Loading...

Tag: talenti

Il Programma di innovazione Young Sustainable Impact – YSI è alla ricerca di Startup

Il programma ha come obiettivo la creazione di Startup con progetti di sviluppo sostenibile.

Partecipare al Programma di Innovazione Young Sustainable Impact – YSI, significa entrare a far parte di un incredibile viaggio di 5 mesi per creare una startup  culminando in un acceleratore di due settimane ad Oslo, in Norvegia.

Durante i 5 mesi di YSI si passerà attraverso il team building, il design thinking e un processo di prototipazione, prima di arrivare ad Oslo, in Norvegia, nell’agosto 2019.

L’obiettivo è la creazione di una vera startup, attraverso l’inserimento di brillanti individui, i quali verranno inseriti in team internazionali di 3 persone e passeranno attraverso 4 moduli e 8 obiettivi in ​​cinque mesi. I moduli saranno:

  1. Squadra;
  2. Comprendere;
  3. Soluzione;
  4. Build;

Ecco invece gli 8 obiettivi:

  • Comprensione, comunicazione e fiducia
  • Visione comune
  •  Ricerca tripla
  • Definisci
  •  Ideazione
  • Test MVP –  convalida del mercato
  • Brand e forma completa
  • Prototipo e piano d’azione.

I primi 4/5 mesi sono online, dal 20 marzo al 12 agosto, mentrele ultime due settimane del percorso,  dall’11 al 25 agosto 2019,  sono ad Oslo, dove si potrà ricevere un viaggio interamente finanziato per incontrare i mentori, i compagni di squadra e gli investitori.

Inoltre, il programma offre conoscenze e strumenti in materia di innovazione, creatività e leadership. Verranno costituiti i team per far funzionare al meglio la startup, con l’obiettivo di costruire una startup a pieno titolo nell’arco di 5 mesi. Young Susteinable Impact fornisce inoltre mentoring e follow-up attraverso un team di esperti in materia di innovazione, con accesso al network YSI di talenti, partner e mentor.

Per accedere al Programma di Innovazione Young Sustainable Impact – YSI, si ha tempo fino all’ 11 febbraio 2019, applicando al seguente link: http://www.ysiglobal.com/apply

Il programma sarà facilitato online, principalmente utilizzando una piattaforma di formazione denominata www.novoed.com .

VulcanicaMente4R: le 10 startup vincitrici dell’Open Day

Vi presentiamo i 10 team vincitori dei premi in denaro e servizi di “VulcanicaMente: dal talento all’impresa 4 – Reloaded”, con la graduatoria finale dell’Open Day

Si è tenuto oggi, venerdì 14 dicembre, nel corso di SMAU Napoli 2018 l’appuntamento con l’Open Day di #VulcanicaMente4R: l’evento ha ospitato la Pitching Session tra i 13 migliori team che avevano preso parte alla fase precedente dei Learning Days, decretando i 10 progetti più promettenti che proseguono con la fase successiva del percorso.

I team di #VulcanicaMente4R hanno presentato i propri pitch di fronte alla Giuria di Esperti selezionati per valutare i progetti della startup competition del Comune di Napoli e del CSI – Incubatore Napoli Est. Come previsto dall’Avviso Pubblico, i 10 migliori team avranno accesso a un montepremi complessivo di 70.000 € in premi in denaro, più l’accesso al premio più prestigioso: il percorso di validazione presso l’Incubatore, in partenza a gennaio 2019.

Dopo la Pitching Session, la graduatoria finale dei team che avranno diritto ad un premio di 7.000 € ciascuno più l’accesso al percorso di validazione è la seguente:

  • 1° classificato: MicroNature
  • 2° classificato: ZEOLab
  • 3° classificato: Aquatech
  • 4° classificato: Angel Deal
  • 5° classificato: Wash It
  • 6° classificato: SURPRISEAT by The Italian Club
  • 7° classificato: Hearth
  • 8° classificato: AIM – Artificial Intelligence Monitoring
  • 9° classificato: Jaunt It
  • 10° classificato: Smart Bike

Nel corso dell’Open Day, l’Assessore al Lavoro, al Diritto all’abitare ed allo Sviluppo della città del Comune di Napoli Monica Buonanno, ha annunciato che anche i due team che non si sono classificati tra i primi 10, Napoli Fairy Tale e LocalEyes: Explore with locals, avranno la grande opportunità di accedere al percorso di validazione presso il CSI, senza però ricevere il premio in denaro.

Qui è possibile scaricare le slide con la graduatoria dei 10 migliori progetti dell’Open Day:   VM4_PresentazioneOD_Finalisti

Un ringraziamento particolare va a tutti gli esperti che hanno composto la Giuria dell’Open Day di #VulcanicaMente4R: Joshua J. Lawrence (Consolato USA di Napoli), Mario Raffa (Università di Napoli Federico II), Luigi Vivese (Per Micro), Pasquale Popolizio (giornalista), Antonio D’Amore (Università degli Studi Suor Orsola Benincasa), Anna Ruggiero (Crowdfunding Formazione Srl), Elisabetta Cotugno (Ente Nazionale Microcredito), Annamria Schena (DinAmiche – Associazione donne imprenditrici), Antonio Russolillo (Startup Weekend Napoli), Alberto Celentano (Seedup), Fabrizio Leo (Flame Network), Massimo Varrore (Campania NewSteal), Domenico Ialeggio (Geolumen), Pasquale Lampugnale (Confindustria Benevento), Massimo Ciaglia (Connectia), Pierluigi Rippa (Università di Napoli Federico II), Ludovico Caprara (Ordine Dottori Commercialisti di Napoli), Paola Ciaramella (giornalista), Marco Traversi (Project Ahead), Fabio Comi (Invitalia).

Chiudiamo questo post con i nostri più sentiti complimenti a tutti i partecipanti e ai vincitori per il fantastico percorso svolto finora a VulcanicaMente!

Ai team di #VulcanicaMente4R che accedono al percorso di validazione va il nostro in bocca al lupo: il percorso per trasformare le vostre idee in startup è ancora lungo e c’è tanto lavoro da fare!

VM4R_Vincitori
WhatsApp Image 2018-12-14 at 16.16.13
WhatsApp Image 2018-12-14 at 16.16.07 (1)
WhatsApp Image 2018-12-14 at 16.41.37 (1)
WhatsApp Image 2018-12-14 at 16.41.37
WhatsApp Image 2018-12-14 at 16.41.39 (3)
WhatsApp Image 2018-12-14 at 16.41.40 (2)
WhatsApp Image 2018-12-14 at 16.41.40
WhatsApp Image 2018-12-14 at 16.41.41 (2)
WhatsApp Image 2018-12-14 at 16.16.07 (2)

NEXT ENERGY 3: la call per startup e imprese a sostegno della sostenibilità ambientale

NEXT ENERGY 3 è una triplice opportunità per progetti innovativi che garantiscano la sostenibilità ambientale nell’interazione tra infrastrutture elettriche e territorio: le tre call chiudono il 23 novembre 2018.

NEXT ENERGY 3 è un’iniziativa promossa da Terna S.p.A. e Fondazione Cariplo, realizzata da Cariplo Factory S.r.l. – società strumentale di Fondazione Cariplo – e dal Campus di Terna.

L’obiettivo è quello di valorizzare i singoli talenti e sostenere la crescita di team con progetti innovativi riconducibili al tema “Interazione tra infrastrutture elettriche e territorio”, ovvero con caratteristiche di sostenibilità ambientale, finalizzati alla valorizzazione degli asset di Terna e alla loro integrazione/interazione sostenibile con il territorio e, più in generale, allo sviluppo di soluzioni e tecnologie dedicate alla innovazione del sistema energetico.

Il Bando NEXT ENERGY 3 si articola in tre distinte e indipendenti call:
1. Call for Talents, rivolta a singoli neolaureati in Ingegneria, Matematica, Fisica, Statistica ed Economia, da inserire in Gruppi di Lavoro impegnati nello sviluppo e nella gestione di progetti innovativi;
2. Call for Ideas, rivolta a team e/o startup già formalmente costituite con proposte di progetti innovativi da sostenere attraverso un percorso di empowerment imprenditoriale;
3. Call for Growth, rivolta a startup già formalmente costituite e in fase post seed, in grado di offrire soluzioni innovative funzionali alle attività di interesse specifico di Terna.

CALL FOR TALENTS

Nel particolare, la Call for Talents si rivolge a giovani neolaureati che alla data di presentazione della candidatura:
• Abbiano conseguito una laurea specialistica in Ingegneria, Matematica, Fisica, Statistica ed Economia da meno di 12 mesi.
• Abbiano conseguito una votazione non inferiore a 110/110 o 100/100.
• Abbiano un’età inferiore a 28 anni.

Per la Call for Talents di NEXT ENERGY 3 saranno selezionati 10 neolaureati che avranno accesso a uno stage di 6 mesi in Terna S.p.A. che prevede:
• Un percorso formativo iniziale che si terrà presso il “Campus” Terna a Roma;
• Un percorso di “training on the job” presso una delle sedi di Terna, all’interno di team impegnati in attività di gestione di progetti a carattere innovativo. Ai neolaureati selezionati sarà riconosciuto, a titolo di rimborso spese, un contributo di  1.500  mensili. I neolaureati che avranno completato lo stage con esito positivo potranno essere inseriti, senza soluzione di continuità, in un apposito “Graduate Programme” ovvero un percorso interno di eccellenza finalizzato alla costruzione delle professioni del futuro.CALL FOR IDEAS

La Call for Ideas di NEXT ENERGY 3 si rivolge a team di innovatori e/o startup già formalmente costituite con progetti che alla data di presentazione della candidatura:
• Siano basati su iniziative e/o tecnologie con un livello di TRL -Technology Readiness Levelcompreso tra 2 e 5, così come definito nell’Annex dell’Horizon 2020 – Work Programme 2014-2015 della Commissione Europea.
• Siano in grado di presentare una pubblicazione scientifica o una descrizione tecnica esaustiva o una qualsiasi altra forma divulgativa inerente alla loro idea innovativa.
• Abbiano all’interno del team almeno una persona di età inferiore ai 35 anni.

Per la Call for Ideas saranno selezionati fino a un massimo di 10 team di innovatori e/o startup che avranno accesso a un programma di incubazione della durata massima di 3 mesi, che si terrà presso un acceleratore/incubatore selezionato da Cariplo Factory S.r.l. sulla base del fabbisogno dei singoli team e/o startup e della loro localizzazione geografica. Al progetto migliore verrà assegnato un voucher del valore di  50.000 , spendibile unicamente in servizi resi da Cariplo Factory S.r.l. e da un acceleratore indicato da quest’ultima, finalizzati al processo di accelerazione e di go to market del progetto.

CALL FOR GROWTH

Infine, la Call for Growth di NEXT ENERGY 3 è indirizzata a startup che alla data di presentazione della candidatura:
• Abbiano già sviluppato un portafoglio clienti o testato positivamente almeno un prototipo o abbiano un prodotto/servizio commercializzabile.
• Operino principalmente in ambito UE.
• Siano basate su iniziative e/o tecnologie con un livello di TRL compreso tra 5 e 8, così come definito nell’Annex dell’Horizon 2020 – Work Programme 2014-2015 della Commissione Europea.
• Siano in grado di presentare una pubblicazione scientifica o una descrizione tecnica esaustiva o una qualsiasi altra forma divulgativa inerente alla loro soluzione tecnologica.

Per quest’ultima Call for Growth saranno selezionate fino a un massimo di 5 startup, che accederanno alla piattaforma “GrowITup” di Cariplo Factory S.r.l., attraverso un percorso atto a definire le potenziali aree di sinergia tra la singola startup e Terna. Il percorso della durata massima di 4 mesi, sarà finalizzato a definire un progetto pilota e di testing che potrà eventualmente essere implementato mediante uno specifico accordo con Terna.

Il termine ultimo per la presentazione delle candidature alla Call for Talents, alla Call for Ideas e alla Call for Growth,  fissato alle ore 23:59 del 23 novembre 2018, attraverso la compilazione completa dell’ Application Form disponibili sul sito di NEXT ENERGY al seguente link : https://nextenergy.cariplofactory.it/

Start Cup Campania: la finale e i vincitori domani, mercoledì 24 ottobre all’UniSa

Si svolgerà domani, 24 ottobre 2018 la finale regionale di Start Cup Campania 2018

E’ in arrivo l’evento conclusivo di Start Cup Campania 2018: la finale regionale della Business Plan Competition per gli studenti delle università campane sarà ospitata a Salerno domani, mercoledì 24 ottobre 2018.

La competition ha confermato anche quest’anno di riscuotere grande successo tra le comunità accademiche della regione, con la partecipazione di oltre 100 team e la preparazione di 50 business plan.

La finale sarà ospitata dall’Università di Salerno – Campus di Fisciano, presso l’aula “Gabriele De Rosa”del Dipartimento di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione (Edificio D2) a partire dalle ore 9:00.

Tra i momenti più interessanti in programma per la giornata, segnaliamo la presentazione dei pitch dei finalisti, la tavola rotonda intitolata “Come attrarre e valorizzare i talenti?” e la proclamazione e premiazione dei vincitori.

La partecipazione all’evento è gratuita, il link per iscriversi è: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-finale-regionale-start-cup-campania-2018-httpsbitly2ymyj2w-50804387290?aff=ebdsorderfblightbox

Qui, la locandina con il Programma completo dell’iniziativa: https://web.unisa.it/uploads/rescue/87/2440/scc2018-locandinafinale.pdf

VulcanicaMente3: il racconto del Gran Finale a SMAU Napoli e i risultati dell’iniziativa

Si è chiusa venerdì 11 dicembre 2015 all’interno di SMAU NAPOLI la terza edizione dell’iniziativa “VulcanicaMente: dal talento all’impresa” del CSI – Incubatore Napoli Est, ideata, progettata e realizzata su iniziativa dell’Assessorato al Lavoro e Attività Produttive del Comune di Napoli, con finanziamento del Ministero dello Sviluppo Economico.

Nel corso del Gran Finale abbiamo approfondito la conoscenza dei progetti, i team e i progressi delle sei startup vincitrici che hanno completato con successo l’ultimo percorso di accelerazione al CSI – Incubatore Napoli Est: si tratta di Brian, Evja, iOsmosi, Listami, Ristogame e TinkiDoo.

Il Gran Finale di VulcanicaMente3 si è aperto con i saluti istituzionali e l’intervento “Il CSI – Incubatore Napoli Est: risultati e prospettive”, presentato da Alfonso Sperandeo (Assessorato al Lavoro e Attività Produttive del Comune di Napoli) e da Giampiero Bruno (Project Leader di Soges S.p.a.)

A seguire, la Pitching Session delle startup di VulcanicaMente 3: dal talento all’impresa, con 5 minuti dedicati al pitch di ciascun progetto seguiti da 5 minuti di Q&A con Cosimo Panetta (The Doers), al quale è stata affidata la moderazione dell’evento, e con un Opponent d’eccezione: Antonello Bartiromo di dPixel S.r.l.

Le startup hanno inoltre risposto alle domande del Board of Experts, composto da esperti dell’innovazione, rappresentanti del mondo accademico, attori dell’ecosistema startup, media e potenziali investitori: tra i presenti, rappresentanti di Università Federico II, Università di Salerno, Università del Sannio, Università Parthenope, Banco di Napoli, BCC Napoli, Microcredito Italia, Giffoni Innovation Hub, Giovani Industriali, ENEA, Sviluppo Campania, META Group, SeedUp, il Mattino, Corriere Innovazione, Città della Scienza e tanti altri.

La mattinata si è chiusa con l’intervento di un ospite internazionale d’eccezione, Eri Vazquez (President of the Innovation Commission in 22@ Barcelona e Director of Funditec) e di Valeria Fascione, Assessore all’Internazionalizzazione, Startup e Innovazione della Regione Campania.

In occasione della conclusione della terza edizione di VulcanicaMente: dal talento all’impresa, riportiamo alcuni dati sull’iniziativa che l’Amministrazione ha realizzato a partire dal 2012: di seguito, le principali metriche, aggiornate ad oggi, utilizzate per la rilevazione dei risultati.

  • TALENTI/INNOVATORI INTERCETTATI: numero di aspiranti imprenditori coinvolti nelle attività di animazione territoriale e scouting (es. TECH WEEKEND);
  • IDEE/TEAM PRESENTATI: idee progettuali sottoposte a selezione da team (anche) formatesi nel corso delle attività di scouting;
  • IDEE/TEAM SELEZIONATI: numero di idee selezionate al termine delle fasi di scouting, che hanno avuto possibilità di accesso ai percorsi di accelerazione del CSI;
  • TEAM FORMATI: numero di persone che hanno beneficiato di attività di formazione continuative prima e durante i percorsi di accelerazione del CSI;
  • IMPRESE/TEAM ATTIVI: numero di team che, dopo l’esperienza di VulcanicaMente, sono attualmente al lavoro sul progetto originario o che, anche a seguito della formazione ricevuta al CSI, stanno realizzando nuove esperienze imprenditoriali e/o professionali;
  • “FORMALI”: team attivi che si sono anche costituiti in forma imprenditoriale (es. SOCIETA’ DI CAPITALI).

VULCANICAMENTE: DAL TALENTO ALL’IMPRESA – PRIMA EDIZIONE

risultati1

DETTAGLI METRICHE – Prima Edizione

Team Attivi: Pushapp, DeRev, Intertwine, Buzzoole, MarioWay, SmartGo, NapoliWithMe, ReHub/Serially

Team Attivi e Formali: Pushapp, DeRev, Intertwine, Buzzoole, MarioWay, SmartGo

Team Finanziati: Linkpass, DeRev, Intertwine, Buzzoole e MarioWay (finanziamenti privati) – SmartGo (finanziamenti pubblici)

VULCANICAMENTE: DAL TALENTO ALL’IMPRESA – SECONDA EDIZIONE

risultati2

DETTAGLI METRICHE – Seconda Edizione

Team Attivi: Artrooms, Netspeed (con il nuovo progetto MyCircle), PizzaNow (tramite ArsDigitalia), Aicapì e Sleeping Volcano Enterteinment

Team Attivi e Formali: Artrooms, MyCircle

Team Finanziati: Artrooms (finanziamenti pubblici), Netspeed/MyCircle (finanziamenti privati)

VULCANICAMENTE: DAL TALENTO ALL’IMPRESA – TERZA EDIZIONE

risultati3

DETTAGLI METRICHE – Terza Edizione

Team Attivi: Tinkidoo, Evja, Ristogame, Iosmosi, Listami, Brian

Team Attivi e Formali: Tinkidoo, Evja, Ristogame, Iosmosi

Team Finanziati: TinkiDoo

WP_20151211_12_28_04_Pro

Per tutte le immagini del Gran Finale di “VulcanicaMente: dal talento all’impresa 3”, qui il link all’album sulla nostra pagina Facebook: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.1240953095921488.1073741862.171767576173384&type=3

Napoli, 14/12/2015

SELLALAB è alla ricerca di talenti con idee innovative nel settore Banking & Finance: per i migliori, 12 mesi di accelerazione e un rimborso di 25.000 €

Il gruppo Banca Sella, in collaborazione con SELLALAB, è alla ricerca di talenti con progetti innovativi nell’ambito Banking & Finance: sono aperte le selezioni per partecipare al percorso di accelerazione della durata di 12 mesi all’interno della struttura SELLALAB, acceleratore con sede a Biella, all’interno dell’ex Lanificio Maurizio Sella.

Per partecipare occorre inviare la propria candidatura all’indirizzo e-mail selezione@sellalab.it, allegando il proprio curriculum vitae e una presentazione che metta in risalto la componente innovativa del proprio progetto nel mondo dei servizi bancari. Nell’oggetto bisogna specificare la dicitura “RICERCA TALENTI”.

I talenti selezionati potranno beneficiare di un percorso di accelerazione annuale, con la possibilità di un continuo confronto e supporto da parte dei mentor di SELLALAB e aprendosi alle possibilità offerte dal network internazionale di SELLALAB e del Gruppo Sella. Inoltre, è previsto un rimborso spese pari a 25.000 € lordi annui.

La ricerca di talenti da parte di SELLALAB si concentra sulle seguenti aree:

– mobile,
– user experience,
– social organization,
– online security,
– online payments.

La struttura dispone di uno spazio di coworking in grado di offrire postazioni di lavoro, aree comuni, servizi di mentoring e networking, partecipazione ad eventi formativi ed è specializzata nell’accelerazione di progetti imprenditoriali in ambito digitale.

Per maggiori informazioni sulla call di SELLALAB, è possibile consultare la sezione “Ricerca Talenti” del portale http://www.sellalab.net/wp/

Napoli, 01/08/2014

Il Piano Lazio Creativo: tre Bandi con opportunità di finanziamento per giovani creativi ed aspiranti startup nel settore dell’Industria Creativa

La Regione Lazio ha elaborato nelle scorse settimane un Programma dedicato alla nascita e allo sviluppo delle imprese, con particolare attenzione a giovani under 35 e agli over 50 in difficoltà, focalizzato sul tema dell’industria creativa: si tratta del Piano Lazio Creativo, che prevede una dotazione finanziaria complessiva di 4,5 milioni di euro, suddivisi nel triennio 2014/2016.

Sono attualmente on line già due Bandi, “Cultura Futura” e “New Book – Editoria Digitale” (entrambi in scadenza il 15 luglio 2014), mentre a partire da oggi 3 luglio la Regione ha pubblicato il terzo Bando, denominato “Start-Up Culturali” e dedicato al finanziamento delle nuove imprese nel settore delle attività culturali e creative. I tre Bandi rappresentano un’interessante occasione non soltanto per le PMI laziali, ma anche per giovani under 35 e per aspiranti startupper del settore cultura provenienti da tutta Italia (interessati ad aprire una sede operativa in territorio laziale).

Vediamo più nel dettaglio i singoli Bandi che compongono il Piano Lazio Creativo:

1) CULTURA FUTURA

Pubblicato ad Aprile 2014, il Bando Cultura Futura dispone di una dotazione complessiva pari ad 800.000 euro. L’obiettivo del Bando è promuovere la progettazione e lo sviluppo di programmi, applicazioni e piattaforme web e mobile che abbiano la funzione di far conoscere e valorizzare il territorio laziale (beni culturali e paesistici, mostre, spettacoli dal vivo, servizi culturali).

Destinatari del Bando sono, da un lato, giovani talenti under 35 che potranno presentare le proprie idee progettuali relative a prodotti hardware e software “finalizzati alla distribuzione e fruizione innovativa di contenuti ed eventi culturali”.
Dall’altro lato, Cultura Futura è destinato a PMI costituite da almeno un anno e con almeno una sede operativa nella Regione Lazio, che si candidano a diventare Partner dei giovani creativi che realizzeranno il proprio progetto.

I giovani under 35 possono presentare la propria domanda entro il 15/07/2014 scaricando la modulistica disponibile al seguente link: http://www.filas.it/Focus.aspx?ID=236

Saranno selezionati le 30 migliori idee progettuali, che saranno realizzate dai giovani creativi affiancati dalle PMI partner scelte tra che avranno presentato manifestazione di interesse. Ciascuna proposta riceverà un contributo pari al 100% dei costi ammissibili fino ad un valore massimo di 40.000 euro.

2) NEW BOOK – EDITORIA DIGITALE

Come il Bando Cultura Futura, anche il Bando New Book è stato pubblicato ad Aprile 2014 e prevede una dotazione finanziaria complessiva di 800.000 euro. Inoltre, il meccanismo delle PMI Partner previsto per Cultura Futura si ripropone nel Bando New Book con PMI Coach nel settore dell’editoria digitale e/o nuovi media.

Anche in questo caso i destinatari sono giovani talenti creativi under 35 e PMI costituite da almeno 12 mesi con almeno una sede operativa in territorio laziale.
Le proposte progettuali selezionate saranno 30, con un contributo a copertura del 100% dei costi ammissibili fino a un tetto massimo di 40.000 euro.

I progetti per New Book dovranno riguardare lo sviluppo di “prodotti editoriali digitali avanzati e sistemi di produzione e distribuzione digitali innovativi, frutto della collaborazione tra le nuove professioni digitali ed il mondo dell’editoria digitale, al fine di incrementare la diffusione del libro digitale e della lettura presso un pubblico più vasto grazie all’utilizzo dei nuovi media”.

La modulistica per partecipare al Bando New Book – Editoria Digitale è disponibile al seguente link: http://www.filas.it/Focus.aspx?ID=237

La scedenza è fissata per il 15/07/2014.

3) START-UP CULTURALI

Si tratta di uno strumento di agevolazione destinato a startup innovative operanti nel campo delle attività culturali e creative, in particolare nei seguenti settori: arti e beni culturali, architettura e design, spettacolo dal vivo e musica, audiovisivo, editoria.

Il Bando prevede una dotazione complessiva pari a 1,5 milioni di euro, a copertura dei costi di avvio dell’impresa sostenuti nell’arco dei suoi primi due anni di attività: il contributo massimo concedibile per ciascun progetto è pari a 30.000 euro, a copertura dell’80% dell’investimento ammissibile (o del 90% dei costi qualora la startup sia localizzata o vada a localizzarsi in uno degli incubatori regionali del BIC Lazio).

La partecipazione è ammessa sia a imprese già esistenti che a persone fisiche promotrici di nuove micro e PMI.
I requisiti, nel caso di micro e PMI già esistenti, sono i seguenti:
– imprese costituite da non oltre sei mesi alla data di pubblicazione del bando;
– con sede operativa nel terriorio della Regione Lazio;
– in regola con gli obblighi previsti dai regolamenti comunitari e dalle leggi nazionali e regionali.
Per le imprese ancora non costituite, è necessario che la micro o PMI abbia almeno una sede operativa nel Lazio.

La presentazione delle domande avviene attraverso procedura on-line disponibile al seguente link: http://www.sviluppo.lazio.it/leggi.asp?lcat=78&lattitle=sostegno_e_sviluppo_di_imprese_nel_settore_delle_attivita_culturali_e_creative

Entro 10 giorni dalla presentazione delle istanze on-line, sarà necessario perfezionare la domanda inviando l’apposito modulo di domanda tramite raccomandata a Sviluppo Lazio.
Le domande on-line potranno essere inviate a partire dalle ore 9:00 del 14 luglio 2014, fino alle ore 18:00 del 30 settembre 2014.

Per ulteriori dettagli si rimanda alla lettura integrale dell’Avviso Pubblico, disponibile qui: http://www.sviluppo.lazio.it/files/140703/det_g09404_30_06_2014_bando.pdf

Napoli, 03/07/2014

Consigli alle startup: come costruire un business scalabile?

Georgianna Oliver è founder e CEO di Package Concierge, startup dedicata al mercato dei sistemi di sicurezza e di accesso digitali per appartamenti e alloggi per studenti che ha pubblicato di recente un interessante post su http://networkedblogs.com, che racchiude i contributi blog di The Next Web.

Il post di Georgianna Oliver affronta un argomento di cruciale importanza per i founder di una startup: quali sono gli aspetti fondamentali di cui tenere conto per capire se il business che si sta costruendo è scalabile?

Secondo Georgianna Oliver, farsi venire una buona idea è solo il punto di partenza, e spesso è l’aspetto più semplice del percorso che porta alla costruzione di un business di successo: costruire un’impresa che sia in grado crescere e prosperare, anche dopo che il team originario avrà lasciato l’azienda, è infatti un lavoro lungo, difficile e rischioso.

Spesso è difficile per i founders, che hanno impiegato tempo, lavoro e risorse per costruire le fondamenta della propria startup, fare quello che invece l’autrice definisce il passo fondamentale per la scalabilità di un’impresa: assumere il punto di vista secondo cui “la startup non è qualcosa di soltanto vostro”. La maggior parte degli imprenditori rifiuta totamente questa mentalità, ma essa è indispensabile per il futuro della startup quando inizia a scalare e il team si compone di persone differenti dai founders originari.

Per capire se la startup che sta prendendo forma potrà essere scalabile, Georgianna Oliver elenca 7 domande che i founders devono porsi con attenzione:

1) Ci stiamo documentando attentamente sui punti fondamentali per il business, compresi gli aspetti di software e product design ed eventuali procedure per marchi e brevetti?

Questo aspetto spesso è tralasciato nelle fasi iniziali della startup, in cui i founders sono presi da molteplici e frenetiche attività. In realtà è fondamentale occuparsene fin dai primi tempi di creazione del business, perchè quando più avanti subentreranno altre persone nella leadership avranno bisogno di conoscere i dettagli alla base della società e del prodotto.
Se queste informazioni esistono solo nella testa dei founders, si rischia di limitare il futuro della startup.

2) Stiamo utilizzando la tecnologia per costruire un clima di chiarezza e trasparenza riguardo le decisioni critiche su aspetti quali il product design, lo sviluppo del business, la strategia di marketing e così via?

Le aziende possono garantirsi un futuro di successo soltanto se riescono ad avere accesso alle informazioni chiave del passato: occorre quindi affidarsi agli strumenti tecnologici più adatti per memorizzare tali informazioni, per rendere più facile il processo di comprensione ad eventuali futuri dirigenti.

3) Stiamo raccogliendo tutte le interazioni con i clienti per favorire le future relazioni con il team? Se al reparto vendite cambiano gli addetti, i nuovi arrivati sarebbero in grado di mantenere le relazioni-chiave?

Spesso i clienti più fedeli sentono di avere un rapporto personale con uno o più componenti del team. Questo è sicuramente positivo, ma bisogna andare oltre le relazioni one-to-one implementando un sistema e dei processi di gestione ad hoc per mantenere le relazioni con i clienti anche se uno dei dipendenti dovesse lasciare l’azienda.

4) Abbiamo creato dei sistemi grazie ai quali gli stakeholders (investitori, clienti, partner strategici) possono avere accesso ad informazioni e approfondimenti sul business?

Bisogna utilizzare gli strumenti più adeguati a condividere le informazioni con questi gruppi, per mantenerli aggiornati su iniziative, nuovi prodotti e milestones.
Georgianna Oliver suggerisce strumenti quali newsletter, relazioni trimestrali o annuali, eventi.

5) La nostra cultura aziendale permette a tutti i dipendenti di intraprendere azioni decisive, oppure sono solo i founders a poter guidare il business?

Spesso il founder alla guida di una startup lavora anche per 15 ore al giorno: ma è veramente necessario? O ci sono delle attività e responsabilità che potrebbe delegare al team?
Se non è possibile per il founder delegare anche una sola delle proprie responsabilità, vuol dire che la futura crescita dell’azienda è a rischio.

6) Nello sviluppo del team, ci stiamo basando sui punti di forza dei dipendenti? I nuovi assunti sono complementari rispetto al personale esistente?

In una startup ogni singola assunzione ha un peso fondamentale: sia per assicurarsi di inserire nel team i talenti migliori, sia per riempire determinate lacune tra le qualifiche esistenti. Un team coeso è la chiave per la crescita e la scalabilità del business.

7) Abbiamo creato un network di partner, fornitori, ecc che possono entrare nel nostro quadro di crescita?

Sicuramente ciò che accade all’interno dell’azienda è fondamentale, ma per una startup contano molto anche quelli che Georgianna Oliver definisce “third-party players”: la domanda da porsi quando si costituisce una partnership è se si tratterà di asset strategici per il business, attualmente e in futuro.

Infine, Georgianna Oliver mette in chiaro il suo punto di vista sull’aspetto in un certo senso opposto a quello analizzato nelle 7 domande appena elencate: anche se bisogna costruire il business nella consapevolezza che non sarà vostro per sempre, occorre essere sempre vigili quando si prendono le decisioni. Il rischio di costruire un business scalabile è, infatti, quello di “lasciar andare le redini” prematuramente.
Il modo migliore per affrontare gli inizi di una startup è quello di affidarsi ad un accurato sistema di monitoraggio e reporting prima di prendere le decisioni fondamentali.

Il post originale è disponibile al seguente link: http://networkedblogs.com/WZ7P0

Napoli, 19/05/2014

Cresce l’ecosistema campano dell’innovazione: nasce a Caserta “012 Factory”, centro di contaminazione per startup

E’ appena nata in Campania una nuova realtà dedicata all’imprenditoria innovativa: si tratta di 012 Factory, centro di contaminazione per startup, talenti e idee creative di impresa che offre un percorso formativo gratuito sui temi dell’imprenditoria innovativa: 012 Academy.

Il centro 012 Factory si trova a Caserta ed sarà inaugurato ufficialmente oggi, 27 febbraio, con un evento che si terrà a Villa Vitrone (Via Fulvio Renella, 89 – Caserta) a partire dalle 17:30.
Nel frattempo, sono già aperte le iscrizioni per il programma formativo 012 Academy 2014: è possibile inviare la propria candidatura on-line entro il 31 marzo 2014 compilando il form di iscrizione disponibile al link http://www.012factory.com/academy.php .

Tra tutte le candidature saranno selezionate le migliori 30 che potranno accedere gratuitamente al percorso di formazione semestrale (che si terrà tra maggio e novembre 2014): il focus è su progetti innovativi e ad alto potenziale di crescita, e la partecipazione è aperta a talenti creativi, studenti, aspiranti imprenditori già in possesso di un’idea imprenditoriale o semplicemente con molta voglia di mettersi alla prova. E’ prevista inoltre un’attività di team building ad aprile 2014, prima dell’inizio dell’Academy.

Il percorso 012 Academy si struttura in 12 moduli dedicati ad altrettanti temi fondamentali per startup e imprese: Analisi dei Bisogni, Competitor e Best Practices, Analisi di Mercato, Processi di Produzione, Piano Commerciale e Pricing, Comunicazione, Risorse Umane, Aspetti Legali e Societari, Proprietà Intellettuale, Business Model, Finance e Piano Economico, Pitch Development.

Al termine del percorso formativo, la migliore idea di impresa riceverà un premio consistente in un Seed Funding di 20.000 euro e potrà accedere all’Incubatore di 012 Factory per un percorso della durata di altri 6 mesi.

Per maggiori informazioni: http://www.012factory.com/

Napoli, 27/02/2014

Un’opportunità per progetti innovativi nel settore Vending dal contest “Intel Intelligent Vending Competition”

Intel Intelligent Vending Competition è un contest organizzato da Intel Corporation collegato all’evento internazionale Venditalia 2014, la fiera internazionale dedicata agli attori del settore Vending (vendita attraverso distributori automatici) che si terrà a Milano dal 7 al 10 maggio 2014.

Il Contest è dedicato a talenti creativi che abbiano un progetto innovativo nel settore Vending. In particolare, la Giuria si baserà sui seguenti criteri di valutazione:

1. Eccellenza nella vending user experience, inclusa l’interfaccia della macchina (grafica, touch screen, integrazione con i social media, ecc.);
2. Integrazione tra le funzioni del vending system management con la piattaforma (connettività, product e price management, ecc.);
3. Business Model innovativi nel settore Vending (programmi fedeltà, sconti, voucher/coupons, etc.);
4. Integrazione di metodi di pagamento/transazione innovativi alle piattaforme vending (sistemi di pagamento mobile-based, vouchering, ecc.).

La partecipazione a Intel Intelligent Vending Competition è aperta a talenti internazionali che abbiano compiuto il 18° anno di età, le candidature dovranno pervenire entro il 1° marzo 2014 attraverso il modulo on-line disponibile al seguente link: https://www.inteleventzone.co.uk/iva-2014/

Entro il 14 marzo 2014 la giuria selezionerà il miglior progetto: il team proponente potrà partecipare in maniera gratuita all’evento Venditalia 2014, con la possibilità di presentare il proprio progetto attraverso lo stand Intel all’interno della manifestazione. Si tratta di un’occasione di grande visibilità, infatti la scorsa edizione di Venditalia ha registrato circa 20.000 visitatori da oltre 90 paesi in tutto il mondo.

Napoli, 20/02/2014

1 2