Loading...

Tag: premio

@Diversity Idea Competition: innovazione e tecnologie per la cultura in Europa

La Commissione Europea punta sul binomio ICT – cultura e lancia @Diversity: Innovative Ideas for the Cultural and Creative Sectors in Europe: si tratta di una Idea Competition riservata alle 15 migliori idee innovative sull’uso delle tecnologie innovative dell’informazione e della comunicazione applicate ai prodotti culturali.

L’obbiettivo di @Diversity è quello di testare nuovi approcci per creare, diffondere, finanziare e creare valore nel settore culturale, grazie all’esplorazione di nuove idee e, di conseguenza, di nuovi modelli di business nel rispetto della diversità culturale.

Possono partecipare al concorso i cittadini di tutti gli Stati Membri dell’UE e della Croazia, sia come singoli che come organizzazioni (sono ammesse imprese ed enti no profit ed è prevista la possibilità di partnership tra gli attori). @Diversity riserva inoltre ai giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni una categoria a sé: The Young Culture Award.

Le idee devono fare un uso innovativo delle ICT in una delle seguenti categorie:

  • Make Culture: idee finalizzate a produrre o riprodurre contenuti culturali o avviare un servizio culturale;
  • Spread Culture: idee finalizzate a far circolare, distribuire e promuovere prodotti e risorse culturali;
  • Access Culture: idee finalizzate ad agevolare l’accesso alle risorse culturali e/o ridurre le barriere d’accesso;
  • Finance Culture: idee che presentano meccanismi di finanziamento alternativi per finanziare la creazione, la diffusione e l’accesso ai contenuti culturali.

Riguardo ai settori culturali di riferimento, @Diverisity ne elenca cinque:

  • Patrimonio culturale (gallerie, biblioteche, musei, archivi);
  • Audiovisivi (musica, film, videogiochi, multimedia);
  • Performing Arts (musica dal vivo, teatri, opera, danza, spettacoli di luci e suoni);
  • Creazione ed esposizione di oggetti d’arte/prodotti tangibili (pittura, scultura, arte grafica, arte concettuale, installazioni);
  • Editoria (libri, stampa).

Per partecipare occorre iscriversi online registrando il proprio account e compilando l’apposito form di iscrizione: la call resta aperta fino al 19 Agosto 2013.
Tra tutti i partecipanti, saranno selezionati i 15 progetti più innovativi ed originali che parteciperanno alla cerimonia di premiazione che avrà luogo a Bruxelles il 5 novembre 2013, in occasione dello European Culture Forum.

Per i 15 progetti vincitori verrà attivato un apposito programma di Coaching che comprenderà due sessioni on line (dal 13 novembre 2013 al 19 marzo 2014), un workshop a Londra il 19 e 20 marzo 2014 e un seminario finale a Bruxelles nel settembre 2014, che si svolgerà con due sessioni di pitching al cospetto della comunità internazionale di investitori.

Per maggiori informazioni: https://www.at-diversity.eu/

Napoli, 14/06/2013

Paqos e Rehub: due start up del CSI al Premio Best Practices per l’Innovazione

Tra i finalisti per il Premio Paolo Traci – Best Practices per l’Innovazione, due delle start up attualmente incubate al CSI – Incubatore Napoli Est: Paqos e Rehub.

Paqos presenta il progetto ITDOES, la piattaforma che permette di coinvolgere una comunità di persone a condividere specifiche esigenze e collaborare per risolverle. I servizi di ITDOES sono offerti principalmente tramite applicazioni per smartphone e tablet (ad es. iPhone eiPad), allo scopo di organizzare al meglio le proprie attività ricorrenti condividendole con ci sta intorno in modo da ricevere o fornire aiuto.

Per saperne di più su Paqos srls e su ITDOES:

Per votare ITDOES al Premio Best Practices per l’Innovazione: http://213.92.15.210/ATechSenseCom/poll/vote.jsp?poll_id=4&poll_evaluated_id=99

REHUB è una community rivolta ai ricercatori accademici e dei centri di ricerca pubblici, privati e delle imprese, nonché a dottori di ricerca e dottorandi a cui vuole offrire gli strumenti per creare innovazione attraverso la valorizzazione dell’interdisciplinarietà e il dialogo tra discipline umanistiche e discipline scientifiche. Lo scopo è quello di dare un forte impulso al processo di trasformazione che sta vivendo la ricerca internazionale negli ultimi anni, traghettando il mondo della ricerca ancora più avanti sulla strada della condivisione e della collaborazione online, secondo i principi e le pratiche dell’Open Science.

Per saperne di più su REHUB:

Per votare REHUB al Premio Best Practices: http://213.92.15.210/ATechSenseCom/poll/vote.jsp?poll_id=4&poll_evaluated_id=109

Un premio da 5.000 euro per l’innovazione sociale: il Kublai Award

Kublai è un’iniziativa del Ministero dello Sviluppo Economico e del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica del MISE per avviare e incentivare progetti di sviluppo locale. Kublai organizza il Kublai Award: si tratta del premio destinato al miglior progetto di innovazione sociale registrato alla community ning che raccoglie tutti i partecipanti a Kublai. Per il 2013, il bando prevede due premi: uno previsto per il mese di luglio, l’altro per novembre.

Il Kublai Award mette in palio un voucher del valore di 5.000 euro, da spendere per la formazione per servizi utili alla crescita del progetto. Il premio è messo in palio dal Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica del MISE e possono partecipare tutti i progetti iscritti alla community ning di Kublai precedentemente al 30 maggio 2013.

Per partecipare all’edizione di luglio, infatti, basta iscrivere il proprio progetto di innovazione sociale compilando il form di iscrizione e allegando il documento di progetto redatto secondo lo schema progettuale presente all’interno del sito. Le candidature dovranno essere inviate entro le ore 15:00 del 30 maggio 2013.

Il documento progettuale dovrà concentrarsi su tre aspetti fondamentali:

1) Il cuore dell’idea: Idea progettuale e piano delle attività;

2) Le persone e le alleanze per lo sviluppo del progetto: il team promotore, la realtà locale, le alleanze e le collaborazioni, l’assetto organizzativo;

3) Prospetto economico-finanziario e timeline di realizzazione del progetto.

Per decretare il vincitore, i progetti affronteranno prima di tutto una preselezione di cui si occuperà lo staff di Kublai che comunicherà entro il 5 luglio i progetti finalisti (massimo 10). La preselezione verrà effettuata sulla base dei seguenti criteri:

  • Qualità del documento di progetto
  • Partecipazione della community alla discussione sul progetto
  • Condivisione dei valori di Kublai: progettazione partecipata, socializzazione e scambio delle idee ed esperienze, trasparenza, apertura.
  • Credibilità della proposta in relazione al profilo ed alle competenze dei proponenti

L’aspetto della community e dei valori di partecipazione, socializzazione e scambio è infatti fondamentale nella visione del progetto Kublai: a tal fine, oltre alla piattaforma ning, sono a disposizione degli iscritti degli appositi help desk che consentono ai partecipanti di interagire con i responsabili e lo staff di Kublai.

I progetti finalisti verranno valutati da una giuria di esperti e addetti ai lavori nel corso di un evento che avrà luogo a metà luglio. Il vincitore sarà decretato tenendo in considerazione i seguenti parametri:

  • Fulcro dell’iniziativa (idea progettuale e piano delle attività)
  • Innovatività e originalità
  • Realizzabilità (immediata) e sostenibilità economica
  • Qualità e completezza della presentazione/pitch
  • Persone (organizzazione e alleanze)
  • Rilevanza rispetto al contesto

Per tutte le informazioni: http://www.progettokublai.net/2013/05/21/kublai-award-iscrizioni-aperte-per-il-premio-di-luglio/

Per scaricare il Regolamento del Kublai Award: http://www.dps.tesoro.it/documentazione/bandi/DD_KUBLAI_AWARD_2013_ALL_1.pdf

Napoli, 23 maggio 2013

Berlino, Londra, Dublino: Le migliori startup d’Europa per Tech All Stars

Tech All Stars è una delle iniziative dedicate alle Startup a livello comunitario nell’ambito della Digital Agenda. Si tratta di un progetto della Commissione Europea consistente in una serie di eventi che si terranno quest’estate a Berlino, Londra e Dublino per offrire alle migliori startup europee la possibilità di incontrare i migliori imprenditori, mentor, venture capitalist e business angels.

Per poter partecipare, le startup devono possedere tre requisiti: essere registrate in uno degli Stati Membri, essere in attività da meno di tre anni e aver raccolto meno di 1 milione di euro di capitali esterni.
La deadline per candidare il proprio progetto è fissata per il 15 maggio 2013, è possibile iscriversi a questo link: http://www.f6s.com/techallstarsapply#programs/ajax-application

Le tappe previste per Tech All Stars sono:

  • 7 e 8 giugno a Berlino: in collaborazione con Angels Bootcamp, vi parteciperanno le 12 migliori startup selezionate tra tutte quelle che avranno presentato la propria candidatura. I partecipanti visiteranno la città e avranno l’oppostunità di incontrare i migliori mentor, imprenditori ed investitori. Con i loro consigli, impareranno a implementare e migliorare il proprio pitch e riceveranno preziosi feedback dagli esperti del settore. A Berlino la giuria sceglierà le migliori tre startup che proseguiranno l’avventura di Tech All Stars.
  • 13 giugno a Londra: Tech All Stars partecipa con le tre startup finaliste al Founders Forum, durante il quale potranno presentare il proprio pitch ad una platea composta dai migliori imprenditori ed investitori della scena internazionale, tra cui spiccano i nomi di Mark Zuckerberg (Facebook) e Richard Branson (Virgin). Si tratta di un evento molto esclusivo cui difficilmente le startup hanno accesso, è pertanto un’occasione unica per i tre progetti finalisti.
  • 19 e 20 giugno a Dublino: il vincitore potrà visitare la città e soprattutto presentare il proprio progetto agli esperti della Commissione Europea della Digital Agenda, da cui riceverà un riconoscimento e un premio speciale.

Per saperne di più: http://techallstars.eu/

Napoli, 24/04/2013

Il Turismo, nuova frontiera di sviluppo per le startup innovative in Italia?

In un paese come l’Italia, il turismo rappresenta sicuramente una delle potenziali fonti di ricchezza e, in quanto tale, un settore in cui può essere molto proficuo investire.
Appaiono molto interessanti le potenzialità di applicazione delle tecnologie digitali e dell’ICT nel settore, tanto che da tempo si parla di Turismo 2.0 come nuova e promettente opportunità per il sistema economico nazionale.
Basti pensare alle grandi possibilità di sfruttare le ICT e il digital per ottimizzare la comunicazione dell’offerta turistica, da parte degli operatori privati ma anche e soprattutto delle amministrazioni pubbliche: le nuove tecnologie applicate al Destination Management consentirebbero di spaziare in nuovi orizzonti nella costruzione e comunicazione dell’immagine turistica del territorio.
L’innovazione tecnologica, in campo turistico, passa anche da tutto ciò che riguarda la sostenibilità, la qualità della vita e il rispetto per l’ambiente: ecco perchè energie green e smart city sono sicuramente concetti connessi al turismo, in quanto migliorano l’attrattività dei territori sia per cittadini e imprese che per turisti e visitatori.

Attualmente le startup innovative nel settore sono ancora molto poche, basti pensare che secondo i dati recentemente diffusi da Infocamere, tra le startup iscritte al Registro delle Imprese solamente 3 fanno capo al settore turistico.
Sembra però che la situazione stia cambiando: innanzitutto a livello istituzionale, come dimostra il Bando Startup pubblicato dal MIUR nel mese di marzo. In ognuna delle tre linee di intervento destinate ai progetti innovativi di impresa, infatti, il turismo è inserito nell’elenco dei settori di intervento previsti dalla normativa. In particolare, per le linee 1 e 2 (Big Data e Cultura ad impatto aumentato) si parla genericamente di turismo, mentre per la linea 3 (Social Innovation Cluster) è previsto nello specifico il settore del turismo responsabile.
Da notare che nel Bando Startup si fa ampio riferimento anche alle energie green e a tematiche tipiche delle smart city: per la linea 1 si fa riferimento ai settori della mobilità e dell’energia, mentre per la linea 3 si parla di energie rinnovabili, sviluppo sostenibile e utilizzo efficiente delle risorse naturali; tutela dei beni culturali, paesaggistici e ambientali e soluzioni innovative per la qualità della vita.

L’incremento dell’interesse per il settore turistico si rileva anche in iniziative non istituzionali, come ad esempio nel recente bando per il Premio Marzotto: nella sezione “Premio Impresa del Futuro” sono messi in palio ben 250.000 euro per la migliore idea imprenditoriale che abbia un significativo impatto positivo in ambito sociale, culturale, territoriale o ambientale e il turismo è ancora una volta tra i settori di intervento preferibili elencati. Inoltre, anche da programmi di accelerazione come Working Capital e Mind The Bridge stanno venendo fuori esempi di startup innovative dedicate al settore turistico.

Tra le 12 startup presentate all’inaugurazione dell’edizione 2013 di Working Capital, ben due sono gli esempi connessi al turismo: CicerOOs, un motore di ricerca dedicato al mondo dei viaggi, e Map2app, software per la creazione di guide turistiche mobili.
Riguardo a Mind The Bridge, ha riscosso particolare successo il progetto Find your Italy, startup ospitata nell’acceleratore di impresa del Polo Tecnologico di Pavia, che ha vinto la borsa di studio per la scuola californiana di MTB ed è tra i finalisti della competition. Il suo progetto prevede la creazione di un network di persone ed esercizi commerciali locali che entrino in contatto diretto con il turista e lo accompagnino nel suo viaggio alla scoperta dell’Italia più autentica.

Un’altro esempio recente è dato della campagna per la promozione turistica e culturale dell’Isola di Malta lanciata dall’Ente del Turismo di Malta su web e mobile. La campagna prevede spazi pubblicitari sulle maggiori testate on line di RCS MediaGroup e Gruppo Editoriale L’Espresso e banner su mobile e su web. Su mobile è, inoltre,possibile consultare gratuitamente la Guida in formato PDF, realizzata con la collaborazione di Lonely Planet, e usufruire dell’applicazione “Visit Malta”.

La campagna è realizzata dalla 4w MarketPlace, startup dell’incubatore Digital Magics. Si tratta di un network pubblicitario italiano che gestisce campagne pubblicitarie sul web e tramite smartphone. Dal 2009 può contare su un accordo esclusivo con Premium Publisher Network, Consorzio fondato dal Gruppo Editoriale L’Espresso e da RCS MediaGroup – a cui hanno aderito RAI, La Stampa, ANSA, Gruppo Finelco, Class Editori e le principali testate locali. Dal 2011 è inoltre in possesso della certificazione come advertising provider di Facebook, che consente la vendita di pubblicità all’interno del social network. Infine, ha ricevuto nel 2012 un finanziamento di 2,5 milioni di euro da Principia SGR finalizzato al potenziamento dello sviluppo tecnologico.

Si tratta del caso più recente di una startup di successo che ha previsto l’applicazione delle tecnologie innovative al settore turistico: un campo che in Italia può offrire numerose e interessanti opportunità agli startupper.

Napoli 23/04/2013

Un montepremi del valore di 800.000 euro per il Premio Gaetano Marzotto 2013

Il 4 aprile 2013 è la data di apertura del bando per la partecipazione all’edizione 2013 del Premio Gaetano Marzotto, promosso ed ideato dall’Associazione Progetto Marzotto per creare in Italia una piattaforma dell’innovazione che intersechi capacità imprenditoriale e benessere sociale: lo scopo è quello si sostenere lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali che rispondano al duplice criterio di sostenibilità economico-finanziaria e generazione di benefici sul territorio nazionale con un montepremi complessivo del valore di 800.000 euro, suddiviso tra contributi in denaro, percorsi di affiancamento ed incubazione erogati da partner tra cui spiccano tra gli altri Unicredit, Seedlab, H-Farm, Fondazione Filarete, Luiss Enlabs e The Hub.

Il montepremi è ripartito tra:

  • Premio Impresa del Futuro: è destinato al miglior progetto imprenditoriale con capacità di generare significative ricadute positive negli ambiti sociali territoriali, culturali o ambientali. Gli ambiti di riferimento preferibili, rigorosamente Made in Italy, sono: moda e tessile, agroalimentare, turismo, farmaceutico, meccanica, casa, arredamento e ambiente. Il premio si compone di un contributo in denaro per la somma di 250.000 euro e un percorso di affiancamento della Fondazione CUOA, tra le più grandi business school del nord-est italiano. Lo scorso anno il Premio Impresa del Futuro è stato assegnato a Solwa srl, che ha presentato il proprio Modulo per la depurazione e potabilizzazione dell’acqua dichiarato dalle Nazioni Unite “Innovazione per lo sviluppo dell’Umanità”.
  • Premio per una nuova impresa sociale e culturale:è riservato alla migliore idea imprenditoriale capace di generare ricadute positive significative in campo sociale e culturale. I settori di intervento preferibili sono: servizi culturali, servizi alla persona, servizi sociali, servizi all’ambiente, terzo settore. Anche in questo caso il vincitore beneficerà di un percorso di affiancamento della Fondazione CUOA e di una somma di denaro pari a 100.000 euro. Il vincitore dell’edizione 2012 è stato Brain Control, un sistema basato sulla tecnologia BCI (Brain-Computer Interface) che classifica i segnali provenienti dai sensori per encefalogramma, consentendo a pazienti completamente o parzialmente paralizzati di controllare le tecnologie assistive mediante il pensiero. Il progetto ha ottenuto numerosi riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale.
  • Premio dall’idea all’impresa: è un premio del valore complessivo di 300.000 euro che non viene erogato tramite contributo in denaro, bensì sottoforma di un periodo di incubazione all’interno di 9 tra le migliori strutture del settore: Boox, Fondazione FIlarete, H-Farm, I3P,Enlabs, M31, Seedlab, The Hub, Vega. E’ riservato a giovani di età inferiore a 35 anni (o team composti in maggioranza da giovani). Al termine dell’edizione precedente, ad esempio, Seedlab ha ospitato MRS, Start Up salentina che opera in ambito cleantech, mentre H-Farm si è occupata di Happy Gift, una “community del regalo” in chiave social attualmente on line.
  • Premio Speciale Unicredit – Talento delle idee: è destinato ad almeno una Start Up per ciascuna delle tre categorie precedentemente descritte. Il premio, di un valore complessivo pari a 150.000 euro, si compone di:
  1. assegnazione di un tutor scelto tra professionisti, consulenti, imprenditori, partner di UniCredit sull’innovazione per confronti periodici con le startup su aspetti strategici e di crescita
  2. partecipazione alla Startup Academy focalizzata su tematiche rilevanti per le startup e realizzata con il contributo di partner del network internazionale di UniCredit
  3. programma di mentorship da parte del team di UniCredit/Talento delle Idee
  4. assegnazione di un Relationship Manager di UniCredit per seguire le esigenze bancarie delle startup
  5. organizzazione di incontri one-to-one con possibili investitori e clienti Corporate di UniCredit per partnership commerciali, industriali, tecnologiche.

Le candidature sono aperte dal 04/04/2013 al 30/06/2013, entro il 31 luglio le Giurie sceglieranno i progetti per ciascuna delle categorie. Gli esiti delle selezioni verranno comunicati entro il 5 agosto, ed entro il primo settembre dovrà essere consegnata l’eventuale documentazione aggiuntiva richiesta. Il 12/09/2013 è il termine entro il quale dovrà essere effettuato il colloquio con la giuria, mentre la premiazione è prevista per il mese di novembre 2013.

La partecipazione è aperta a persone fisiche, team, imprese start up, imprese già esistenti, cooperative e associazioni che abbiano sede legale e base di sviluppo in Italia, e i cui progetti abbiano ricaduta economica ed impatto positivo principalmente sul territorio italiano. Esclusivamente per la sezione “Premio dall’Idea all’Impresa” è fissato il limite di età a giovani entro i 35 anni.
I progetti dovranno essere inviati tramite il sito internet della competizione, nella sezione “Partecipa“.

Napoli, 08 aprile 2013

Startup culturali e creative, 200.000 euro in palio con il concorso Culturability

Nel mondo delle Start up si fa sempre più spazio alla cultura e alla creatività: lo dimostra la nuova iniziativa della Fondazione Unipolis, da sempre impegnata per la realizzazione di iniziative di responsabilità sociale e civile all’insegna della sostenibilità, che ha ideato e promosso il concorso “Culturability – la responsabilità della cultura per una società sostenibile“.
L’iniziativa è destinata ai giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni, ma il bando prevede possibilità di partecipazione anche per spin off di università, associazioni e organizzazioni non-profit con sede in Italia riconosciute o iscritte agli albi competenti e per cooperative e cooperative sociali, purché inattive, costituite da non più di un anno al momento di avvio del bando.

Gli obiettivi di Culturability sono tutti focalizzati sui concetti di cultura, creatività, sviluppo e sostenibilità: l’iniziativa mira a promuovere l’idea della cultura come fattore di coesione e inclusione sociale, favorendo l’accesso alla conoscenza e all’educazione da parte delle persone più deboli e tradizionalmente escluse.
Nella presentazione sul sito internet dedicato, infatti, si legge che “Culturability” è un termine che nasce dalla fusione di “cultura” e “capability”, ed evidenzia l’obiettivo di Unipolis di contribuire a costruire nuovi spazi reali e virtuali nei quali il tema dell’accesso alla cultura sia centrale per promuovere la coesione sociale e ridurre le disuguaglianze.

I partecipanti concorrono ad un premio del valore di 200.000 euro, attraverso un percorso di accompagnamento e sostegno garantiti da una rete di partner qualificati, tra i quali figurano Unipol Banca e Unipol Assicurazioni, Legacoop, i giovani cooperatori di Generazioni, gli esperti di SeniorCoop, Coopfond e la Fondazione <ahref, che si occuperà degli aspetti legati al web e al mondo digitale, mettendo a disposizione la propria piattaforma Timu, per raccontarsi e raccogliere suggerimenti.
La cifra sarà suddivisa tra i dieci migliori progetti che verranno selezionati fra quelli presentati nell’ambito del Bando, con un contributo di 20 mila euro per ciascun progetto.

Le idee finanziabili devono avere ad oggetto progetti culturali nell’ambito dei seguenti settori:

  • Attività core: arti visive, arti performative, patrimonio storico-artistico-architettonico;
  • Industrie culturali: editoria, comprese le sue declinazioni multimediali, industria musicale, radio-televisione, cinema e videogiochi
  • Industrie creative: architettura, pubblicità e branding, design.

Per partecipare, inoltre, i progetti dovranno avere le seguenti caratteristiche:

  • Promuovere la creazione di nuovi posti di lavoro, soprattutto per i giovani;
  • Avere un impatto sociale positivo, promuovere la coesione, favorire l’accesso alla cultura e ai saperi da parte del maggior numero di persone;
  • Attivare e incrementare la capacità di relazione e interazione con soggetti terzi attraverso la costruzione di reti territoriali e reti on-line;
  • Ricercare forme innovative di progettazione, produzione, distribuzione e fruizione della cultura;
  • Essere economicamente sostenibili nel tempo, affinché l’impresa cooperativa si mantenga attiva ed efficiente nel lungo periodo.

Il termine ultimo per la presentazione delle candidature, da presentare on line registrandosi al sito http://startup.culturability.org/, è fissato per il 30 aprile 2013.

Per leggere la versione integrale del bando: http://startup.culturability.org/bando

 

1 34 35 36