Loading...

Tag: smart

CEMEX Ventures lancia la competition Startup Construction 2019: APPLY. GROW. MAKE YOUR MARK

The Construction Startup Competition 2019 è una sfida progettata appositamente per Imprenditori e Start Up che cercano di innovare il settore delle costruzioni.

CEMEX Ventures, l’unità di venture capital aziendale, presenta la Construction Startup Competition 2019 per imprenditori e start up, invitati a lasciare il segno nell’ecosistema della costruzione, a crescere, e posizionare la loro soluzione nel settore.

L’obiettivo del Construction Startup Competition 2019 è quello di coinvolgere imprenditori globali disposti a sconvolgere il settore edile ed accelerare lo sviluppo dei loro progetti, sfruttando le risorse e l’industria di CEMEX Ventures.

I partecipanti alla competition dovranno presentare Startup innovative relative al settore edilizio, che sviluppano un modello di business fattibile per soddisfare un bisogno o un problema del mercato e che si focalizzano sulle sei seguenti aree di opportunità:

  1. Città e Edifici Intelligenti: offrire soluzioni basate su città popolose e resilienti, nuove fonti di energia, un’adeguata gestione patrimoniale e assicurare una demolizione adeguata;
  2. Progettazione e Ingegnerizzazione del Progetto: fornire al settore tecniche e strumenti adeguati per massimizzare l’efficienza e la qualità di un progetto di costruzione;
  3. Gestione della Supply Chain: guida il settore delle costruzioni ottimizzando l’approvvigionamento di risorse, il monitoraggio della flotta e la gestione dell’inventario;
  4. Gestione di Progetti e Cantieri: migliorare la produttività, l’efficienza e la qualità dei lavori di costruzione attraverso un cantiere collegato e monitorato;
  5. Materiali da Costruzione Innovativi e Metodi di Costruzione: costruire con materiali intelligenti, metodi di costruzione innovativi e nuove tecnologie che consentono sviluppi più economici, più veloci e più performanti;
  6. Investimento e Finanziamento: offrire soluzioni per garantire i bisogni di capitale dai grandi sviluppi agli auto-costruttori ed ottimizzare i prestiti e la gestione del credito,  promuovendo nuovi standard di trasparenza nell’ecosistema della costruzione.

Le Startup vincitrici saranno invitate il 18 luglio 2019 a Monterrey, in Messico, per presentare i loro progetti a un pubblico composto da leader mondiali in innovazione, investimenti e costruzioni.

Le candidature potranno essere inviate entro il 21 aprile 2019 al seguente link: https://www.cemexventures.com/form-construction-startup-competition-2019/

Per maggiori informazioni e dettagli si invita a consultare il Regolamento.

 

6 consigli di business per aspiranti startupper

Kartik Yadav (Ace Cloud Hosting) è un tecnico di professione e uno scrittore per scelta: spesso è impegnato a scrivere articoli e post nei quali raccoglie le sfide quotidiane che incontra lavorando nel mondo del cloud.

Il portale Addicted2Success ha pubblicato il suo post più recente, intitolato “6 Business Success Tips For Entrepreneurs”: una raccolta di sei consigli utili per chi sogna di diventare un imprenditore di successo.

1. L’atteggiamento positivo aumenta le possibilità di avere successo

L’abilità, il coraggio, le competenze, il talento, sono tratti fondamentali per un imprenditore di successo. Tuttavia, spiega Yadav, tutti i competitors sanno di dover possedere queste caratteristiche.

E allora, cosa può fare davvero la differenza per avere successo nel mondo imprenditoriale? La chiave è nella mentalità. Mantenere un atteggiamento positivo e concentrarsi su un raggio temporale a lungo termine è fondamentale, anche perché aiuta a non mollare quando il lavoro si fa duro e difficile.

L’unico posto dove il tuo sogno diventa irraggiungibile è nei tuoi pensieri. -Robert H Schuller

2. Non esistono scorciatoie

Sfortunatamente, nessuno possiede la ricetta magica per raggiugere il successo. Chiunque sceglie di entrare nel mondo del business è costretto a pagarne il prezzo, non soltanto in termini monetari.

Il lavoro dell’imprenditore può attraversare fasi difficili, con sviluppi lenti e ostacoli apparentemente insormontabili, ma ciò non significa che la crescita non possa essere comunque lenta, ma costante.

Bisogna tener duro e continuare a lavorare: le scorciatoie per il successo non esistono.

3. Identifica la tua nicchia di mercato

Per un’impresa di successo, occorre identificare una nicchia di mercato e impegnarsi per riempirla.

In un mercato sovraffollato, tutti cercano di imporre il proprio prodotto: ecco perché, quando si decide di fondare una startup, è indispensabile avere qualcosa che possa differenziarti dai concorrenti già sul mercato.

Il successo di un’impresa dipende dalla capacità di essere unici e migliori degli altri.

4. Work smart, non hard

Lavorare in maniera intelligente rappresenta una svolta importante per le imprese più innovative: il concetto di lavorare per molte ore è ormai superato, la tecnologia consente di svolgere molte attività in maniera rapida ed efficiente.

Inoltre, un imprenditore deve sapere fin da subito che non è utile né produttivo provare a fare tutto da sé: è bello essere ambiziosi, ma è fondamentale conoscere i propri limiti. Imparate a delegare e a collaborare con il team, imparate a utilizzare gli strumenti più innovativi per lavorare meglio.

5. Restare motivati alla guida del business

La motivazione è la molla principale che spinge a continuare sulla propria strada, che aiuta a non mollare. Ecco perché un imprenditore deve imparare a mantenere alta la motivazione.

All’inizio, in una startup si è presi dall’entusiasmo. Ma dopo i primi tempi, quando le sfide quotidiane iniziano a farsi sentire, può essere difficile tenere alta la motivazione.

La chiave della motivazione sta nella perseveranza: tenere duro, fino a raggiungere i propri obiettivi.

Non arrenderti. Rischieresti di farlo un’ora prima del miracolo. – Proverbio arabo

6. Utilizzare il proprio network

Fare networking è un’attività di importanza fondamentale per una startup. La rete di connessioni va ben oltre la cerchia di amici su Facebook o contatti su Linkedin: un imprenditore deve puntare sulla qualità.

Non serve a nulla collezionare biglietti da visita: bisogna imparare a costruire e tenere in vita le connessioni importanti, quelle che possono fare davvero la differenza per il tuo business, quelle che possono aiutare a distinguerti dalla concorrenza.

 

In conclusione, sono tanti gli ostacoli che un imprenditore si trova a dover affrontare: la vita di impresa è caratterizzata da un’altalena continua tra momenti difficili e momenti da ricordare.
Seguire questi consigli può essere un primo passo per sentirsi più preparati quando si sceglie di lanciare una startup.

Napoli, 23/07/2018

EDF Pulse Awards: grant da 100K per i migliori progetti innovativi nelle categorie Smart Home, Low Carbon City e E-Health

Sono aperte le candidature per partecipare all’edizione 2016 di EDF Pulse Awards, iniziativa del leader mondiale nel settore dell’energia EDF che nasce allo scopo di incentivare e premiare i migliori progetti innovativi nelle tre categorie in concorso:

SMART HOME: prodotti e servizi innovativi per l’efficienza energetica a livello domestico. Tra i settori che fanno capo a questa categoria ricordiamo il controllo e la gestione dei consumi energetici, il comfort e la sicurezza delle case.

LOW CARBON CITY: prodotti e servizi per l’efficienza energetica in termini di città sostenibili, inerenti i campi delle energie rinnovabili, delle infrastrutture e della mobilità elettrica, dei servizi smart, etc.

E-HEALTH: soluzioni innovative nell’ambito dell’health care, facenti campo alle ultime tecnologie, alla robotica, ai servizi on-line.

EDF

Possono partecipare a EDF Pulse Awards 2016 progetti innovativi con un modello o prototipo da presentare alla Giuria, potenzialmente in grado di effettuare un lancio sul mercato entro sei mesi, presentati da piccole imprese create prima del 31/12/2015 e con sede in Europa.

Le application dovranno essere inviate entro il 6 dicembre 2015, attraverso la procedura on-line disponibile al seguente link: https://pulse-awards.edf.com/eligibilite/n68KDvxkbEU

Al termine della raccolta delle candidature, si aprirà il processo di selezione di EDF Pulse Awards, nel rispetto delle seguenti tre fasi:

1) Entro febbraio 2016: selezione di 12/15 nominee project (4/5 progetti per ciascuna categoria), che saranno sottoposti alla Giuria,

2) Marzo/Aprile 2016: pre-selezione dei sei progetti finalisti che saranno chiamati a presentare il proprio pitch alla Giuria,

3) Nel secondo trimestre del 2016: selezione dei tre progetti vincitori attraverso una votazione on-line della community.

I vincitori, uno per ciascuna delle categorie in concorso, saranno annunciati e premiati durante un evento speciale che si svolgerà in Francia alla fine del mese di giugno 2016.

I tre vincitori degli EDF Pulse Awards 2016 avranno diritto ad un grant da 100.000€ ciascuno, da utilizzare per lo sviluppo del proprio progetto.

Per maggiori informazioni: http://pulse.edf.com/en/edf-pulse-award/awards-presentation

Napoli, 23/11/2015

Creative Clusters – Dalla Regione Campania, due Bandi dedicati a startup e imprese innovative

La Regione Campania, attraverso l’agenzia Sviluppo Campania, promuove l’iniziativa Creative Clusters, programma di animazione ed orientamento a supporto della creazione di imprese e startup innovative con progetti in grado di migliorare la qualità della vita dei cittadini e contribuire allo sviluppo sostenibile della Campania, in termini economici e sociali.

campania_logo

In particolare, fino al 5 ottobre 2015 sarà possibile partecipare ad uno dei due bandi previsti dall’iniziativa: Smart Cities e BCT – Beni Culturali e Turismo: per entrambi, la partecipazione è aperta a studenti, imprenditori, laureati, ricercatori, startup innovative, spin-off universitari ed industriali che operano nell’ambito territoriale della Regione Campania.

BANDO CREATIVE CLUSTERS – SMART CITIES

L’obiettivo è raccogliere e selezionare le migliori idee per lo sviluppo di città intelligenti, da supportare con servizi di innovazione e creazione di impresa.
Le proposte progettuali dovranno caratterizzarsi per innovatività e creatività, e tradursi in prodotti e processi in grado di incentivare lo sviluppo economico nei seguenti ambiti di intervento:

Broad Band
Smart Health
Smart Mobility e Mobilità Alternativa
Smart Education
Smart Government
Smart Culture & Travel
Smart Security
Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica
Risorse Naturali

BANDO CREATIVE CLUSTERS – BCT

L’obiettivo è raccogliere e selezionare le migliori idee per il settore dei Beni Culturali e del Turismo, da supportare con servizi di innovazione e creazione di impresa.
Le proposte progettuali dovranno caratterizzarsi per innovatività e creatività, e tradursi in prodotti e processi in grado di incentivare lo sviluppo economico della città di Pompei nei seguenti ambiti di intervento:

Ospitalità (alloggio e ristorazione)
Trasporto e mobilità delle persone (in particolare dei turisti)
Facility e Utility di supporto al turismo
Organizzazione del tempo libero e attività culturali
Industria culturale
Enogastronomia e produzioni tipiche artigianali

CREATIVE CLUSTERS – DESTINATARI, TEMPI E MODALITA’

I destinatari di entrambi gli avvisi si suddividono in persone fisiche e startup (con particolare premialità per startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese e spin-off universitari ed industriali). Le persone fisiche dovranno impegnarsi a costituire una startup con sede operativa nella Regione Campania entro 45 giorni dalla sottoscrizione del contratto di servizi.

Le candidature ammesse al programma seguiranno un percorso di orientamento in tre fasi:

1) Audit dell’idea di business: analisi delle idee di business presentate per individuarne elementi chiave e criticità;
2) La cassetta degli attrezzi dello startupper: aggiornamenti tecnici ad alto contenuto specialistico su tematiche-chiave della gestione di impresa, tra cui comunicazione e marketing, fund raising e crowdfunding, branding;
3) Take off dell’idea imprenditoriale: traduzione dell’idea in un Business Plan, per verificarne la fattibilità tecnologica, economica e finanziaria ed individuare le fonti e gli strumenti di finanziamento pubblico-privati più adatti al progetto.

Per entrambi i Bandi saranno selezionati fino ad un massimo di 10 proposte progettuali, sulla base dei seguenti criteri:

Chiarezza della proposta
Impatto (sia generale che rispetto al contesto territoriale)
Grado di innovatività dell’idea
Fattibilità tecnica
Appeal di mercato
Premialità (come già accennato).

Per partecipare, occorre scaricare gli Allegati disponibili a questo link ed inviarli a mezzo PEC all’indirizzo impresainnovazione.sviluppocampania@legalmail.it

La deadline è fissata per le ore 12:00 del 5 ottobre 2015

Napoli, 29/09/2015

FRACTALS: la call for startup per le sfide in tema di Agricoltura Urbana mette in palio 49K per i tre vincitori

Resteranno aperte fino al 25 settembre 2015 le application per partecipare a FRACTALS – Smart Urban Farming Challenge, sfida dedicata a PMI, startup e imprenditori del web che riusciranno a sviluppare soluzioni smart e innovative per l’agricoltura urbana utilizzando le tecnologie della piattaforma FIWARE.

fractals

Il contest è alla ricerca di progetti innovativi nelle seguenti categorie:

1) Applicazioni in grado di migliorare la produttività delle aziende agricole urbane, attraverso l’impiego di soluzioni Internet of Things (ottimizzazione dei fattori di produzione, pianificazione delle attività, etc);
2) Applicazioni che migliorano l’accesso al mercato degli agricoltori urbani (avvicinare gli agricoltori ai clienti, promuovendo benefici ambientali e concetti di responsabilità sociale tra i consumatori di prodotti dell’agricoltura urbana, promuovendo modelli di business innovativi connessi alla sharing economy, etc);
3) Applicazioni in grado di promuovere la creazione di network e incentivare la formazione tra gli agricoltori urbani, consentendo ad esempio la promozione collettiva dei prodotti, lo scambio di conoscenze ed esperienze, la promozione di network per il baratto di prodotti agricoli urbani, etc.

La partecipazione è aperta a PMI, startup e web-entrepreneurs degli Stati Membri UE, con progetti in grado di integrare le tecnologie FIWARE nelle seguenti aree:

Data/Context Management, Internet of Things Services Enablement, Advanced Web-based User Interface, Advanced Middleware and interfaces to Network and Devices, Applications/Services Ecosystems and Delivery Framework, Cloud Hosting, Security.

Le application potranno essere inoltrate entro il 25/09/2015 al seguente indirizzo e-mail: urbanfarming@fractals-fp7.com
Il form da compilare è disponibile a questo link: https://www.fiware.org/wp-content/uploads/2015/08/Proposal-Template-for-FRACTALS-Smart-Urban-Farming-Challenge.docx

Entro il 5 ottobre 2015, saranno selezionati i 10 progetti finalisti che parteciperanno alla manifestazione ICT 2015, prevista a Lisbona dal 20 al 22 ottobre prossimi. I 10 finalisti riceveranno un premio da 900€ ciascuno, per coprire le spese di viaggio e alloggio.

Durante l’evento di Lisbona, i 10 finalisti di  presenteranno i propri pitch ad una giuria di esperti, che assegneranno i premi previsti per i tre vincitori. Il montepremi, del valore totale di 49.000€, sarà suddiviso nel modo seguente:

  • Primo posto: 20.000€
  • Secondo posto: 12.500€
  • Terzo posto: 7.500€

Per maggiori informazioni, il link di riferimento della call è: https://www.fiware.org/event/fractals-smart-urban-farming-challenge-the-call/

Napoli, 08/09/2015

JLAB 2015: la call for startup nel settore del commercio retail con accelerazione a Londra e un premio finale di 100.000£

JLAB è l’acceleratore di startup londinese di John Lewis, in collaborazione con il fondo di investimento L Marks inaugurato lo scorso anno e progettato allo scopo di portare innovazione disruptive nel settore del commercio retail (al dettaglio).
Fino al 1° maggio 2015 è possibile presentare la propria application per entrare a far parte delle 10 startup inserite nel prossimo percorso di accelerazione: i progetti innovativi dovranno essere in grado di rivoluzionare il mondo delle vendite al dettaglio.

JLab2

Possono partecipare startup provenienti da tutto il mondo, con un progetto innovativo in una delle seguenti categorie:

1) Meshing the Digital and Physical: tecnologie in grado di aggregare i dati e ottenere informazioni per migliorare la user experience del cliente in negozio, on-line e su mobile;

2) Effortless Payments: tecnologie adatte a facilitare i pagamenti del cliente, passando attraverso i dispositivi mobile;

3) Smart Partners: idee per creare una forza lavoro smart, in modo tale da offrire al cliente la miglior assistenza possibile in negozio;

4) Connected Home: tecnologia utile a sviluppare un’esperienza da casa per il cliente che sia unica, connessa e differenziata;

5) Suprise Us: innovazioni talmente uniche e particolari da non poter essere classificate in nessuna delle categorie precedenti.

Il percorso di accelerazione JLAB ha una durata complessiva di 12 settimane: parte il 6 luglio 2015 per concludersi il 18 settembre. Il percorso di accelerazione si svolge in office spaces dedicati a Londra, e prevede un programma di mentorship ad hoc per le startup che saranno selezionate.

JLAB1

Entro il 22 maggio 2015 saranno annunciati i progetti che parteciperanno al Pitch Day del 4 giugno, mentre i finalisti inizieranno il percorso di accelerazione JLAB il 6 luglio.
Saranno scelte infatti le migliori 10 startup, che avranno diritto al percorso di accelerazione e ad un finanziamento iniziale fino a 20.000£.
Al termine del percorso, sarà scelta la startup vincitrice attraverso il Demo Day (24 settembre): quest’ultima potrà accedere ad un ulteriore finanziamento fino a 100.000£ e assicurarsi un contratto di partnership con John Lewis.

Napoli, 28/04/2015

Start-Up Contest 2015: un’opportunità per startup e progetti nell’Internet of Things

“Start-Up Contest 2015” è il concorso dedicato a progettisti indipendenti, startup e spin-off universitari indetto da Selezione di Elettronica (rivista edita da New Business Media), Digi-Key (fornitore di servizi e componenti elettronici a livello mondiale) e Superpartes Innovation Campus (laboratorio di sperimentazione e tecnologia hardware e software che si occupa di creazione e sviluppo di nuove iniziative di impresa).

Il concorso si svolge nell’ambito dell’Innovation Day 2015, evento annuale che si svolgerà a Milano il prossimo autunno e che quest’anno ospiterà la finale di Start-Up Contest, con pitch session per i migliori 5 progetti e proclamazione dei vincitori del concorso.

La partecipazione a Start-Up Contest 2015 è aperta ai progettisti indipendenti, alle startup e agli spin-off universitari che presenteranno la domanda di iscrizione on-line (singolarmente o in team) entro il 29 maggio 2015. N.B. La deadline è prorogata al 29 giugno 2015.
Il link con il form di iscrizione è disponibile a questo link: http://www.surveygizmo.com/s3/2076136/Startup-Contest

I progetti ammissibili al concorso possono essere in fase di idea iniziale, di prototipazione o di sviluppo e devono essere in linea con le tematiche dell’Innovation Day 2015: in particolare, l’ambito di riferimento prioritario per questa edizione dell’evento è quello riferito alle applicazioni dell’Internet of Things.

startupcontest2

A titolo esemplificativo, i progetti potranno fare riferimento alle seguenti aree (elencate all’art. 6 del Regolamento):

comunicazione su cavo e wireless;
radiofrequenza & alta frequenza;
tecnologie indossabili;
energy harvesting;
tagging;
home & building automation;
monitoraggio ambiente & sistemi meteorologici;
controllo accessi;
reti di sensori intelligenti;
dispositivi medicali;
fitness e wellness.

I progetti dovranno presentare carattere di innovatività, creatività, producibilità e commerciabilità su vasta scala. Inoltre, dovranno risolvere un bisogno/problema ben definito, avere un adeguato mercato/target di riferimento, prevedere dei vantaggi competitivi.

Electronic circuit boards on the background of electronic scheme

Tra i cinque progetti finalisti che presenteranno il proprio pitch durante l’Innovation Day 2015, la Giuria sceglierà i vincitori che avranno diritto ad un percorso di accelerazione della durata di sei mesi presso Superpartes Innovation Campus, per un valore complessivo di 25.000 € (per saperne di più sui premi: http://www.startupcontest.it/il-premio/).

Per maggiori informazioni: http://www.startupcontest.it/il-concorso/

Napoli, 28/04/2015

CLab Napoli: in partenza il percorso formativo per nuove imprese digitali della Federico II. Domande entro il 15 maggio

E’ in partenza il secondo ciclo di Contamination Lab Napoli (CLab Napoli), l’iniziativa nata dalla collaborazione tra Università degli Studi di Napoli Federico II – Dipartimento di Scienze Sociali, MIUR e MISE, con il patrocinio dell’Assessorato ai Giovani, Innovazione e Creatività del Comune di Napoli.

Come per la scorsa edizione, anche quest’anno CLab Napoli si propone come obiettivo quello di promuovere la cultura dell’imprenditorialità, dell’innovazione e del fare, attraverso l’applicazione dei principi di interdisciplinarietà e di contaminazione. Lo scopo è quello di offrire un luogo di incontro tra territorio, mondo accademico, imprenditoriale e delle istituzioni per formare i partecipanti alla cultura digitale di impresa.

CLABNA

La partecipazione al bando di selezione per l’ammissione al percorso formativo di CLab Napoli è aperta a studenti universitari di tutti gli Atenei della Campania, del Conservatorio di Musica San Pietro a Majella e dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli: tra tutte le domande pervenute entro la scadenza del 15 maggio 2015, saranno scelti i migliori 30 studenti che avranno accesso al percorso.
Oltre ai 30 studenti, CLab sarà aperto anche a 5 giovani non provenienti da percorsi universitari, proprio nell’ottica di favorire la contaminazione non soltanto tra facoltà differenti, ma anche tra mondi diversi da quello accademico.

Possono partecipare alle selezioni idee-progetto relative ai seguenti ambiti strategici:

1) Green Economy,
2) Smart Technology,
3) Arte e Design,
4) Media e Industria Culturale.

Le domande di partecipazione possono essere inoltrate on-line entro e non oltre le ore 12:00 del 15/05/2015, attraverso il form disponibile al seguente link: https://docs.google.com/forms/d/1MmZDr414NoAo4YFnZeRR92lYIm7HZJVgygzqaI_3Cls/viewform

CLabSfondo

I candidati ammessi al percorso avranno diritto a beneficiare di un piano formativo semestrale sviluppato in tre fasi:

Avvio del percorso Social, che prevede la costruzione dei gruppi di lavoro attorno alle migliori idee-progetto, in base alle competenze di ciascun partecipante;

Modulo Start, che rappresenta il modulo formativo di base, da svolgere in short courses. Si tratta di corsi brevi altamente specialistici, con lezioni teorico-pratiche e workshop interenti le tematiche fondamentali dei quattro ambiti strategici previsti per CLab Napoli.

Modulo Up, consistente nel modulo di formazione avanzata, è finalizzato allo sviluppo e prototipazione delle idee progettuali. In questa fase i partecipanti potranno approfondire ed applicare le conoscenze di base acquisite nella fase precedente.

Al termine del percorso formativo, gli studenti potranno scegliere di proseguire con uno stage di due mesi presso uno dei soggetti partner di CLab Napoli, in modo tale da completare l’esperienza in un contesto lavorativo professionalizzante.

Per ulteriori informazioni e dettagli, si rimanda alla lettura del testo integrale del Bando: http://www.scienzesociali.unina.it/uploads/2015/04/bando-CLab-Napoli-II-1.pdf

Per maggiori informazioni:

Napoli, 27/04/2015

SMAU Berlino – 12 e 13 marzo: 12 startup dalla Regione Campania presenti all’evento

In chiusura oggi, con la sua seconda giornata di esposizione, l’esperienza di SMAU Berlino: sono ben 12 le startup innovative provenienti dalla Regione Campania, che ha mostrato alla platea internazionale di investitori ed imprenditori presente all’evento berlinese il suo volto più innovativo e tecnologico.

Delle 12 startup campane partecipanti a SMAU BERLINO, tre provengono dai percorsi del CSI – Incubatore Napoli Est: Paqos e PushApp, tra le sette startup vincitrici della prima edizione di VulcanicaMente dal talento all’impresa®, e Artrooms, risultata tra i cinque migliori progetti di VulcanicaMente2.

Durante la prima giornata di SMAU Berlino, che si è tenuta ieri 12 marzo, le 12 startup campane hanno partecipato (nel gruppo delle 50 aziende innovative italiane presenti all’evento) ad una serie di sessioni di pitching per presentare ai presenti le proprie idee di impresa.

La giornata di oggi, invece, sarà animata dalla premiazione delle migliori startup innovative presenti a SMAU Berlino con il Premio Startup Award.

Vediamo più nel dettaglio l’elenco delle 12 startup campane presenti a SMAU Berlino:

1) Apptripper, proveniente da Napoli, lavora ad un progetto innovativo per la creazione di nuove dinamiche nell’esperienza turistica. Lo scopo del team è quello di offrire nuovi modelli di interazione tra utenti dell’esperienza turistica, in un mercato sia italiano che europeo.

2) ArtRooms, proveniente da Napoli e tra i vincitori di VulcanicaMente2, è un servizio innovativo per vendita e noleggio di opere d’arte contemporanea. Si rivolge in particolare agli ArtLovers, persone che amano l’arte pur non avendo esperienza in collezionismo ed investimenti in arte.

3) Beesmart, proveniente da Caserta (oggi con sede a Londra), offre una soluzione integtata hardware/software per la gestione intelligente dei dispositivi elettrici di uso quotidiano. Consente di risparmiare energia e di disporre di un sistema domotico senza modificare l’impianto elettrico.

4) BSCube, proveniente da Salerno, la startup progetta e sviluppa sistemi multi biometrici su diverse piattaforme e per applicazioni specifich (es. automotive, home banking). Inoltre, BSCube sviluppa dispositivi emebedded di nuova generazione, con opportunità interattive e possibilità di combinazione ai dispositivi mobile.

5) Cambiomerci.com, proveniente da Napoli (oggi con sede a Milano), è un circuito di vendita B2B che affilia oggi oltre 550 aziende in Italia. Il sistema si basa sulla possibilità di credito e scambio attraverso tre tipologie di “baratto”: Barter, Corporate Barter or Barter Trading.

6) Cleanap, proveniente da Napoli. La sua mission è quella di rendere le città più smart e sostenibili, attraverso soluzioni di mobilità intelligenti e tecnologie ICT.

7) Pandora, proveniente da Napoli, è impegnata in attività di R&D e di industrializzazione di prodotto nel settore dell’edilizia e del design. La startup trasforma scarti e rifiuti in pannelli per prefabbricati orientati al risparmio energetico.

8) Paqos, proveniente da Napoli, tra i vincitori di VulcanicaMente1, si occupa di design, sviluppo e lancio di servizi web & mobile. Si propone come technology partner con un processo trasparente e iterativo, che coinvolge il cliente in tutte le sue fasi. Tra i progetti attualmente in sviluppo, segnaliamo La Tokue, applicazione che permette di organizzare cene a domicilio con i più quotati chef nei dintorni

9) Pushapp, proveniente da Napoli e tra i 7 progetti vincitori di VulcanicaMente1, è una startup che si propone come partner per imprese e startup che necessitano di supporto per la digitalizzazione. Tra i suoi progetti di punta, ricordiamo Appetitoo, che consente ai ristoratori di creare un’app personalizzata per il proprio ristorante.

10) Runtimate, proveniente da Napoli, lavora nel settore dello sport e in particolare su due tipologie di prodotto: cinture magnetiche e bracciali con accessori staccabili e mobile app. I clienti di Runtimate possono avere accesso ad una serie di soluzioni tecnologiche per migliorare le proprie prestazioni sportive, in particolare nella corsa amatoriale.

11) SmartDocu, proveniente da Napoli, è il primo aggregatore cloud intelligente che consente agi utenti di aggregare attraverso un’app tutti i propri cloud storage, come Dropbox e Google Drive. Gli utenti possono inoltre contrassegnare e indicizzare tutti i documenti con parole chiave e visual tags.

12) TiOne Technology, proveniente da Napoli, lavora alla progettazione e allo sviluppo di sistemi integrati di assistenza remota e telemedicina. Si rivolge in particolare alle problematiche di pazienti cerebrolesi e in stato vegetativo, in strutture pubbliche e private.

Napoli, 13/03/2015

UNECE Ideas for Change Award: il 14 aprile a Ginevra, le Nazioni Unite incontrano le startup

UNECE Ideas for Change Award è la prima iniziativa della Economic Commission for Europe delle Nazioni Unite dedicata alle startup: nel 2015, anno dello Sviluppo Sostenibile, le Nazioni Unite hanno infatti deciso di offrire alle nuove imprese innovative con idee progettuali finalizzate al benessere e allo sviluppo della popolazione e del pianeta un evento internazionale di incontro e confronto a Ginevra, che si terrà il 14 aprile 2015.

UNECE Ideas for Change Award: il 14 aprile a Ginevra le Nazioni Unite incontrano le startup
UNECE Ideas for Change Award: il 14 aprile a Ginevra le Nazioni Unite incontrano le startup

 

L’idea alla base del primo evento UNECE dedicato alle startup è coordinare due tipologie di esigenze molto attuali: l’Agenda 2015 delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Sostenibile e la “startup revolution” che attraversa oggi l’economia globale, fornendo innovazioni che cambiano giorno per giorno la vita dei cittadini e le regole del business.

All’evento UNECE del 14 aprile 2015 parteciperanno delegati dei 56 Stati Membri delle Nazioni Unite, impegnati nel raggiungimento di obiettivi dello Sviluppo Sostenibile, che incontreranno le migliori startup e portatori di idee innovative in grado di affrontare le più attuali sfide in ambito sociale e ambientale: per partecipare all’evento, è possibile iscriversi alla call for ideas UNECE.

La call per UNECE Ideas for Change Award resterà aperta fino al 28 febbraio 2015, le iscrizioni possono essere effettuate esclusivamente on-line compilando il form disponibile qui: https://www.surveymonkey.com/r/?sm=8QaJQT5ozNNcudMDTDqE1w%3d%3d

L’iniziativa è aperta a :

1) startup, imprese e organizzazioni non-profit fondate dopo il 1° gennaio 2014;
2) team o individui che stanno pianificando il lancio di una startup o un’organizzazione non-profit;
3) team di studenti universitari e/o ricercatori interessati ad una partnership con un’azienda già esistente per lo sviluppo di un nuovo prodotto o servizio.

Tra le aree di interesse indicate da UNECE, da intendersi come esemplificative e non esaustive, figurano:

  • Forests: utilizzo innovativo degli spazi e dei prodotti forestali (compresi quelli non legnosi).
  • Housing: edilizia green, soluzioni abitative ad impatto sociale positivo, progettazione urbana sostenibile, soluzioni a basso costo per abitazioni a basso impatto energetico, etc.
  • Trade: applicazioni per il commercio, ad esempio per facilitare le transazioni internazionali o per la tracciatura elettronica dei prodotti;
  • Energy: abitudini intelligenti per il consumo energetico, fonti ad emissioni zero, smart applications per l’efficienza energetica, produzioni su piccola scala di energie rinnovabili.
  • Food: metodologie a basso costo, efficaci, ecosostenibili per la conservazione dei cibi, ad esempio di frutta e verdura.
  • Transport: sicurezza stradale e mobilità urbana intelligente.
  • Environment: ambiente, riciclaggio, misurazione degli impatti ambientali, partecipazione della popolazione al processo decisionale sui temi relativi all’ambiente.
  • Statistics: ad esempio, utilizzo dei big data per progetti di sostenibilità.

Tra i migliori progetti pervenuti entro la scadenza del 28 febbraio, una Giuria di Esperti selezionerà, assieme ai delegati dei 56 Stati Membri delle Nazioni Unite, i finalisti che saranno invitati a presentare la propria idea innovativa all’evento UNECE Ideas for Change, previsto a Ginevra il prossimo 14 aprile.

Per saperne di più su UNECE Ideas for Change Award: http://www.unece.org/ideas4change/index.html

Napoli, 20/02/2015

1 2 3