall’estero, e si basa su una serie di meccanismi burocratici particolarmente semplici e veloci grazie ai quali un aspirante imprenditore straniero in possesso di una certa quantità di capitale da destinare all’avvio del proprio progetto di impresa (minimo 50.000 euro) può iniziare la propria startup in territorio italiano.

Con un iter legislativo iniziato nell’ottobre 2012, grazie all’introduzione delle startup innovative e degli incubatori certificati attraverso il Decreto Crescita Bis (DL 179/2012), l’ecosistema startup italiano aggiunge con Italia Startup Visa un’altra tappa al suo percorso, che va ad affiancarsi al Regolamento CONSOB sull’Equity Crowdfunding e al Piano Destinazione Italia.

Napoli, 18/06/2014

Chiarimenti sulla normativa e le agevolazioni per startup innovative ed incubatori certificati: pubblicata la Circolare dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la Circolare n.16/E dell’11 giugno 2014, dedicata al tema delle agevolazioni fiscali in favore delle startup innovative e degli incubatori certificati: il documento offre un quadro di analisi della normativa in materia e chiarisce una serie di aspetti importanti nella disciplina di tali tipologie di imprese, introdotte nell’ordinamento legislativo nazionale italiano dal Decreto Legge n. 179 del 18 ottobre 2012 (convertito con modificazioni dalla Legge n. 221 del 17 dicembre 2012).

Tra gli aspetti più interessanti affrontati nel testo della Circolare segnaliamo innanzitutto un chiarimento che apporta una novità positiva per le startup innovative e gli incubatori certificati: si tratta dell’estensione dell’esonero dall’imposta di bollo e dai diritti camerali di segreteria, previsto dall’art. 26 comma 8 del DL 179/2012.

Unioncamere infatti, su esplicita richiesta da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, ha chiarito che tale esonero deve essere interpretato “nella sua più ampia accezione possibile”: per cui, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che l’esonero dal versamento dell’imposta di bollo vada interpretato come esonero generale, relativo a tutti gli atti delle start-up innovative successivi all’iscrizione nella Sezione Speciale del Registro delle Imprese.

Il mantenimento dell’esenzione dipende dal mantenimento dei requisiti per la qualifica di startup innovativa e di incubatore certificato, e in ogni caso non può superare la durata di quattro anni dall’iscrizione alla Sezione Speciale del Registro delle Imprese. A tal proposito, la Circolare ricorda che la perdita dei requisiti per la qualifica di startup innovativa comporta la cancellazione d’ufficio dalla Sezione Speciale, e che tale perdita è equiparata al mancato deposito della dichiarazione che attesta il mantenimento del possesso di tali requisiti (qui, il nostro approfondimento sull’argomento: http://www.incubatorenapoliest.it/iscritto-come-startup-innovativa-come-mantenere-i-requisiti/).

Tra le novità più recenti introdotte in materia, la Circolare riprende la nota prot. n. 0103425 del 30 maggio 2014 riguardante le startup innovative già esistenti alla data di entrata in vigore della legge di conversione del DL 179/2012: per tali imprese, la durata di applicazione della disciplina inerente le startup innovative segue uno schema temporale ben preciso.

1) Imprese costituite dal 20/10/2012 al 18/10/2012: la durata massima di applicazione della disciplina è di quattro anni (fino al 18/12/2016);

2) Imprese costituite dal 20/10/2009 al 19/10/2010: la durata massima di applicazione della disciplina è di tre anni (fino al 18/12/2015);

3) Imprese costituite dal 20/10/2009 al 19/10/2009: la durata massima di applicazione della disciplina è di due anni (fino al 18/12/2014).

La Circolare n.16/E contiene inoltre un quadro descrittivo di tutte le agevolazioni per startup innovative ed incubatori certificati in materia fiscale: strumenti finanziari, accesso al credito di imposta per assunzioni di personale, incentivi all’investimento (Detrazione IRPEF e Deduzione IRES).

Per ulteriori approfondimenti, si rimanda alla lettura del testo integrale della Circolare n.16/E dell’Agenzia delle Entrate, disponibile in formato PDF al seguente link: http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/nsilib/nsi/documentazione/provvedimenti+circolari+e+risoluzioni/circolari/archivio+circolari/circolari+2014/giugno+2014/circolare+n16e+del+11+giugno+2014/Circolare+16+dell_11+giugno+2014x.pdf

Napoli, 13/06/2014

Let’s Start Up: il contest internazionale per idee innovative di giovani con un’esperienza in un programma di mobilità internazionale

AGM Milano e le 6 sedi milanesi di ESN – Erasmus Student Network sono gli organizzatori di Let’s Start Up, la competition internazionale per business ideas nata per premiare le migliori idee innovative di talenti provenienti da tutto il mondo: il filo conduttore che collega tutti i partecipanti è la partecipazione (attuale o passata) ad un programma di mobilità internazionale come Erasmus.

Possono presentare la propria idea progettuale, infatti, team composti da giovani di età compresa tra 18 e 30 anni all’interno dei quali almeno uno dei componenti sia in possesso di uno dei seguenti requisiti:

– sia attualmente o sia stato in passato studente in un progetto di international mobility;

– sia attualmente o sia stato in passato studente in una università di uno Stato differente da quello di residenza, anche non europeo;

– sia attualmente o sia stato in passato associato al network di ESN.

In tutti e tre i casi, i requisiti devono essere certificabili grazie ad apposita documentazione.

Il contest Let’s Start Up non prevede settori preferenziali per lo sviluppo delle idee imprenditoriali: ciò che conta è la componente innovativa, la creatività e l’originalità, il focus sulla soluzione innovativa in aree di particolare rilevanza per lo sviluppo economico e sociale a livello nazionale ed internazionale.

Il punto di partenza degli organizzatori è la convinzione che chi ha vissuto un’esperienza in un programma di mobilità internazionale acquisisce sicurezza, apertura mentale e maggiore intraprendenza: si tratta di persone che, grazie all’ambiente multiculturale in cui vivono, diventano più dinamiche, intraprendenti e flessibili. Per questo, sono preparate ad assumersi i rischi e ad accogliere le sfide che l’imprenditoria innovativa presenta.

Per partecipare a Let’s Start Up occorre compilare il form disponibile al link http://letstartup.agm-milano2014.eu/upload-your-idea-2/ entro il 19 giugno 2014: la domanda è in lingua inglese e richiede di allegare alcuni documenti, tra cui i CV dei componenti del team proponente.

Entro il 30 giugno saranno comunicati gli esiti delle selezioni: la Giuria sceglierà i progetti finalisti e i proponenti (massimo 4 persone per ciascun team) saranno invitati a partecipare all’evento Italian Week.
Durante l’Italian Week, che si terrà a Milano dal 21 al 27 luglio 2014, i partecipanti avranno l’opportunità di vivere un’esperienza formativa e di networking con workshop, meeting e training.
Il programma prevede la partecipazione di startupper di successo, incubatori, acceleratori, potenziali investitori ed esperti del settore (tra gli appuntamenti in programma, una giornata di training al Microsoft Innovation Campus, 3 giorni dedicati al Business Model Canvas, mezza giornata di laboratorio sul tema delle più moderne tecnologie innovative tra cui la stampa 3D).

L’Italian Week si concluderà con la presentazione delle idee dei finalisti alla giuria, che sceglierà i due progetti vincitori.
Il premio per i due vincitori consiste in un periodo di formazione a Brisbane (Australia), con la possibilità di scegliere uno dei seguenti corsi:

1. Certificate IV in Frontline Management
2. Diploma in Human Resources Management
3. Diploma of Management
4. Diploma of Marketing
5. Advance Diploma of Management (Human Resources)
6. Advanced Diploma of Management
7. Advanced Diploma of Marketing

Il premio Australian Scolarship nasce dalla collaborazione di Let’s Startup Up con MyAustralianDream e Queensland International Institute, e comprende sia i costi per la partecipazione ai corsi che il supporto per l’accomodation in Australia.

Per maggiori informazioni: http://letstartup.agm-milano2014.eu/

Per candidature: http://letstartup.agm-milano2014.eu/upload-your-idea-2/

Per il Regolamento: http://letstartup.agm-milano2014.eu/wp-content/uploads/2014/04/LSUP_announcement.pdf

Napoli, 27/05/2014

Presentazione Sportello Bando Startup: appuntamento lunedì 19 presso la Sede Unione Industriali Napoli

Lunedì 19 maggio 2014, a partire dalle ore 15:00, la Sede dell’Unione Industriali Napoli (Piazza dei Martiri, 58) ospiterà l’evento di presentazione dell’apertura dello Sportello per il Bando Startup, la prima ad entrare in vigore tra le misure previste dal Fondo PMI della Regione Campania.

Interverranno al seminario: Vincenzo Caputo, Vice Presidente Giovani Imprenditori Confindustria; Francesco Paolo Iannuzzi, Direttore Generale DG Sviluppo Economico e Attività Produttive, Regione Campania e Teresa Zannelli, Responsabile Comunicazione e Sviluppo – Sviluppo Campania.
Prima della chiusura dei lavori, è prevista una sessione dedicata alle domande dei partecipanti.

Il Bando, come anticipato in questo post del nostro blog sull’argomento, nasce allo scopo di sostenere la nascita di nuove imprese sul territorio campano (in particolare quelle formate in prevalenza da giovani under 35 e donne): sarà possibile accedere alle agevolazioni a partire dal 29 maggio 2014.

Le agevolazioni del Bando Startup consistono in finanziamenti a tasso agevolato a copertura del 100% degli investimenti ammissibili, da restituire in 7 anni con un periodo di 24 mesi di differimento. I finanziamenti possono essere ricompresi in una fascia tra 25.000 e 250.000 euro per ciascuna impresa.

La dotazione finanziaria complessiva messa a disposizione dalla Regione Campania per il Bando Startup è pari a 30 milioni di euro.

Per maggiori informazioni e adesioni: http://www.unindustria.na.it/Unindustria/it/ricercaeinnovazione.wp?contentId=EVN125545

Napoli, 16/05/2014

Eventi per startup e innovatori: dal 27 al 29 marzo a Napoli “Smart City MED”

ForumPA, in collaborazione con ANEA e SMART City Exhibition, propone l’evento “Smart City MED 2014”, che si terrà a Napoli (Mostra d’Oltremare) dal 27 al 29 marzo 2014 in contemporanea con Energy Med: l’ingresso è gratuito iscrivendosi on line (al seguente link: http://www.energymed.it/infovis/reg_invito.htm) e inserendo il codice invito SMARTEM14. Promotore dell’evento, il Comune di Napoli che si pone come centro di raccordo rispetto agli attori significativi e alle “eccellenze” del territorio.

Smart City MED 2014 nasce come momento di incontro e confronto tra le migliori esperienze di smart cities del Sud Italia, e si presenta con l’ambizione di diventare un punto di riferimento per il tema Smart City nell’area del Mediterraneo: si tratta infatti un punto fondamentale, al centro dell’attenzione delle politiche di sviluppo economico e sociale sia a livello nazionale che comunitario.

L’evento è aperto ad amministratori, ricercatori, addetti ai lavori ed imprese tecnologicamente avanzate ed innovative e si apre con un interessante convegno inaugurale nella mattinata di giovedì 27 (ore 9:30/13:00) dedicato al tema “Le opportunità della nuova programmazione dei Fondi Europei 2014-2020”. Le due tavole rotonde previste si focalizzano sulla nuova programmazione europea in tema di energia e sulle opportunità in tema di sviluppo e innovazione delle città offerte dai programmi comunitari.

Tra gli altri eventi in programma nella tre giorni Smart City MED, segnaliamo inoltre il convegno “Smart City del Mediterraneo e Agenda Digitale” (giovedì 27 – ore 14:30/17:00 Sala 1), sulle possibilità offerte dalle priorità di Agenda Digitale riguardo a fatturazione elettronica, anagrafe e identità digitale. Nell’ambito del convegno sarà presentato il progetto di innovazione sociale “S2-MOVE”, finanziato dal bando del MIUR dedicato alle startup delle Regioni Convergenza.

Un altro momento particolarmente interessante per aspiranti imprenditori è previsto venerdì 28 (ore 14:30/17:00 Sala 2) con il convegno “Smart economy: sviluppo del territorio e nuova occupazione”. Durante il convegno si cercherà di far luce sul modo in cui le specificità e risorse dei nostri territori possono contribuire all’offerta di opportunità occupazionali e di crescita sociale, mettendo in risalto i settori e i servizi in tema di smart economy che possono garantire risultati economici anche in periodo di crisi.

Infine, segnaliamo ad imprese e startup il convegno di sabato 29 (ore 9:30/13:00) dedicato al tema “Smarter enterprise in smarter cities”. Si definiscono “smarter enterprise” le imprese innovative, in particolare le startup, che possono rilanciare l’economia grazie al loro impatto a livello di comunità, di città e anche europeo o mondiale.
Questo tipo di impresa è strettamente connessa alla smart city: l’obiettivo dovrebbe essere quello di costituire una rete di imprese intelligenti che si muove in un ecosistema aperto ed innovativo (open innovation network) per dar vita a città innovative ed intelligenti.

Per maggiori informazioni e per il programma completo dell’evento Smart City MED, il link di riferimento è: http://smartcitymed.landing.forumpa.it/

Napoli, 21/03/2014

1 2