Loading...

Tag: incubatore

Pushapp s.r.l. su Repubblica.it con la sua App “Check SUD”

L’App Check Sud sviluppata da Pushapp s.r.l. trova spazio oggi su La Repubblica: il quotidiano nazionale cita la startup attualmente insediata al CSI – Centro Servizi Incubatore Napoli Est in questo articolo sul tema della spesa a chilometri zero, comparso oggi nella sezione “Ambiente”.

Pushapp è una giovane App Factory napoletana che opera da circa due anni nel settore mobile ideando, sviluppando e commercializzando applicazioni per smartphone e tablet.

Pushapp si distingue per la passione e la creatività con cui svolge il proprio lavoro: questo permette ai founders Ottavio Sgrosso, Marco Vladovich Relja e Ivan Paudice di seguire ogni giorno i propri prodotti con la massima cura ed attenzione.

Per saperne di più su Pushapp s.r.l. e sui componenti del suo team, trovate la scheda della startup nella sezione Portfolio del sito internet www.incubatorenapoliest.it

 

Napoli, 17/09/2013

VulcanicaMente 2 e il crowdfunding: proseguono le attività del CSI

Mercoledì 11 settembre 2013, al CSI – Centro Servizi Incubatore Napoli Est del Comune di Napoli, si è tenuto l’open workshop sul tema “Finanziare il tuo progetto con il CrowdFunding”: l’iniziativa rientra nelle attività di animazione e sensibilizzazione sui temi dell’imprenditorialità innovativa poste in essere dall’Incubatore.

Il tema del CrowdFunding è certamente di notevole interesse mondiale. Basti pensare che il mercato del CrowdFunding ha “raccolto” 2,8 miliardi di dollari nel 2012 e la tendenza è in netta crescita. L’Italia ha, per il momento, una normativa, recentemente emanata, unica al mondo, che conferisce un vantaggio competitivo per chi svilupperà progetti, competenze e servizi in questo settore. In tale ambito, il Comune di Napoli è stata una delle prime Amministrazioni in Italia a organizzare un incontro divulgativo sul tema del CrowdFunding.

L’evento si è aperto con due brevi interventi di Gaetano Camarda, dirigente del Servizio Mercato del Lavoro, Ricerca e Sviluppo del Comune di Napoli, il quale ha illustrato alcune delle attività in programma dell’Amministrazione comunale per supportare startuppers ed aspiranti imprenditori partenopei, e di Giampiero Bruno, referente del raggruppamento Soges Spa/dConsulting Srl che eroga le attività specialistiche del CSI. Nell’ambito di tali interventi sono state presentate le opportunità della seconda edizione di “VulcanicaMente: dal talento all’impresa“, l’iniziativa che offre agli aspiranti startuppers e talenti creativi innovativi la possibilità di trasformare le proprie idee di business in startup nonché di accedere agli spazi e ai servizi del CSI – Centro Servizi Incubatore Napoli Est.

In seguito, il workshop è entrato nel vivo con l’intervento di Alberto Giusti, business angel, noto esperto italiano in materia di assistenza alle startup, che ha offerto ai partecipanti un’interessante panoramica sul mercato del CrowdFunding, prima di tutto a livello globale e poi con un focus particolare sulla situazione del fenomeno in Italia. Giusti ha, inoltre, analizzato con spiccato rilievo pratico il progetto di CrowdFunding in tutte le fasi che lo compongono (canali e strumenti, budget, attori ed execution), rispondendo alle domande e curiosità dei presenti.

La giornata dedicata al fenomeno del CrowdFunding è proseguita con una sessione pomeridiana espressamente riservata all’approfondimento dei progetti delle sette startup innovative attualmente insediate negli spazi dell’Incubatore del Comune di Napoli.

Gli iscritti all’evento sono stati oltre 35, tra cui rappresentanti di Enti istituzionali come ENEA (Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) e l’Università degli Studi di Napoli Federico II, insieme a rappresentanti del mondo associazionistico e, naturalmente, agli aspiranti startuppers napoletani.

Ricordiamo che l’Open Workshop “Finanziare il tuo progetto con il CrowdFunding” rappresenta il primo esempio degli eventi ed opportunità che il CSI – Centro Servizi Incubatore Napoli Est ha in calendario per il mese di settembre 2013: per tutte le informazioni sui prossimi appuntamenti basta visitare la sezione Eventi&Iniziative del sito www.incubatorenapoliest.it

Napoli, 16/09/2013

Startup e coworking: quando la condivisione è un’opportunità

Il coworking è uno stile lavorativo che prevede la condivisione degli spazi di lavoro tra persone che fanno parte di organizzazioni differenti o che lavorano in maniera autonoma e indipendente.
Chi lavora in uno spazio di coworking condivide non soltanto gli spazi, ma anche i valori delle persone coinvolte, beneficiando delle sinergie che si creano quando persone talentuose e creative lavorano a stretto contatto.

Spesso incubatori e acceleratori di startup affiancano ai tradizionali servizi offerti (mentorship, networking, supporto allo sviluppo delle startup ospitate) elementi tipici del coworking, prevedendo appositi spazi destinati a tale modalità lavorativa: il coworking offre infatti una serie di vantaggi molto utili per startup all’inizio del proprio percorso.

Il vantaggio più immediato che il coworking consente di ottenere è ridurre in maniera significativa i costi operativi e delle utenze, senza rinunciare ai servizi più importanti per un office space.
Ma sono soprattutto le persone coinvolte a fare la differenza: in uno spazio di coworking è possibile stringere nuove amicizie e collaborazioni, costruire una vera e propria rete di professionisti e collaboratori, avere accesso ad una serie di nuove opportunità di business.

Una startup early stage può trovare molto utile muovere i primi passi in un ambiente del genere: si tratta di una situazione dinamica e flessibile, in cui il team entra in contatto con altre aziende e professionisti, creando situazioni sempre nuove per migliorare le proprie competenze, per trovare altri talenti con cui confrontarsi e a cui ispirarsi e per sviluppare al meglio la propria creatività.

Lavorare in uno spazio di coworking significa quindi fare continuamente esperienze di networking ed arricchimento: si entra a far parte di una grande community in cui esperienze e talenti sono condivisi con l’obbiettivo della crescita di tutti i partecipanti.

Molto diffuso nelle grandi capitali europee, in testa Berlino e Londra, il coworking negli ultimi tempi si sta diffondendo in maniera sempre più veloce e capillare anche in Italia: prima di tutto con iniziative private, ma negli ultimi mesi anche alcuni enti pubblici e locali hanno deciso di cogliere l’occasione di offrire spazi attrezzati a giovani talenti creativi per condividere un’esperienza lavorativa che consente ai partecipanti di accrescere profitti e creatività.

Ed è proprio tra questi enti che ritroviamo il Comune di Napoli, con l’iniziativa VulcanicaMente2: dal talento all’impresa. Tra tutte le idee innovative che saranno presentate allo staff dei tutor durante le selezioni, saranno individuate le migliori proposte che potranno usufruire gratuitamente degli spazi di coworking messi a disposizione dal CSI – Centro Servizi Incubatore Napoli Est e di tutti i servizi che il CSI offre alle startup ospitate al suo interno.

Non perdere l’occasione di mettere in gioco il tuo talento! Puoi partecipare alle selezioni di VulcanicaMente2 compilando il form di prenotazione per il TechDay: l’appuntamento è per il 24 e il 25 settembre!

Tutte le informazioni su VulcanicaMente2 sono disponibili nella sezione Eventi & Iniziative del sito www.incubatorenapoliest.it

Napoli, 03/09/2013

I primi passi di una startup: errori da evitare e consigli utili secondo Paul Graham

Paul Graham ha raccolto in un interessante post apparso qualche settimana fa sul suo blog una serie di consigli ed aneddoti utili per le startup agli inizi del loro percorso imprenditoriale. Il titolo, “Do Things That Don’t Scale”, suggerisce il concetto di partenza dell’autore: spesso i founders sono convinti che una startup o decolla immediatamente, oppure non lo farà mai.

In realtà una startup decolla perchè sono i suoi fondatori, con il proprio lavoro, a renderlo possibile: occorre una spinta per dare origine al processo di crescita, che passa innanzitutto per l’acquisizione dei primi clienti attraverso attività non scalabili.

Ciò si traduce in modalità di acquisizione dei primi clienti che Graham definisce “manuali”: bisogna uscire e andare di persona a proporre ai potenziali interessati il proprio prodotto, non ci si può permettere di restare fermi ad aspettare che siano loro ad avvicinarsi.

Spesso i founders pensano che i numeri ottenibili da un percorso di questo tipo siano troppo piccoli e non valgano lo sforzo: Graham fa un esempio molto efficace per smentirli. Se si parte da un bacino di potenziali clienti pari a 100, basta proporsi un incremento settimanale del 10%: dopo 7 giorni saranno 110, dopo un anno 14.000, dopo due anni il bacino potrebbe essere di 2 milioni.

Altra convinzione errata, che spesso Graham ha ritrovato nei founders incontrati nella sua carriera, è guardare alla fragilità iniziale tipica di ogni startup agli inizi come ad un ostacolo impossibile da superare: il rischio è che siano gli stessi fondatori a non credere più nella propria idea. L’autore racconta che persino Bill Gates, dopo aver fondato Microsoft, era tornato per un semestre ad Harvard: se fosse stato consapevole del successo che ha poi ottenuto, probabilmente non sarebbe tornato nemmeno per un giorno, ma all’inizio è facile scoraggiarsi.

Graham suggerisce agli startuppers agli inizi della carriera di ridimensionare la loro visione, non bisogna domandarsi “la mia azienda è in grado di conquistare il mondo?”, ma “quanto grande questa azienda potrebbe diventare se i fondatori faranno le cose come si deve?”.

Quando si entra in quest’ottica, si può iniziare ad acquisire il primo, piccolo bacino di clienti: ed è in questo momento che i founders devono impegnarsi al massimo per renderli felici. Graham sottolinea l’importanza di puntare sull’aspetto esperienziale, sul rendere il cliente felice e sul farlo sentire speciale per aver scelto proprio il nostro prodotto: cosa che probabilmente non sarà più possibile fare quando la startup avrà scalato e i clienti saranno troppi per essere seguiti in questo modo.

Ma quando una startup è agli inizi, non è il momento di preoccuparsene: i founders devono impegnarsi e concentrare tutti i propri sforzi sul rendere i primi clienti felici, sul soddisfare il più possibile i loro bisogni, mantenendo alti gli standard di servizio.

Graham prende in prestito il pensiero di Steve Jobs per definire il tipo di sforzo che la startup deve intraprendere per rendere felice il cliente: deve essere uno sforzo “follemente grande”, nel senso letterale del termine. La soddisfazione del cliente deve essere lo scopo primario, tutti gli sforzi devono essere indirizzati a questo obbiettivo: l’autore spiega anche perché, dicendo che i feedback ottenuti dai primi clienti sono i più utili che qualsiasi azienda possa ottenere nell’intero arco della sua vita.

Tutto ciò è possibile, secondo Graham, soltanto se la startup si rivolge ad una piccola quota di mercato: un po’ come Facebook, che agli inizi era esclusivamente agli studenti di Harvard, per poi rivolgersi agli studenti di altri istituti fino ad espandersi a livello globale.
Il metodo consigliato da Graham è di concentrarsi inizialmente su un sottoinsieme del mercato, in cui ottenere rapidamente una massa critica di utenti per testare il prodotto. Solo più tardi sarà possibile rivolgersi ad un mercato più ampio: spesso questo processo è seguito dai founders in maniera inconscia, ma funziona nella maggioranza dei casi.

L’importanza di iniziare “dal basso” è alla base del prossimo consiglio dell’autore del post: una startup agli inizi deve cercare il più possibile di provvedere autonomamente a realizzare il proprio prodotto, evitando di sostenere costi per i fornitori.
Questo aspetto si ricollega ancora una volta all’importanza di acquisire i primi clienti e concentrarsi al massimo sulla loro soddisfazione: se la realizzazione del prodotto avviene direttamente ad opera della startup, sarà più semplice ed immediato apportare le eventuali modifiche necessarie dall’ascolto dei feedback della clientela.

Da questo punto di vista, Graham afferma che i primi clienti che la startup acquisisce vanno visti come dei veri e propri consulenti, che possono comunicare i propri bisogni e problemi su cui i founders possono lavorare per migliorare il proprio prodotto.

Come si può intuire, tutte le azioni suggerite per gli inizi di un’impresa sono sicuramente non-scalabili: anzi, secondo Graham, è fondamentale svolgere manualmente, direttamente, per poter ottenere i massimi livelli di soddisfazione dei primi clienti.

La conclusione di Graham, quindi, è che potrebbe essere utile smettere di guardare alla startup come a un’azienda per la quale l’unica cosa che conta è avere un modello di business scalabile: occorre un duplice punto di vista, che insieme alla scalabilità prenda in considerazione l’importanza di svolgere azioni non scalabili per raggiungere il traguardo di una startup di successo globale.

 

Paul Graham è il fondatore di Y Combinator, incubatore rivoluzionario nato nel 2005 che ad oggi ha fondato oltre 500 startup. Per saperne di più:

 

Anche il CSI – Incubatore Napoli Est offre ai talenti creativi con un’idea imprenditoriale in mente l’opportunità di mettersi in gioco e provare a trasformarla in una startup vulcanica!

Sono aperte le iscrizioni a VulcanicaMente 2: dal talento all’impresa. Compila subito il form di iscrizione per i nostri eventi di scouting: trovi tutte le informazioni nella sezione Eventi & Iniziative del nostro sito www.incubatorenapoliest.it!

Napoli, 28/08/2013

Startup italiane nel Regno Unito: l’edizione 2013 di “UK – Italy Springboard”

Sono aperte fino al 18 ottobre le iscrizioni per l’edizione 2013 di UK – Italy Springboard, la competition riservata a startup italiane ad elevato potenziale di crescita nel settore hi-tech interessate a sviluppare il proprio business nel Regno Unito e a livello internazionale organizzata da UK Trade & Investment, agenzia governativa che offre servizi di assistenza e consulenza gratuiti per società estere che vogliano investire o stabilirsi nel Regno Unito.

L’iniziativa prevede la collaborazione di diversi partner, tra i quali l’Ambasciata Britannica di Roma e il Consolato Generale Britannico di Milano, Banca Intesa Sanpaolo con la sua Start-Up Initiative e SETsquared Incubators, il network che comprende gli incubatori di 5 delle maggiori università britanniche (Bath, Bristol, Exeter, Southampton e Surrey).

Le startup selezionate per il programma UK – Italy Springboard saranno ammesse all’Investor Readiness Boot Camp, l’evento della durata di due giorni che si terrà a Milano il 28 e 29 ottobre 2013, durante il quale avranno l’occasione di incontrare mentors ed esperti a livello internazionale. I finalisti del Boot Camp potranno inoltre presentare il proprio pitch di fronte ad una giuria internazionale composta da venture capitalist, investitori e protagonisti del mondo dell’imprenditoria e dell’innovazione.

Il primo classificato tra i finalisti di UK – Italy Springboard 2013 avrà inoltre la possibilità di soggiornare per un periodo di 6 mesi in uno degli incubatori del network SETsquared nel Regno Unito, con una propria postazione di lavoro, incontri di mentorship e accesso alla rete SETsquared US per poter migliorare la propria business strategy con una visione d’eccezione sul mercato statunitense.

Il secondo premio consiste invece in un mese di soggiorno all’interno di uno degli incubatori della rete SETsquared. Sia il primo che il secondo premio, inoltre, comprendono la possibilità di partecipare alle sessioni di training con lo studio GRM Law (uno dei più antichi e famosi studi legali di Londra, specializzato in startup e multinazionali) e l’accesso ad almeno una delle tappe previste dall’Intesa Sanpaolo Start-Up Initiative.

Infine, sono previsti dei Premi Speciali riservati a particolari settori, tra cui Digital e Aerospaziale.

I progetti saranno valutati sulla base di criteri quali Prodotto/Tecnologia, Business Model, Dimensione del mercato e scalabilità, Barriere all’entrata e vantaggio competitivo, Team e Sostenibilità finanziaria.

Per partecipare all’edizione 2013 di UK – Italy Springboard, bisogna compilare il form di iscrizione (disponibile qui) entro il 30 settembre 2013 (ATTENZIONE: deadline prorogata al 18 ottobre 2013!)

Il Regolamento della competition e tutte le informazioni sono disponibili al sito: http://www.uk-italybusinessawards.it/

Ricordiamo inoltre che sono attualmente aperte le iscrizioni per la partecipazione alla competition VulcanicaMente 2, trovate tutte le informazioni utili ed i form di iscrizione nella sezione Eventi e Iniziative del sito www.incubatorenapoliest.it.

Napoli, 27/08/2013

 

Buone notizie per startup e incubatori: Accesso gratuito e semplificato al Fondo di Garanzia Italiano

Con la Circolare n. 652 del 26 luglio 2013, MCC (MicroCredito Centrale) ha stabilito i criteri e le modalità per l’accesso gratuito e semplificato di startup innovative e incubatori certificati al Fondo di Garanzia per piccole e medie imprese: da oggi, per startup e incubatori l’accesso al sistema delle garanzie è ancora più semplice e conveniente.

La previsione di una procedura semplificata era prevista dal decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, datato 26 aprile 2013: trovate qui il nostro post sull’argomento.

La Circolare di MCC rappresenta l’ultimo tassello necessario al completamento dell’iter legislativo iniziato con l’art. 30, comma 6 del Decreto Sviluppo Bis (DL 179/2012), secondo cui l’accesso al Fondo di Garanzia è gratuito e con modalità semplificate sia per le startup innovative che per gli incubatori certificati.

Il tassello precedente, per definire le modalità e le condizioni, è stato il DM 26/04/2013, il quale ha stabilito che la procedura di accesso gratuito e semplificato al Fondo di Garanzia:

– è riservata a startup e incubatori regolarmente iscritti all’apposita Sezione Speciale del Registro delle Imprese;
– prevede un importo massimo garantito per ciascuna domanda pari a 2,5 milioni di euro, con una copertura fino all’80% del rischio di esposizione;
– è concessa senza valutazione dei dati contabili di bilancio;
– alle domande che seguono tale procedura è concessa la priorità di istruttoria da parte del Comitato di Valutazione.

La Circolare di MCC ribadisce i contenuti del DM 26/04/2013 e introduce due condizioni necessarie per accedere al sistema gratuito e semplificato:

1. l’operazione non deve essere assistita da garanzie diverse da quelle del Fondo;
2. viene ribadito l’obbligo di presentazione della dichiarazione di iscrizione della startup o dell’incubatore alla Sezione Speciale del Registro delle Imprese.

Qualora tali condizioni non vengano rispettate, la domanda di accesso al Fondo di Garanzia non potrà beneficiare della procedura semplificata e dei vantaggi di cui sopra, ma sarà valutata secondo la procedura ordinaria. Nel caso in cui vengano acquisite garanzie diverse (punto 1), l’accesso al Fondo di Garanzia sarà comunque gratuito.

Un piccolo ma significativo passo in avanti per la creazione di un ecosistema italiano a favore della nascita di startup.

Anche il ns. incubatore, tramite la nuova edizione di VulcanicaMente dal Talento all’impresa, cerca di dare il suo contributo all’ecosistema offrendo gratuitamente spazi, mentorship e networking a chiunque abbia un’idea o le competenze per creare un’impresa innovativa. Puoi partecipare subito e in pochi passi da qui.

Napoli, 30 luglio 2013

LUISS EnLabs: nuova call aperta fino al 15 settembre per l’acceleratore romano

E’ aperta fino al 15 settembre 2013 la call per il programma di accelerazione dell’incubatore LUISS EnLabs di Roma Termini che partirà nel mese di novembre.

LUISS EnLabs selezionerà le 6 migliori startup tra quelle che presenteranno la propria candidatura inviando una mail all’indirizzo applications@luissenlabs.com (specificando nell’oggetto il nome della startup).

La call per il programma romano di accelerazione è destinata a startup operanti nel settore ICT, che abbiano un’idea dirompente, originale ed innovativa e siano presentate da un team motivato, con grandi capacità di apprendimento ed adattamento e molta voglia di lavorare.

I criteri di valutazione per la selezione delle startup sono essenzialmente cinque: il team, il mercato (con preferenza per quelli in rapida crescita), il prodotto (non basta l’idea, è preferibile avere almeno una versione alpha o meglio ancora beta del prodotto), la roadmap (avere una vera e propria tabella di marcia in cui sono esplicitati obiettivi e azioni per i 5 mesi di accelerazione) e vantaggio competitivo.

Il programma in partenza a novembre avrà una durata di 5 mesi, durante i quali gli startuppers imparano a gestire l’azienda partendo dall’osservazione del mercato di riferimento.
Le startup di LUISS EnLabs apprendono e applicano i principi dell’approccio “Lean Startup” grazie al supporto di mentors e consulenti. LUISS EnLabs garantisce inoltre un contatto diretto con i potenziali clienti e mette a disposizione un network di startuppers che hanno alle spalle esperienze di successo. Grazie al confronto con loro, i team che prendono parte al programma possono imparare le best practices del settore.

L’offerta di LUISS EnLabs comprende 30.000 euro cash, la possibilità per i team di usufruire di postazioni di lavoro e del programma di accelerazione dei mentors, l’incontro con una platea di investitori e la partecipazione agli eventi organizzati periodicamente dall’acceleratore.

Agli startuppers che entrano a far parte di LUISS EnLabs è richiesto di lavorare nei locali dell’incubatore (e quindi di trasferirsi a Roma) per i 5 mesi di durata del programma di accelerazione.

Per tutte le informazioni sul programma di accelerazione e sulla call (ricordiamo la deadline: 15 settembre 2013), il sito internet di LUISS EnLabs è disponibile a questo link.

Scopri anche la nuova call del CSI :: VulcanicaMente: dal talento all’impresa.

Napoli, 29 luglio 2013

La nuova call di b-ventures, percorsi di accelerazione e 50.000 euro per le migliori startup tecnologiche

Il programma b-ventures nasce da un progetto di Buongiorno s.p.a., azienda leader a livello mondiale nel settore dello sviluppo e la gestione di app per il mobile.

Obiettivo di b-ventures è accelerare la crescita di startup innovative nel settore tecnologico, grazie all’esperienza dei suoi mentors e al network globale di consolidate relazioni commerciali di Buongiorno: b-ventures offre servizi professionali di coaching e investimenti in venture capital, con percorsi di accelerazione ed incubazione nella sede di Buongiorno a Parma, avvalendosi della collaborazione di due tra i più grandi acceleratori della Silicon Valley (500 StartUps e Rocket Space).

b-ventures offre tre differenti percorsi alle startup selezionate per partecipare al programma:

Incubation: è il percorso riservato ad idee innovative in fase early stage, prevede una postazione di lavoro per 3 mesi nella sede di Parma, durante i quali saranno erogati una serie di servizi professionali per lo sviluppo della business idea.

Acceleration: dedicato alle startup che hanno seguito il percorso di incubazione b-ventures, oppure a startup provenienti dall’esterno ma con un business model già definito. Alle startup selezionate per il percorso di accelerazione, b-ventures offre 30.000 euro di capitale cash, più altri 30.000 euro in servizi professionali.

Globalization: questo programma è per startup che abbiano partecipato al percorso di accelerazione b-ventures, o che provengano dall’esterno ma siano già mature e pronte per espandersi a livello mondiale. A queste startup b-ventures offre un finanziamento cash di 50.000 euro, e 200.000 euro in servizi professionali.

Attualmente è possibile rispondere alla call di b-ventures, inviando la propria candidatura a questo link (il form è in fondo alla pagina) entro il 30 settembre 2013: le startup ed idee selezionate parteciperanno di diritto al pitch day previsto a Parma il 10 ottobre 2013.

Napoli, 11 luglio 2013

I bandi e le competition per startup: date e scadenze utili

Nelle ultime settimane abbiamo approfondito vari bandi e competition interessanti per le startup e gli aspiranti imprenditori in possesso di idee creative ed innovative: per ciascuno di essi ci sono settori di riferimento, caratteristiche, premi e date di chiusura che abbiamo pensato di schematizzare e “mettere in ordine” per avere un quadro di riferimento utile.

Vi proponiamo quindi la nostra tabella riepilogativa, che contiene tutti i bandi e le competition utili in chiusura nelle prossime settimane di cui abbiamo parlato nel blog, con i link di riferimento ai nostri post di approfondimento.

COMPETITION/BANDO DESCRIZIONE PREMIO LINK AL BLOG DEL CSI DATA DI CHIUSURA
Fondo di Garanzia – Sezione Speciale per Imprese Femminili Sezione Speciale del Fondo di Garanzia per PMI destinata ad imprese e startup femminili, prevede la possibilità di accedere agli strumenti di garanzia diretta, controgaranzia e cogaranzia. Procedura di Garanzia semplificata e gratuita per imprese e startup femminili – Importo massimo finanziabile 2.500.000 euro Link Dal 14/01/2014
Bando MISE per Investimenti Innovativi nelle imprese del Mezzogiorno – Macchinari Regime di agevolazione per programmi di investimento siano finalizzati all’acquisto di immobilizzazioni materiali ed immateriali avanzate da un punto di vista tecnologico, innovativi e in grado di accrescere i livelli di efficienza e/o di flessibilità nello svolgimento del business. Destinato ad imprese delle Regioni Convergenza. Sovvenzione rimborsabile a tasso zero per investimenti tra 200.000 e 3 milioni di euro. La percentuale da restituire varia a seconda della dimensione dell’impresa Link Dal 27/02/2014
Plafond Beni Strutturali Plafond per finanziamenti e contributi a tasso agevolato per micro, piccole e medie imprese con sede in Italia destinato all’acquisto di macchinari, impianti, beni strutturali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché l’acquisto di hardware, software e tecnologie digitali. Finanziamenti da 20.000 a 2 milioni di euro + Contributo MISE sugli interessi + Accesso al Fondo di Garanzia (copertura fino all’80% dei costi) Link Dal 31/03/14
Misura “Reti di Impresa” – Fondo PMI Regione Campania Bando per la concessione di contributi destinato ad aggregazioni di micro e PMI con sede operativa nel territorio campano, riunite in Contratto di Rete e composti da almeno tre imprese. Il progetto di rete dovrà essere finalizzato all’innovazione e/o all’incremento della competitività delle imprese aderenti alla Rete. Sono ammesse sia reti già costituite, che reti costituende (entro 30 gg dall’ammissione alle agevolazioni). Finanziamenti a tasso agevolato per importi comprese tra 100.000 e 1 milione di euro, a copertura del 100%del programma di investimento – durata 7 anni con 12 mesi di differimento Link Dal 08/09/14
Credito di Imposta per assunzioni di personale qualificato Introdotto dal Decreto Legge 83/2012, il credito di imposta per assunzioni di personale qualificato prevede procedure semplificate e accesso prioritario alle agevolazioni per startup innovative e incubatori certificati. Con Decreto Direttoriale del 28/07/2014 è stato predisposto il calendario per la presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni: – dal 15 settembre 2014 e fino al 31 dicembre 2014 per le assunzioni effettuate nel periodo dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2012;
– dal 10 gennaio 2015 per le assunzioni effettuate nell’anno 2013;
– dal 10 gennaio 2016 per le assunzioni effettuate nell’anno 2014.
L’agevolazione consiste in un credito di imposta del 35% del costo aziendale sostenuto (fino a un limite di 200 mila euro annui per ciascuna impresa) per le assunzioni a tempo indeterminato di personale altamente qualificato, con laurea magistrale o in possesso di dottorato di ricerca, da impiegare in attività di ricerca e sviluppo. Link Dal 15/09 al 31/12/14
Bando Disegni +2 Il Bando del MISE e Unioncamere prevede una dotazione complessiva di 5 milioni di euro, destinati ad agevolazioni per micro, piccole e medie imprese regolarmente iscritte al Registro delle Imprese e con sede legale e operativa in territorio italiano, per il supporto a progetti di valorizzazione di un disegno/modello, singolo o multiplo Contributo in conto capitale, a copertura massima dell’80% delle spese ammissibili (fino a 65.000 € per la fase di produzione e fino a 15.000 € per la fase di commercializzazione) Link Dal 06/11/14
Smart&Start Italia Lo strumento del MISE prevede la possibilità di agevolazioni per start-up innovative su tutto il territorio nazionale in possesso dei seguenti requisiti:
essere costituite da non oltre 48 mesi dalla data di presentazione della domanda di agevolazione, essere imprese di piccola dimensione, avere sede legale e operativa sul territorio nazionale italiano. Possono partecipare anche team di persone fisiche che intendono avviare una start-up innovativa e cittadini stranieri in permesso del Visto Start-up.
Finanziamenti a tasso agevolato per piani di investimento da un minimo di 100.000 a un massimo di 1,5 milioni di euro. Le percentuali del finanziamento variano tra il 70% e l’80%. Link Dal 16/02/15
DigitalOn Contest promosso da Aviva e Polihub destinato a progetti innovativi con focus sul miglioramento della produttività di professionisti, imprenditori e PMI, con particolare attenzione alla protezione delle attività e all’assicurazione del business. La partecipazione è aperta a persone fisiche (singolarmente o in team), sviluppatori, startup avviate da non oltre 5 anni e imprese già consolidate con un progetto innovativo. 12 mesi di accelerazione a Polihub e accesso al programma di accelerazione Startup Program del MIP – Politecnico di Milano + Premi Speciali Link 11/01/15
StartUp Initiative di Intesa Sanpaolo – Fashion & Design Call per startup innovative con soluzioni tecnologiche avanzate in ambiti afferenti all’industria della moda e del design: tecnico-tessile, accessori, gioielli, lifestyle, soluzioni retail, 3D printing, service design, industrial design, arredamento, illuminazione, crowdsourcing creativo, etc. BootCamp Weekend / Deal Line-Up / Investor Arena Meeting Link 11/01/15
Programma INCENSe – Call Start Up Green Bando riservato a startup, PMI e team di persone fisiche con un progetto incentrato sullo sviluppo di innovazioni tecnologiche market-oriented che rendano il settore dell’energia più smart ed efficiente. Tra i settori elencati dal Bando si segnalano: Energy efficiency & Home automation; Energie rinnovabili; E-mobility e Ciber Security. Finanziamenti fino a 150.000 € + percorso di incubazione di 6 mesi Link 15/01/15
EGS Call for Project Call di EGS e Mind The Bridge per startup e talenti con progetti innovativi web based in tema eGovernment e eProcurement destinati alla PA italiana. Sono previsti tre vincitori. Collaborazione con EGS per lo sviluppo del progetto con possibilità di acquisizione, investimento o partnership Link 18/01/15
NòvaGrant 19 grant da 3.000 euro ciascuno per altrettante borse di studio dedicate a chi vuole cimentarsi nella narrazione dell’innovazione in 8 città italiane. L’iniziativa è aperta a studenti o laureati da non oltre 12 mesi nelle Università della Regione di appartenenza della città prescelta. Borse di studio della durata di 6 mesi e del valore di 3.000 € Link 31/01/15
StartUp Initiative di Intesa Sanpaolo – Red, Green & White Biotech Call per startup innovative con idee riconducibili ai seguenti settori: life sciences, diagnostica, drug discovery & delivery, terapia e trattamenti, biotecnologie per l’ambiente e l’agricoltura, biotech per le applicazioni industriali, biomateriali e biocarburanti, biotech marino. BootCamp Weekend / Deal Line-Up / Investor Arena Meeting + Roadshow Internazionale Link 15/02/15
StartUp Initiative di Intesa Sanpaolo – Healthcare & Medical Devices Call per startup innovative con idee riconducibili ai seguenti settori: prevenzione delle malattie; diagnosi, trattamento e terapie; chirurgia; strumentazioni di laboratorio; impianti e protesi; salute e riabilitazione; etc. BootCamp Weekend / Deal Line-Up / Investor Arena Meeting Link 15/02/15
H-Camp Spring 2015 Call for startup per l’accesso al programma di accelerazione internazionale di H-Farm, aperto alle 10 migliori startup in fase pre-seed con un progetto in una delle seguenti aree: Fashion & Design; Food & Wine; Travel & Tourism; Retail Experience (online e offline); Internet of Things (smart home e connected cars). Programma di accelerazione + 10.000 € in contanti Link 15/02/15
Brilliant Young Entrepreneurs Concorso nato su iniziativa di Junior Achievement Italia, Hyundai Italia e Fondazione Italiana Accenture aperto a studenti italiani e stranieri iscritti un Corso di Laurea, un Master o un Dottorato di Ricerca presso qualsiasi università o scuola di specializzazione post – diploma italiana, di età compresa tra i 18 e i 30 anni, residenti in Italia e in possesso di un’idea imprenditoriale da trasformare in una vera attività di impresa 15.000 € a fondo perduto Link 16/02/15
Culturability – Spazi d’innovazione sociale Call per progetti di innovazione culturale con un forte impatto sociale aperta a: organizzazioni senza scopo di lucro composte in maggioranza da giovani Under 35; reti di organizzazioni non profit, anche per progetti in partnership con soggetti con sede all’estero, istituzioni ed enti pubblici, soggetti imprenditoriali, in cui le singole organizzazioni coinvolte prevedano un organo amministrativo, direttivo o consiliare composto in maggioranza da Under 35; team informali in cui tutti i componenti abbiano età compresa tra i 18 e i 35 anni. 6 premi da 60.000 € ciascuno (di cui 40.000 € a fondo perduto + 20.000 € in servizi di incubazione) Link 28/02/15
Arch Grants Global Startup Competition Call globale per il programma di accelerazione statunitense di Arch Grant, aperto a startup innovative di tutti i settori, per team disponibili a stabilirsi per almeno un anno a St Louis. Percorso di accelerazione + 50.000 $ in contanti Link 31/03/15

Paqos, startup insediata al CSI, partecipa a InnovAction Camp 2013

Pasquale Simonetti è il founder di Paqos s.r.l., una delle società attualmente inserite nel processo di incubazione del CSI – Incubatore Napoli Est con il progetto ItDoes: la piattaforma nasce allo scopo di offrire un servizio che coinvolga una comunità di persone a condividere specifiche esigenze e a collaborare per risolverle.

Pasquale ha superato le selezioni e da oggi fino al 12 luglio parteciperà all’edizione 2013 di InnovAction Camp: si tratta del percorso formativo ideato da InnovAction Lab che si svolge in una ex base NATO immersa in un bosco riserva naturale del Lazio.

Il programma garantisce ai 20 partecipanti selezionati la possibilità di incontrarsi e condividere un’esperienza formativa fatta di coworking, seminari, pitch session per poter affinare la propria business idea in un progetto da presentare ad un panel di investitori.

Un’ottima occasione di crescita e formazione per aspiranti startuppers e innovatori, riservata solo a pochi partecipanti: complimenti e in bocca al lupo a Paqos!

  • Per saperne di più su Paqos s.r.l. e sul progetto ItDoes, qui il link nel nostro Portfolio.
  • Per saperne di più su InnovAction Camp, qui la pagina con le informazioni e il programma.

Napoli, 08/07/2013

1 33 34 35 36