Loading...

Tag: fondo

Voucher Internazionalizzazione per startup e PMI: pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo

Il MISE ha pubblicato, in Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2015, il decreto che rende operativo l’intervento “Voucher per l’Internazionalizzazione” (Decreto Ministeriale del 15 maggio 2015), dedicato a PMI e reti di imprese che inseriscano in azienda un “Temporary Export Manager” per seguire e sviluppare la strategia di internazionalizzazione aziendale.

ministerodellosviluppoeconomico

I Voucher per l’Internazionalizzazione rappresentano un sostegno economico cui possono accedere micro e PMI (in forma di società di capitali o in cooperativa) e reti di imprese tra PMI con un fatturato minimo di 500.000€ in almeno uno degli esercizi dell’ultimo triennio (quest’ultimo vincolo non sussiste in caso di startup innovative ai sensi del DL 179/2012).

Per usufruire del Voucher, che ha valore di 10.000€, le imprese dovranno inserire in azienda un Temporary Export Manager per almeno 6 mesi e mettere in atto un cofinanziamento pari ad almeno 3.000€ (la spesa minima complessiva che l’impresa deve sostenere è quindi pari a 13.000€).
L’azienda beneficiaria deve inoltre rivolgersi ad una Società fornitrice tra quelle iscritte nell’apposito elenco pubblicato dal Ministero, che sarà pubblicato entro il 1° settembre 2015.

SOGGETTI FORNITORI

Fino al 20 luglio 2015 è infatti in atto l’attività di formazione dell’elenco dei soggetti fornitori: possono presentare domanda di inserimento nell’elenco le società con esperienza nei processi di internazionalizzazione (realizzazione con buon esito di almeno 10 progetti di export management della durata minima di tre mesi ciascuno, realizzati nell’arco dell’ultimo triennio). In alternativa, le società che possono iscriversi all’elenco dei fornitori di servizi per i Voucher per l’Internazionalizzazione devono disporre nel proprio organico di almeno 5 figure professionali con 5 anni di esperienza in materia di servizi a supporto dell’approccio commerciale verso mercati esteri e un buon livello di conoscenza della lingua inglese (C1 CEFR o equipollente).Le domande per l’inserimento nell’elenco possono essere inviate entro il termine ultimo del 20 luglio 2015, scaricando il modulo di domanda disponibile nella pagina dedicata all’intervento sul sito del MISE.

SOGGETTI BENEFICIARI

Riguardo, invece, ai soggetti beneficiari dei Voucher per l’Internazionalizzazione, l’apertura dello sportello per la procedura informatica di invio delle domande sarà attiva a partire dalle ore 10.00 del 22 settembre 2015 e fino al termine ultimo delle ore 17.00 del 2 ottobre 2015.

Il MISE ha stabilito che, a partire dalle ore 10.00 del 1 settembre 2015, le imprese interessate potranno registrarsi nella sezione del sito web istituzionale (http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/) all’apposita sezione denominata “Voucher per l’internazionalizzazione”, mentre a partire dalle ore 10.00 del 15 settembre 2015 le imprese, acquisita la password di accesso con la procedura di registrazione, potranno avviare e completare le fasi di compilazione della domanda di accesso alle agevolazioni.

La procedura e le modalità di accesso alle agevolazioni sono regolamentate dal Decreto del Direttore Generale per le politiche internazionali e la promozione degli scambi del 23 giugno 2015, che contiene in allegato la modulistica di riferimento, ed è disponibile qui in formato PDF: http://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/commercio_internazionale/voucher/Decreto_Direttoriale_23_06_2015.pdf

Per maggiori informazioni e approfondimenti: http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/incentivi/commercio-internazionale/voucher-per-l-internazionalizzazione

Napoli, 23/06/2015

L’Agenda del CSI: un fitto calendario di eventi per startup e innovatori nei prossimi giorni in Campania

Segnaliamo alcuni interessanti appuntamenti per l’agenda di startupper, imprenditori ed innovatori: a partire da domani e per i prossimi dieci giorni, infatti, sono previsti una serie di eventi interessanti in tutta la Campania, per un ricco calendario di incontri dedicati alle tematiche fondamentali dell’imprenditorialità innovativa.

9 GIUGNO – Gli Studenti di Economia della SUN creano imprese

A partire dalle ore 15:00 presso l’Aula Magna del Dipartimento di Economia della SUN (Capua – Corso Gran Priorato di Malta) 50 studenti della Seconda Univesità di Napoli, suddivisi in 10 team, presentano il Business Plan dei propri progetti di impresa.
I team hanno lavorato ai progetti imprenditoriali nell’ambito dei corsi magistrali tenuti dal prof. Mario Sorrentino (Business planning e creazione di impresa) e dalla prof.ssa Laura Castaldi (Relazioni impresa mercato), del Corso di Laurea Magistrale in Economia & Management.

Ciascun team avrà a disposizione 7 minuti per presentare il proprio Elevator Pitch ad una platea di cui faranno parte, tra gli altri, responsabili dell’area Public Sector & Territorial Development Sud di Unicredit e business angel campani.

I tre migliori progetti saranno accelerati per 6 mesi dallo Start Up Lab del Dipartimento di Economia della SUN.
Per maggiori informazioni sullo Start Up Lab della SUN:

http://www.economia.unina2.it/it/startuplab

11 E 12 GIUGNO – Work Cafè Premio Best Practices per l’Innovazione

Nell’ambito delle attività dedicate al Premio Best Practices, giovedì 11 e venerdì 12 giugno si svolgeranno le due giornate di Work Cafè “Shaking the tree”: si tratta di una serie di approfondimenti (della durata di mezz’ora ciascuno) incentrati sulle tematiche legate all’innovazione e all’ecosistema di startup e imprese innovative (che rappresentano il focus centrale del Premio).

I Work Cafè si svolgeranno nell’ambito delle due giornate dedicate alla finale del Premio, durante le quali sarà inoltre possibile prenotare un incontro one-to-one con un’azienda, uno sponsor o un partner dell’iniziativa (http://www.premiobestpractices.it/premioinnovazione/richiedi-un-incontro/).

I Work Cafè previsti sono 12, suddivisi nelle due giornate tra mattina e pomeriggio, secondo il calendario disponibile al seguente link:

http://www.premiobestpractices.it/premioinnovazione/work-cafe/

Gli appuntamenti sono gratuiti previa registrazione e possono essere seguiti anche in streaming.

13 GIUGNO – Make & Share

L’evento dedicato all’Internet of Things è organizzato da Tech Coffee in collaborazione con Informatici Senza Frontiere e L.I.Li.S. (Laboratorio per l’Informatica Libera Sannita) e si svolgerà a Benevento, nella location di Palazzo Paolo V (Corso Garibaldi).

Scopo della giornata è quello di ospitare makers, aziende e startup con progetti e prototipi, condividere idee, esperienze e know-how sulle tecnologie abilitanti dell’Internet of Things, incoraggiare l’apprendimento tramite talk di approfondimento e favorire il networking tra i partecipanti.

L’evento Make & Share è a ingresso gratuito, l’inizio è previsto alle ore 9:30 e si proseguirà fino alle 20:00. Il Programma è disponibile qui:

http://www.techcoffee.it/

15 GIUGNO – Puntiamo sulle imprese. Per una ripresa oltre le aspettative

La Sala D’Amato della sede Unione Industriali di Napoli (Piazza dei Martiri n. 58) ospita a partire dalle ore 15:00 l’incontro dedicato al tema “Puntiamo sulle imprese. Per una ripresa oltre le aspettative”.

Organizzato in collaborazione con Intesa Sanpaolo e Expo2015, l’evento sarà incentrato in particolare sulle PMI Innovative e prevede la partecipazione, tra gli altri, del Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan, del Presidente Unione Industriali di Napoli Ambrogio Prezioso e del Responsabile Area Sales & Marketing di Intesa Sanpaolo Stefano Barrese.

Per informazioni, adesioni e per il Programma completo:

http://www.unindustria.na.it/servizi/ricerca-e-innovazione/ultime-news-ed-eventi/470-puntiamo-sulle-imprese-per-una-ripresa-oltre-le-aspettative?utm_content=bufferf0180&utm_medium=social&utm_source=facebook.com&utm_campaign=buffer

17 e 18 GIUGNO – TechnologyBIZ 2015

Ospitato a Città della Scienza, TBIZ 2015 presenta anche quest’anno un programma articolato di conferenze, forum tematici, incontri B2B ed un tradeshow dedicato alla community di oltre 5.000 tra imprese, startup, ricercatori, professionisti e rappresentanti delle istituzioni.

In particolare, l’appuntamento di quest’anno è incentrato sulla promozione di contatti con USA, Canada, Brasile, Polonia, Australia e Kuwait, con singoli eventi suddivisi in tre aree fisiche: Conference, B2B Meeting e Tradeshow.

Le aree tematiche fondamentali di TBIZ 2015 sono:

Business Devils: opportunità e formazione per imprese startup;
Open World: informazione e formazione per l’internazionalizzazione;
Digital Transformation: gli strumenti tecnologici che stanno trasformando il mondo;
Smart Health: il rapporto tra uomo e ambiente è un’opportunità economica.

Per maggiori informazioni: http://www.tbiz.it/

16 GIUGNO – TECHGARAGE DI VULCANICAMENTE3

Ricordiamo infine che, tra gli eventi da segnare in agenda per startupper, imprenditori, innovatori, stakeholder dell’ecosistema dell’imprenditoria innovativa, la prossima settimana c’è il TechGarage – DemoDay di “VulcanicaMente: dal talento all’impresa 3”.

Martedì 16 giugno, a partire dalle 14:30, la Sala Vincenzo Gemito (Galleria Principe di Napoli – Piazza Dante, Napoli) ospiterà infatti l’evento conclusivo della fase di scouting del CSI: i 10 migliori team, dopo aver superato le selezioni, i TechDay e la TechWeek, approdano infatti all’ultimo appuntamento al termine del quale si conoscerà la graduatoria finale dei vincitori.

L’evento, aperto al pubblico e gratuito, prevede la moderazione di Gianluca Dettori e di Elena Collini.

Per informazioni e per partecipare al TechGarage di #VulcanicaMente3: http://www.incubatorenapoliest.it/events/techgarage-di-vulcanicamente-3/

Napoli, 08/06/2015

“Reti di impresa per l’artigianato digitale”: oltre 9 milioni di euro a disposizione dal MISE per reti di imprese e startup

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha approvato (con Decreto Direttoriale dell’11 maggio 2015) le misure attuative e i termini per la presentazione delle istanze per la richiesta di finanziamenti a favore dello sviluppo dell’artigianato digitale e della manifattura sostenibile.

La misura in questione nasce con Decreto MISE del 17 febbraio 2015 (pubblicato in GU n. 82 del 9 aprile 2015) con il nome “Reti di impresa per l’artigianato digitale” e prevede lo stanziamento di oltre 9 milioni di euro, destinati al finanziamento di programmi innovativi realizzati da reti di imprese sul territorio nazionale, che prevedano opportunità di diffusione, condivisione e sviluppo produttivo delle tecnologie di fabbricazione digitale.

Ingresso di Via Molise, 2

Con il decreto attuativo pubblicato nei giorni scorsi (GU n. 115 del 20 maggio 2015), sono state fissate le date per la trasmissione on-line delle domande di agevolazione: sarà possibile inviarle tramite PEC all’indirizzo dgiai.artigianatodigitale@pec.mise.gov.it dalle ore 10:00 del 1°luglio 2015 alle ore 12:00 del 25 settembre 2015.

Possono beneficiare delle agevolazioni reti di imprese (Associazioni temporanee di imprese, Raggruppamenti temporanei di imprese, Contratti di rete) o consorzi in possesso dei seguenti requisiti:

1) costituiti da almeno 15 imprese,
2) caratterizzati dalla presenza di imprese/microimprese artigiane per almeno il 50% dei partecipanti.

Sarà possibile richiedere il finanziamento per programmi innovativi finalizzati al conseguimento di uno o più degli obiettivi previsti dalla normativa, e in particolare:

creazione di centri di sviluppo di software e hardware a codice sorgente aperto per la crescita e il trasferimento di conoscenze alle scuole, alla cittadinanza, agli artigiani e alle microimprese;
creazione di centri per l’incubazione di realtà innovative nel mondo dell’artigianato digitale;
creazione di centri per servizi di fabbricazione digitale rivolti ad artigiani e a microimprese;
messa a disposizione di tecnologie di fabbricazione digitale;
creazione di nuove realtà artigianali o reti manifatturiere incentrate sulle tecnologie di fabbricazione digitale.

Inoltre, i programmi di investimento dovranno prevedere spese ammissibili per un ammontare compreso tra 100.000 e 1.400.000€ (al netto dell’IVA). La durata degli investimenti dovrà invece essere non inferiore a 24 mesi e non superiore a 36 mesi dalla concessione del finanziamento.

I programmi di investimento finanziabili dovranno infine prevedere forme di collaborazione con Istituti di ricerca pubblici, Università, Istituzioni scolastiche autonome, Imprese ed Enti autonomi con funzioni di rappresentanza del tessuto produttivo.

Tra le spese ammissibili al finanziamento, il Decreto dell’11 maggio 2015 elenca (art. 5):

a) beni strumentali nuovi di fabbrica,
b) componenti hardware e software strettamente funzionali al programma di investimento,
c) personale tecnico dipendente del beneficiario (e delle imprese che lo costituiscono), adibito alle attività di ricerca e sviluppo oggetto del programma,
d) consulenze tecnico-specialistiche e servizi equivalenti (fino al 30% dell’importo complessivo),
e) canoni di locazione degli immobili destinati alla realizzazione del programma,
f) oneri finanziari su finanziamenti bancari (fino al 10% dell’importo complessivo),
g) prestazioni di servizi per la realizzazione di prodotti editoriali finalizzati alla diffusione delle nuove tecnologie di fabbricazione e vendita digitale,
h) opere murarie ed assimilabili (fino al 10% dell’importo complessivo).

Le agevolazioni previste dall’intervento “Reti di impresa per l’artigianato digitale” consistono in una sovvenzione parzialmente rimborsabile di importo pari al 70% delle spese ammissibili, da restituire in misura pari all’85% della sovvenzione.
La somma dovrà essere restituita dal beneficiario secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti, senza interessi, in un massimo di 5 anni (10 rate).

Per maggiori informazioni e dettagli e per scaricare la modulistica si rimanda alla pagina web del MISE dedicata a “Reti di impresa per l’artigianato digitale”: http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/reti-di-impresa-per-artigianato-digitale

Napoli, 03/06/2015

Parte oggi il nuovo Microcredito del Fondo di Garanzia: 40 milioni per startup e professionisti

A partire da oggi, 27 maggio 2015, è operativo l’intervento del Fondo Centrale di Garanzia per le operazioni di Microcredito dedicato, in particolare, a giovani imprenditori, startup e professionisti titolari di partita IVA.
Regolato dai Decreti MISE del 24 dicembre 2014 e del 18 marzo 2015, l’intervento in questione prevede lo stanziamento di 40 milioni di euro destinati non ad erogazione diretta, bensì a favorire la concessione di finanziamenti attraverso la garanzia pubblica.

Microcredito-volano-di-sviluppo_articleimage

Come anticipato in questo post del nostro blog, il Microcredito del Fondo Centrale di Garanzia permette la copertura di finanziamenti fino ad un massimo di 25.000€ (elevabili a 35.000 in alcuni casi specifici) per una durata massima di 7 anni. Caratteristica principale dell’intervento è la possibilità di ottenere la garanzia in maniera diretta e rapida, tramite il sito istituzionale del Fondo, seguendo un percorso in tre step:

1) Prenotazione. I soggetti beneficiari possono prenotare on line la garanzia attraverso un’apposita procedura telematica (qui, il link di riferimento). Dopo aver effettuato la registrazione, si può effettuare la prenotazione, indicando alcuni dati (codice fiscale, ragione sociale, forma giuridica, PEC e indirizzo e-mail) e l’importo dell’operazione. Al termine della procedura, il richiedente avrà una ricevuta di attestazione dell’avvenuta prenotazione.

2) Conferma della prenotazione. La prenotazione on-line non comporta automaticamente la concessione della garanzia, né del connesso finanziamento: entro i successivi 5 giorni lavorativi, il soggetto beneficiario deve infatti trovare un soggetto disponibile a concedere il finanziamento e a confermare on-line la prenotazione. A tal fine si deve presentare al finanziatore la ricevuta di prenotazione e l’allegato 4 disponibile sul sito del Fondo.

3) Presentazione della domanda di ammissione alla Garanzia. Dopo la conferma della garanzia prevista dal passaggio precedente, è infine previsto un termine di 60 giorni entro il quale un soggetto abilitato ad operare con il Fondo dovrà presentare la richiesta di ammissione alla Garanzia.

I soggetti beneficiari che possono accedere al Microcredito del Fondo di Garanzia sono imprese già costituite o i professionisti già titolari di partita IVA, in entrambi i casi da non più di 5 anni.

1327420162

Sia i professionisti che le imprese devono avere non più di 5 dipendenti, che salgono a 10 soltanto nei casi di Società di persone, SRL semplificate, cooperative. Ancora, l’intervento prevede delle limitazioni per l’attivo patrimoniale (massimo 300.000€), i ricavi lordi (fino a 200.000€) e il livello di indebitamento (non superiore a 100.000€).
Inoltre, i professionisti devono essere iscritti agli ordini professionali o aderire alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal MISE ai sensi della legge 4/2013.

Riguardo agli investimenti ammissibili, i finanziamenti dovranno essere finalizzati all’acquisto di beni e servizi direttamente connessi all’attività svolta, al pagamento di retribuzioni di nuovi dipendenti o soci lavoratori e al sostenimento dei costi per corsi di formazione.

Riguardo alla possibilità di ottenere copertura fino a 35.000€ (anziché 25.000), essa si verifica nel caso in cui il finanziamento preveda l’erogazione frazionata, previa effettuazione di versamenti al pagamento puntuale di almeno le ultime sei rate pregresse e al raggiungimento di risultati intermedi stabiliti dal contratto.

Per maggiori informazioni, si rimanda al sito web istituzionale: http://www.fondidigaranzia.it/microcredito.html

Napoli, 27/05/2015

Fondo per le PMI in Campania: in arrivo 120 milioni di euro per finanziamenti fino a 350K

Con Decreto Dirigenziale n. 373 del 29/04/2015, la Regione Campania ha pubblicato la Direttiva di Attuazione relativa al Fondo per le PMI regionale, e in particolare all’Intervento straordinario per la competitività relativo all’Obiettivo Operativo 2.4 “Credito e Finanza Innovativa – Migliorare la capacità di accesso al credito e alla finanza per gli operatori economici presenti sul territorio regionale”.

Per la misura in questione, la Regione Campania mette a disposizione una dotazione economica di 120 milioni di euro, da utilizzare per il finanziamento di micro e PMI nel settore industriale, commerciale, turistico e della valorizzazione del patrimonio artistico, culturale e naturalistico in Campania.

I finanziamenti saranno destinati a MPMI con almeno una sede operativa in territorio regionale campano, operanti nei settori di attività ATECO 2007.
Le imprese beneficiarie dovranno essere costituite da almeno due anni all’atto di presentazione della domanda, essere regolarmente iscritte nel Registro delle Imprese e con un legale rappresentante nel pieno e libero esercizio dei propri diritti (per gli altri requisiti di ammissibilità, si rimanda all’art. 7 della Direttiva di Attuazione).

campania_logo

Le attività finanziabili attraverso le risorse in questione saranno:

ampliamento, diversificazione, riconversione, riorganizzazione delle unità produttive esistenti;
creazione di nuove unità produttive di beni e servizi e centrali di potenziamento logistico;
investimenti finalizzati alla realizzazione di aggregazione tra due o più operatori e/o alla realizzazione di integrazioni a monte o a valle dei processi produttivi e di erogazione dei servizi;
miglioramento delle performance energetiche ed ambientali, innovazione tecnologica di processo e/o di prodotto, potenziamento delle reti commerciali e distributive in Italia;
miglioramento dell’immagine e delle strategie di marketing in partnership con altri operatori, creazione, valorizzazione e tutela di proprietà intellettuali;
nuovi investimenti, ampliamento, ammodernamento e ristrutturazione delle strutture turistico – alberghiere;
introduzione di impianti e soluzioni architettoniche finalizzate ad accrescere la sicurezza, l’accessibilità e il comfort delle strutture.

I programmi ammissibili al finanziamento dovranno prevedere spese comprese tra:

Sezione A “Industria e servizi”: minimo 200.000€ e massimo 2.500.000€;
Sezione B “Turismo e commercio”: minimo 100.000€ e massimo 1.500.000€;
Sezione C “Altri operatori”: minimo 50.000€ e massimo 500.000€.

finanziamentiPMI

Le spese ammissibili (l’elenco completo è riportato all’art. 9.2 della Direttiva di Attuazione) sono quelle effettuate a partire dal giorno successivo alla data di presentazione della domanda di accesso al regime di aiuto. In ogni caso, il Programma di investimento deve partire nel corso del 2015 e concludersi entro il 31/12/2016.

Il regime di aiuto prevede un finanziamento a tasso agevolato, da restituire attraverso un piano di 40 rate trimestrali posticipate costanti a tasso 0, fino ad un massimo di 350.000€.

La concessione dei finanziamenti sarà regolata attraverso un apposito Avviso Pubblico, che sarà pubblicato prossimamente da Sviluppo Campania S.p.A. assieme alle tempistiche e alle modalità di accesso, di selezione e di valutazione delle domande.

Per ulteriori informazioni e dettagli, si rimanda alla lettura della documentazione (D.D. n. 373 del 29/04/2015 e Direttiva di Attuazione), scaricabili al seguente link: http://redazione.regione.campania.it/rcnews_ce/showDocumentsNletter.php?04e2cb8004f27fa7b8d0af5c5f9d0e39=87085c568a3837d21b6595451b1264cf&nletter=nletter&num_newsletter=335&pgCode=G6I56R6280&refresh=on

Napoli, 11/05/2015

#OPENTorrevecchiaPia: la call 2015 dell’incubatore pavese con percorsi trimestrali e borse di studio per la Silicon Valley

#OPENTorrevecchiaPia è l’incubatore pubblico dell’Alto Pavese dedicato all’accelerazione per imprese e startup innovative. Da alcuni giorni è aperta la Call 2015 per accedere al programma di incubazione trimestrale che sarà realizzato con la collaborazione del Polo Tecnologico di Pavia.

TorrevecchiaPia

Le candidature per la Call 2015 #OPENTorrevecchiaPia resteranno aperte fino al 20 maggio 2015: per partecipare è necessario compilare il form disponibile al seguente link http://www.opentorrevecchiapia.it/call-2015/
Al form di candidatura va allegato un pitch composto da un massimo di 10 slides, nell’oggetto del form va indicata la dicitura “CALL 2015” seguita dal nome della startup.

Possono partecipare alla Call 2015 #OPENTorrevecchiaPia sia singole persone fisiche che team: in caso l’idea candidata abbia già beneficiato di finanziamenti (pubblici o attraverso la partecipazione ad altri bandi, concorsi e manifestazioni) è obbligatorio darne comunicazione preventiva alla Segreteria Organizzativa.

Tra tutte le proposte progettuali pervenute, la Commissione di valutazione provvederà a selezionare le 5 migliori idee progettuali sulla base dei seguenti criteri: Value Proposition, Valore del Team, Potenzialità di Mercato, Tecnologia, Business Model, Social Proof e Validazione del Mercato.

OPENtorre

Le 5 idee selezionate dalla Commissione avranno diritto ad un percorso di incubazione presso #OPENTorrevecchiaPia (Via Libertà snc, Torrevecchia Pia – Pavia) della durata di tre mesi, con mentorship, formazione e tutoraggio personalizzati per ciascuna startup.

L’iniziativa prevede, inoltre, l’assegnazione di due borse di studio del valore di 2.500€ ciascuna per la partecipazione alla Mind The Bridge Start-up School di San Francisco, nella Silicon Valley (California).

Per maggiori informazioni, per application e per scaricare il Regolamento: http://www.opentorrevecchiapia.it/

Napoli, 04/05/2015

Bandi, Contest e Competition per startup e imprese: tante opportunità in scadenza oggi!

Già da alcuni mesi il nostro blog prevede uno strumento molto utile per districarsi tra le numerose opportunità di bandi, finanziamenti, competition e contest dedicati a startup, PMI e imprese nel nostro Paese e all’estero. Stiamo parlando delle nostre tabelle riepilogative, aggiornate con cadenza settimanale, che schematizzano tutte le opportunità approfondite nel nostro blog mettendole in ordine cronologico di scadenza.

A partire da oggi e nei prossimi giorni, sono davvero numerose le opportunità in scadenza da tenere d’occhio: cerchiamo quindi di raccoglierle tutte in un quadro riepilogativo utile per non perdere nessuna opportunità!

LE OPPORTUNITA’ IN SCADENZA IL 30 APRILE 2015

La giornata di oggi è davvero ricca di opportunità in scadenza: partiamo dagli incentivi della Regione Campania per il ricorso a giovani consulenti e professionisti. Si tratta di un’opportunità riservata alle PMI campane che scelgono di avvalersi di un contratto di consulenza con giovani professionisti (meno di 41 anni) residenti in Campania, titolari di partita IVA, laureati e iscritti all’ordine professionale di riferimento.
L’agevolazione consiste in un contributo del 50% del costo sostenuto, fino ad un limite massimo di 10.000€. (N.B. Prorogato al 15 maggio 2015 – http://regione.campania.it/assets/documents/decdir46-2015-q79yjxve.pdf)

start-up-21

Il 30 aprile scadono anche le call per:

IMPACT Accelerator, dedicata a progetti innovativi nel settore Internet Mobile sviluppati con la tecnologia FIWARE. In palio 25 premi da 100.000€ e altrettanti percorsi di mentoring della durata di sei mesi;

Unilever FOUNDRY 50, iniziativa per la selezione dei 50 migliori progetti innovativi nel settore Marketing Technology. I finalisti parteciperanno il 25 e 26 giugno al Lions Innovation (Festival Internazionale della Creatività con sede a Cannes);

Made in Italy – Eccellenze in Digitale, anche per quest’anno l’iniziativa di Google e UnionCamere mette in palio borse di studio della durata di 9 mesi e del valore di 9.000€ per laureati e laureandi in grado di digitalizzare le PMI italiane;

FORUM PA Challenge, con la call for ideas in collaborazione con PoliHub, è alla ricerca dei migliori progetti innovativi per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione in Italia. I 10 finalisti parteciperanno al FORUM PA nazionale previsto a Roma dal 26 al 28 maggio e potranno accedere allo Startup Program del MIP – Politecnico di Milano, oltre a beneficiare delle opportunità di networking e visibilità anche con attori del Venture Capital italiano.

UNICREDIT Start Lab, il programma di accelerazione per team informali e startup già costituite del Gruppo Unicredit è dedicato a innovazione nei settori Life Science, Clean Tech, ICT/Web/Digital, Innovative Made in Italy – Services & Industrial. I vincitori avranno diritto ad un grant da 10.000€ e all’accesso alla Startup Academy.

Segnaliamo inoltre che, tra il 1° maggio e il 5 maggio, sono in scadenza altre tre interessanti opportunità: JLAB 2015, InnovAgeing e LUISS EnLabs. Per maggiori dettagli e informazioni è possibile consultare le nostre tabelle riepilogative aggiornate, disponibili qui: http://www.incubatorenapoliest.it/bandi-competition-opportunita-per-startup-e-imprese-date-e-scadenze-utili/

Napoli, 30/04/2015

Consigli alle startup in tema di vendite: come aumentarle, come acquisire clienti, come presentarsi a un VC

Mark Suster è un imprenditore seriale di successo (Salesforce.com), angel investor, mentor per Techstars e attualmente impegnato nel Venture Capital come investment partner per Upfront Ventures. Il suo blog è fonte di preziosi consigli per startupper e aspiranti tali, e in particolare vediamo oggi il suo punto di vista sul tema delle vendite.

Le vendite sono decisamente linfa vitale per qualsiasi impresa, e in particolare gli imprenditori in fase di startup possono avere scarsa esperienza o inclinazione per questo argomento: inoltre, spiega Suster, le vendite rappresentano uno dei focus principali su cui si sofferma un investitore quando si avvicina ad una startup, per cui è fondamentale cercare di massimizzarle anche in fase di fund raising.

Secondo Mark Suster, per migliorare le vendite una startup deve tenere presenti tre aspetti di base:

1) Perché comprare un prodotto/servizio?
2) Perché comprare un prodotto/servizio proprio dalla mia azienda?
3) Perché comprare un prodotto/servizio proprio in questo momento?

sales

Il post di cui parliamo oggi si sofferma particolarmente sul primo aspetto, partendo da un punto fondamentale: quando si tratta di vendite, la cosa più importante è “qualify”, ossia essere preparati, qualificati, idonei.
Il motivo è molto semplice: coloro che si occupano delle vendite hanno un tempo limitato a propria disposizione, e non possono permettersi di sprecarlo con qualcuno che non acquisterà il loro prodotto/servizio nel breve termine.

La prima cosa da fare è chiedersi se la persona che si ha di fronte può essere un potenziale cliente, e quindi se ha un problema per cui il nostro prodotto/servizio possa rappresentare la soluzione. Ecco perché nella maggior parte dei casi, il successo nelle vendite nasce da una buona attività di inbound marketing: lo scopo è quello di attrarre potenziali clienti attraverso programmi di marketing basati sui contenuti offerti, attirando traffico sul proprio sito web.
In questo modo, infatti, sarà possibile quantificare il tempo che i visitatori trascorrono sul sito a leggere i contenuti, facendosi una prima ideaa del livello di interesse.

Quando si dispone già di un prodotto/servizio, sapere chi è il proprio “cliente tipico” aiuta molto, perché permette di arrivare direttamente ed in maniera rapida al proprio target di potenziali clienti: inoltre, è possibile stabilire una strategia con gli strumenti più adatti.
Un consiglio che l’autore offre a riguardo è quello di servirsi di appositi tools per costruire mailing list di potenziali clienti, cui indirizzare una campagna e-mail ad hoc.

Il più grande errore che startupper poco esperti fanno in tema di vendite è, secondo Suster, perdere tempo con chi si dimostra per nulla propenso all’acquisto, ma si comporta in maniera gentile, mostrandosi interessati a ciò che gli si sta dicendo. Purtroppo i founder di una startup hanno spesso paura di sentirsi dire semplicemente “no”, mentre a volte questa può essere la risposta più utile per le vendite. E’ molto meglio un no secco, infatti, piuttosto che restare in forse o non sapere.

sales2

Un altro errore che spesso le startup commettono riguardo alle vendite è quello di non chiedere se l’acquirente ha un budget a disposizione per l’acquisto. Suster sostiene che ci sono due tipologie di persone che non hanno un budget prestabilito:

Coloro che sono effettivamente interessati all’acquisto, ma non hanno disponibilità economica per effettuarlo nel breve termine. In questo caso la persona viene lasciata cadere nel così detto “imbuto del marketing”: la persona viene considerata come potenziale cliente e rimane oggetto, in quanto tale, delle campagne di marketing dell’azienda. La startup deve, in questo caso, concentrarsi su coloro che potranno realmente effettuare l’acquisto in tempi brevi.

Tra coloro che non hanno un budget a disposizione vanno incluse anche le persone che non sono interessate all’acquisto, ma vogliono comunque relazionarsi con voi: queste persone rappresentano una perdita di tempo per la startup. A volte, alle persone piace sentirsi oggetto delle attenzioni che un’azienda alla ricerca di potenziali clienti può offrire: per questo motivo, mantengono comunque i contatti pur senza avere alcuna intenzione di acquistare il prodotto/servizio offerto. Queste persone, secondo Suster, vanno categoricamente evitate in quanto rappresentano una perdita di tempo e risorse che andrebbero impiegate su potenziali clienti che vorrebbero davvero effettuare un acquisto.

L’ultima parte si concentra invece sulla tematica delle vendite nel fund raising: secondo Suster, molto semplicemente, “Raising money is selling”.
Le vendite sono una metrica imprescindibile quando si effettua la raccolta di capitali, perché rappresentano tutto il potenziale di una startup. Se si dispone di un prodotto che rappresenta una valida soluzione ad un problema, se si hanno le competenze necessarie per produrlo, se esiste una base di potenziali clienti abbastanza ampia che vuole acquistarlo, vuol dire che la startup ha ottime possibilità di successo e che può meritare la fiducia dell’investitore.

Per leggere il post originale dal blog di Marc Suster: http://www.bothsidesofthetable.com/2015/03/10/sales-101-why-buy-anything/

Napoli, 24/04/2015

Le immagini più belle del secondo TECHDAY di #VulcanicaMente3: si avvicina la deadline!

Si è tenuto lunedì 13 e martedì 14 aprile il secondo e ultimo TECHDAY previsto per la fase di scouting, orientamento e animazione della call for ideas “VulcanicaMente: dal talento all’impresa 3”.
Ci sono ancora pochi giorni per partecipare: le application resteranno aperte fino al 17 aprile 2015 (qui, il form da compilare per candidarsi).

Sono state due giornate intense per i partecipanti, che hanno presentato le proprie idee e competenze e formato i team con cui provare a focalizzare al meglio i progetti: il tutto in un’alternanza di keynote, momenti di formazione, storytelling e lavoro one-to-one con i mentors di dPixel: i ragazzi sono stati infatti affiancati, tra gli altri, da Antonello Bartiromo e Loris Lanzellotti.

Tra gli interessanti interventi che i partecipanti al TECHDAY hanno potuto ascoltare, ricordiamo gli speech di Marco Meola (ReHub), Angelo Romano (Linkpass), Andrea Postiglione (Mangatar) e Fabrizio Perrone (Buzzoole).

Ecco alcune delle immagini più belle del TECHDAY: tutte le altre sono disponibili sulla nostra pagina Facebook!

Napoli, 15/04/2015

Dall’UE, 180K per l’innovazione in rosa: EU Prize for Women Innovators 2016

Sono aperte le candidature per il Premio Europeo per Donne Innovatrici – EU Prize for Women Innovators, iniziativa comunitaria finanziata attraverso i fondi del Programma Horizon 2020 che mette in palio un plafond complessivo di 180.000€.

Il Premio è riservato a donne che abbiano fondato (o co-fondato) una società che abbia beneficiato di finanziamenti UE per la ricerca e l’innovazione: si tratta quindi di imprenditrici che siano state capaci di mettere a frutto i risultati già conseguiti della ricerca, applicandoli e trasformandoli in business innovativi.

EU-Prize-for-Women-Innovators

L’iniziativa EU Prize for Women Innovators nasce ad opera della Commissione Europea nel 2011, per incoraggiare le numerose ricercatrici a sfruttare le potenzialità commerciali delle proprie ricerche scientifiche diventando imprenditrici innovative di successo.

Anche se sono molte le donne impegnate nella ricerca, infatti, sono ancora poche quelle che scelgono di intraprendere la strada dell’imprenditoria innovativa: con il Premio, la Commissione cerca di incoraggiarle e di accrescere la consapevolezza pubblica su questo grande potenziale.

EU Prize for Women Innovators prevede l’assegnazione di tre premi in denaro:

  • 1° premio: 100.000 €
  • 2° premio: 50.000 €
  • 3° premio: 30.000 €

Le candidature dovranno pervenire entro il 20 ottobre 2015, e dovranno indicare chiaramente il coinvolgimento delle candidate nelle attività di ricerca e innovazione, oltre alle potenzialità di accesso al mercato del prodotto/servizio che sono derivate da tali attività, evidenziando anche l’impatto sociale ed economico delle imprese.

women

Le informazioni su EU Prize for Women Innovators sono disponibili al seguente link: http://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/opportunities/h2020/topics/16071-wip-01-2015.html#tab1

I documenti e il regolamento sono invece disponibili qui: http://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/opportunities/h2020/topics/16071-wip-01-2015.html#tab2

Le candidature, infine, possono essere inviate attraverso il pulsante “Start Submission” disponibile a questo link: http://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/opportunities/h2020/topics/16071-wip-01-2015.html#tab3

Napoli, 31/03/2015

1 2 3 4 5 10