Loading...

Tag: replicabilità

I KNOW: la call competitition transfrontaliera Italia Malta, per promuovere e premiare 10 idee innovative

La Call orientata al miglioramento della sostenibilità ambientale e qualità della vita e della salute.

La Call for ideas I KNOWInterregional Key Networking for Open innovation empowerment – è un progetto di cooperazione Interreg V-A Italia-Malta PO FESR 2014-2020, finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale il cui partenariato è composto dal Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia, Università di Messina, l’Università Kore di Enna, l’Università di Malta e la Società Arkimede S.r.l. -, al fine di individuare, selezionare, premiare e promuovere soluzioni imprenditoriali innovative, digitali e non, che mettano in atto un approccio fortemente orientato al miglioramento della qualità della vita e della salute e alla sostenibilità ambientale.

Nel particolare, i modelli di prodotti/servizi proposti dovranno essere innovativi e potenzialmente disruptive nelle tematiche sopra elencate e avere una forte propensione alla replicabilità, scalabilità e internazionalizzazione.

La Call for ideas è rivolta a prodotti e servizi inerenti i seguenti temi:

  • energie rinnovabili;
  • efficientamento energetico;
  • mobilità sostenibile;
  • ottimizzazione del trattamento dei rifiuti;
  • edilizia sostenibile;
  • smart building;
  • biotecnologie e bioinformatica;
  • dispositivi medici innovativi;
  • soluzioni digitali per la sanità;
  • tecnologie assistive;
  • economia circolare;
  • inclusione sociale.

Possono presentare domanda di partecipazione alla Call for ideas:

  • Gruppi informali, costituiti da minimo 3 persone che abbiano raggiunto la maggiore età,
    composti per almeno 2/3 da persone residenti in Sicilia o Malta;
  • Startup con sede legale in Sicilia o Malta o che abbiano almeno un’unità operativa locale sita
    in Sicilia o Malta;
  • PMI costituite da meno di 60 mesi con sede legale in Sicilia o Malta o che abbiano almeno
    un’unità operativa locale sita in Sicilia o Malta.

Le 10 migliori idee selezionate riceveranno gratuitamente un processo di incubazione –supervisionato pianificando un accoppiamento continuo con consulenti e imprenditori esperti, della durata di 14 mesi, presso l‘incubatore di imprese Innesta di Messina o presso l’Università di Enna “Kore” per le imprese siciliane o l’incubatore di imprese TAKEOFF per Aziende maltesi – per ottenere :

  • Tutoraggio da mentors esperti qualificati;
  • Masterclass imprenditoriali;
  • Networking con reti ed esperti per lo scambio di idee e opinioni.

Un percorso di accompagnamento dallo sviluppo dell’idea imprenditoriale all’identificazione di migliori strategie di go-to-market per incontrare investitori nazionali e internazionali.

Inoltre, 8 team selezionati, 4 da Malta e 4 dalla Sicilia, avranno l’opportunità unica di presentare la loro idea imprenditoriale al prestigioso Pitch Competition MedFest 19, che si terrà il 14 dicembre 2019 nel campus di La Valletta dell’Università di Malta, dove una platea di imprenditori e investitori privati internazionali sono pronti a finanziare le migliori idee.

Per partecipare alla Call for ideas  I KNOW , la deadline è fissata entro il 30 settembre 2019, è possibile compilare il form al seguente link: http://www.i-knowproject.eu/call-competition/

Per maggiori informazioni consultare il Regolamento al seguente link: http://www.i-knowproject.eu/wp-content/uploads/2019/08/Regolamento-call-I-KNOW-FINAL-06_08_2019-ITA.pdf

 

Premio Innovazione Amica dell’Ambiente 2019

Il riconoscimento annuale destinato alle innovazioni riguardanti le riduzioni degli impatti ambientali.

Il Premio Innovazione Amica dell’Ambiente 2019, ideato da Legambiente, è un riconoscimento nazionale che premia le imprese che promuovono l’innovazione tecnologica, ambientale e sociale.

Il Premio punta a realizzare un contesto favorevole alla ricerca e mira a incrementare la diffusione di buone pratiche nell’ambito della sostenibilità ambientale. Il Premio è rivolto alle Startup non ancora costituite e a quelle già iscritte al registro delle imprese, agli Spin Off Universitari o Aziendali.

Si tratta di un riconoscimento annuale destinato a tutte quelle innovazioni di prodotto, di processo, di servizio, tecnologiche, gestionali e sociali, che dimostrano di contribuire a significative riduzioni degli impatti ambientali, a considerevoli rafforzamenti della resilienza agli effetti del cambiamento climatico e che si segnalano per originalità, replicabilità e potenzialità di sviluppo.

Per l’edizione 2019 il tema sarà quello della lotta ai cambiamenti climatici: ci si concentrerà su come le innovazioni e le nuove applicazioni contribuiscano a preservare il Pianeta e il suo ecosistema attraverso:

  • Innovatività e Replicabilità;
  • Impatto ambientale;
  • Fattibilità tecnica e Team;
  • Modello di business.

Inoltre, saranno apprezzate iniziative, interventi, piani, progetti che si muovano negli ambiti che seguono, riferendosi al rispettivo Sustainable Development Goal in accordo con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, nel particolare:

  • Agricoltura e Filiere Agro-alimentari: Valorizzazione dei territori, sistemi di tracciabilità, integrazione innovativa di sistemi agricoli e della filiera agroalimentare. Capacità di fare sistema, impegno nella ricerca di tecnologie agricole innovative e nella diffusione di pratiche sostenibili nella produzione di alimenti. Garanzie nella sicurezza alimentare, migliorando la nutrizione e promuovendo una filiera sostenibile con impatti positivi a livello locale.
  • Mobilità sostenibile: Le modalità di spostamento che sono in grado di diminuire gli impatti ambientali, sociali ed economici. Per esempio: l’inquinamento atmosferico e le emissioni di gas serra, l’inquinamento acustico, la congestione stradale, l’incidentalità. Ma anche il degrado delle aree urbane, il consumo di territorio, i costi degli spostamenti;
  • Smart Cities and communities: Riqualificazione ambientale, energetica e sociale del patrimonio costruito, anche sulla base delle indicazioni europee sulla sostenibilità dei materiali, della durabilità degli edifici, riutilizzo e riciclabilità dei materiali dopo le demolizioni. Rigenerazione di interi spazi urbani, ecoquartieri, nuove tecnologie e interconnessione dei vari aspetti della vita quotidiana nelle abitazioni, negli uffici, nei luoghi produttivi e ricreativi;
  • Aree interne in rete: Valorizzazione dei piccoli centri al fine di renderli inclusivi, sostenibili e forti di un nuovo modo di pensare attraverso reti strategiche con la finalità di promuovere la sostenibilità ambientale, il contesto territoriale, il tessuto sociale in modo duraturo. Soluzioni volte alla crescita economica, sostenibile, in grado di fornire occupazione e di mettere in rete realtà analoghe.

Per partecipare al Bando 2019 del Premio Innovazione Amica dell’ambiente è necessario inviare entro e non oltre le 23:59 del 15 settembre 2019 la domanda di partecipazione al seguente indirizzo email: premioinnovazione@legambiente.it

Per maggiori informazioni consultare il Regolamento al seguente link: https://www.legambienteinnovazione.org/il-premio-2019/il-bando

 

A Napoli il 24 settembre il Tour Digital Championship: focus su cultura digitale e innovazione sociale

E’ in arrivo a Napoli il 24 settembre la quinta tappa del tour Digital Championship, iniziativa promossa sul territorio nazionale dall’Associazione Digital Champions e da Telecom Italia allo scopo di diffondere la cultura digitale e dell’innovazione sociale nel nostro Paese, individuando i migliori progetti sul territorio di riferimento di ciascuna tappa.

Digital_Championship-1000x667-870x490

Il tour ha già attraversato le città di Cagliari, Ancona e Palermo, offrendo ai partecipanti di ciascuna tappa la possibilità di partecipare ad occasioni di confronto e dibattito sui temi dell’innovazione sociale e digitale e di conoscere e diffondere le best practices da replicare sull’intero territorio nazionale.

Ogni tappa del tour Digital Championship mette a disposizione dei talenti digitali partecipanti uno slot della durata di 6 minuti per presentare la propria idea innovativa, che sarà poi discussa e commentata dai presenti in sala e votata dalla giuria.
Per ciascuna tappa sarà scelto il miglior progetto, in termini di potenzialità, finalità e replicabilità.

La tappa del 24 settembre a Napoli si svolgerà presso il Centro Direzionale (Isola F6) a partire dalle 11:30. Potranno presentare il proprio progetto di innovazione sociale e digitale coloro che avranno presentato la candidatura entro la deadline fissata per il 14 settembre 2015.

La tappa di Digital Champions a Napoli è aperta a progetti provenienti dalle seguenti Regioni: Campania, Puglia, Molise.
Il form di iscrizione è disponibile qui: https://docs.google.com/forms/d/1gCtN4ywSxPA8M0BhqwvpTiDiVLQ0PCE6_BPCBN2RA0k/viewform

Per saperne di più:

http://www.digitalchampions.it/archives/blog/a-napoli-la-quinta-tappa-del-tour-dellinnovazione/

http://www.telecomitalia.com/tit/it/innovazione/digital-champions/digital-championship-italia.html

Napoli, 03/09/2015

Premio Internazionale UNIDO 2015, innovazione per PVS nell’Agribusiness

Mancano ancora pochi giorni alla chiusura del Bando per il Premio Internazionale UNIDO 2015, dedicato alle migliori tecnologie e idee innovative di startup nel settore Agribusiness, che siano applicabili con successo alle realtà dei PVS (Paesi in Via di Sviluppo).

Il Premio Internazionale UNIDO 2015 si collega alle tematiche principali di EXPO 2015, e nello specifico:
Tecnologie per il miglioramento della raccolta, lavorazione, conservazione e confezionamento dei prodotti alimentari;
Tecnologie e idee innovative per la valorizzazione dei prodotti agricoli delle piccole comunità agricole;
Soluzioni innovative per la gestione logistica e l’accesso ai mercati internazionali dei prodotti agricoli dei PVS;
Tecnologie e soluzioni innovative per il miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori del settore agricolo e affini nei PVS;
Tecnologie e strumenti per il potenziamento e la qualificazione di un mercato locale di beni e prodotti per l’alimentazione e l’agricoltura;
Soluzioni innovative collegate alle tecnologie ambientali, di trattamento dei rifiuti e di produzione di energia da fonti alternative per uso agricolo e produzione di acqua potabile per uso umano, zootecnico e irriguo.

Possono presentare candidatura startup e imprese, enti di ricerca, incubatori, spin-off universitari e organismi accademici, partnership pubblico-private, associazioni, consorzi di imprese, network, OMG, fondazioni. La partecipazione può essere presentata anche in forma collaborativa tra soggetti appartenenti a differenti categorie.

Il Premio Internazionale UNIDO 2015 prevede due categorie in concorso:

1) Tecnologie già esistenti e trasferibili;
2) Tecnologie e idee totalmente innovative da sviluppare.

Le domande vanno inviate entro la scadenza fissata al 30 giugno 2015, compilando il form di iscrizione disponibile a questo link: http://www.unido.it/award2015/form/registrazione.php

UNIDO

Entro il 14 luglio 2015, sarà inviata comunicazione di ammissione da parte di UNIDO ITPO Italy. Le proposte progettuali saranno valutate sulla base dei seguenti criteri:

Rilevanza e innovazione dal punto di vista economico e sociale,
Sostenibilità ambientale ed economica nel lungo periodo,
Concrete possibilità di replica ed estensione in diversi contesti,
Ricadute occupazionali attese,
Coinvolgimento e cofinanziamento dei proponenti.

I vincitori saranno premiati nel corso della cerimonia ad hoc prevista il 26 agosto 2015 all’interno di EXPO Milano 2015, durante un evento con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Durante la cerimonia di premiazione, i vincitori potranno presentare il proprio progetto alla platea di pubblico selezionato presente all’evento.

Per i vincitori è prevista una valutazione professionale completa del progetto attraverso lo strumento COMFAR (Computer Model for Feasibility Analysis and Reporting), un software appositamente sviluppato da UNIDO per l’analisi di fattibilità, valutazione e pianificazione dei progetti di investimento.

UNIDO si impegna inoltre a garantire ai vincitori visibilità di fronte a potenziali investitori, divulgazione ad istituzioni e stakeholder dei Paesi in Via di Sviluppo in cui può essere implementato il progetto, creazione di materiale promozionale ad hoc.

Oltre ai premi per le due categorie, sono previste menzioni speciali per i progetti proposti da Giovani (Under 35) e Donne.

Per saperne di più: http://www.unido.it/award2015/invio-delle-proposte/

Napoli, 25/06/2015

Premio Sele D’Oro Mezzogiorno: un premio per giovani giornalisti, imprenditori e per progetti di sviluppo nel Sud Italia

E’ stato pubblicato il Bando per la trentesima edizione del Premio Sele D’Oro Mezzogiorno, nato dall’iniziativa dell’omonima organizzazione no profit per sostenere e diffondere le potenzialità del territorio del Mezzogiorno: il Premio 2014 conta sul patrocinio di Regione Campania, Provincia di Salerno, Comunità Montana Sele-Tanagro, AISM-Associazione Italiana Marketing, Fondazione CON il SUD, Fondazione Mezzogiorno Europa, SVIMEZ e punta a fornire un riconoscimento formale ai migliori risultati conseguiti dalle giovani generazioni del Sud Italia.

In particolare, il Premio Sele D’Oro Mezzogiorno di quest’anno è dedicato a progetti relativi al mondo dell’informazione e del giornalismo, a progetti di sviluppo dei territori del Mezzogiorno e a progetti innovativi di imprenditoria giovanile. Le sezioni elencate dal Bando 2014 sono infatti le seguenti:

– SAGGI
– EUROMED (per i saggi inediti)
– GIORNALISMO (intitolato alla memoria del giornalista Michele Tito)
– BONA PRAXIS (dedicato ai progetti di sviluppo)
– IMPRENDITORIA GIOVANILE

Per ciascuna sezione sono previste differenti requisiti e modalità di candidatura, ma in ogni caso la domanda e la documentazione dovranno pervenire a mezzo raccomandata A/R, entro e non oltre martedì 2 settembre 2014 all’indirizzo “Ente Premio Sele d’Oro – Largo Rotondo n.13 – 84020 Oliveto Citra (SA)”.

PER LA SEZIONE SAGGI

Sono candidabili saggi editi tra il 1° giugno 2012 e il 30 giugno 2014, sui seguenti argomenti: problemi istituzionali, economici, sociali, storici e giuridici del Mezzogiorno d’Italia.

Alla Domanda di Candidatura andranno allegate n. 3 copie del saggio (di cui almeno una in originale), un abstract e un file PDF del saggio.

PER LA SEZIONE EUROMED

In questo caso, sono candidabili saggi ad opera di giovani che non abbiano compiuto il 35° anno di età al 31 dicembre 2013 e tesi di laurea, tesi di dottorato di ricerca, tesi di specializzazione, testi elaborati nell’ambito di attività di ricerca promossa da università o istituzioni culturali italiane e straniere.
I lavori dovranno essere inediti e avere come argomento problemi istituzionali, economici e sociali dell’Europa e dell’area del Mediterraneo.

Alla Domanda di Candidatura vanno allegate n. 3 copie del manoscritto inedito in formato cartaceo, più un abstract e un file PDF.

PER IL PREMIO GIORNALISTICO “MICHELE TITO”

Il Bando specifica che sono candidabili:

– uno o più articoli di analisi e commento firmati e pubblicati su quotidiani o periodici di stampa a diffusione nazionale tra il 1 luglio 2013 e la data di pubblicazione del presente bando (30/06/2014);
– uno o più servizi radiotelevisivi trasmessi su reti a diffusione nazionale e/o sui siti o portali Internet, o prodotti per circuiti didattici o di home video, mandati in onda o immessi in tutti i circuiti distributivi tra il 1 luglio 2013 e la data di pubblicazione del presente bando.

Alla Domanda di Candidatura vanno allegate n. 5 copie fotostatiche del/degli articolo/i, un abstract e un file PDF, una dichiarazione a firma del/degli autore/i indicante la testata e la data di pubblicazione.
In caso di servizi radiotelesivi e prodotti audiovisivi distribuiti in home video, web le 5 copie dovranno essere in formato DVD o CD.

PER IL PREMIO BONA PRAXIS

Le candidature sono riservate a iniziative e progetti promossi da Comuni, Province, Regioni, Comunità montane e isolane, Enti Parco, Società di gestione di Patti territoriali – anche, eventualmente, promossi e/o realizzati in collaborazione con altri Enti, Governo nazionale, Unione Europea, organizzazioni sindacali o del Terzo Settore – avviati o realizzati in territori delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna (anche progetti multiregionali o multinazionali).

Le iniziative o progetti dovranno essere completate nel corso dell’anno 2013 o essere attualmente in corso, dovranno essere finalizzati allo sviluppo economico, sociale o culturale nelle regioni meridionali, caratterizzati da chiari e riscontrabili elementi di innovazione, efficacia e replicabilità.

Inoltre, dovranno essere riferite ai seguenti settori:

– Sviluppo locale
– Ambiente
– Servizi alla persona
– Promozione turistica
– Promozione culturale
– Legalità
– Incremento della partecipazione democratica
– Innovazione dei servizi ai Cittadini.

Alla Domanda di Candidatura va allegata una Scheda Riassuntiva di Progetto redatta secondo il format scaricabile dal sito internet dell’iniziativa.

PER LA SEZIONE IMPRENDITORIA GIOVANILE

Possono presentare la propria candidatura: ditte individuali, società cooperative, società di persone e società di capitali. Resuisiti fondamentali sono:

– sede legale e/o operativa in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia o Sardegna;
– costituzione della società tra il 1° gennaio 2006 e il 31 dicembre 2013;
– società costituite da almeno 2/3 di soggetti che non avessero compiuto 35 anni all’atto di costituzione della compagine.

La Domanda di Candidatura è riservata a imprese che si contraddistinguono per criteri di innovatività, originalità e creatività. Alla Domanda vanno allegate la Scheda di Presentazione Impresa e la Dichiarazione del legale rappresentante attestante che, alla data della costituzione dell’impresa, almeno 2/3 dei componenti la compagine non avessero ancora compiuto il trentacinquesimo anno di età (anche queste disponibili in formato PDF sul sito dell’iniziativa).

I vincitori delle varie sezioni del Premio Sele d’Oro Mezzogiorno 2014 saranno premiati a Oliveto Citra (SA) nella serata di sabato 13 settembre 2014: la scelta dei vincitori sarà affidata ad una Giuria composta, tra gli altri, dal prof. Mario Raffa (Docente Università di Napoli Federico II), dal dott. Alfonso Ruffo (Direttore quotidiano economico “Il Denaro”) e dal Sindaco di Oliveto Citra Dott. Carmine Pignata.

Per saperne di più sul Premio Sele D’Oro Mezzogiorno: http://seledoro.eu/

Per il Bando 2014 e per scaricare la documentazione per l’invio delle candidature: http://seledoro.eu/premio/bando-edizione-2014/

Napoli, 30/06/2014

Un programma di accelerazione per startup focalizzate sull’innovazione sociale: è aperta fino al 10/07 la call di Unipol Ideas

A partire da oggi è aperto il Bando per le selezioni dei 10 migliori progetti di innovazione sociale per l’iniziativa Unipol Ideas: il Gruppo Unipol offre un programma di accelerazione della durata di due mesi (tra ottobre e dicembre 2014) nella sua struttura di Bologna, più quattro mesi di follow up.

La partecipazione a Unipol Ideas è aperta a cittadini italiani e stranieri maggiorenni, sia come realtà già costituite da non più di 36 mesi (startup, cooperative, srl, spa, imprese sociali, associazioni), sia come gruppi informali in possesso delle competenze per trasformare la propria idea in una solida realtà imprenditoriale.
Il programma di accelerazione sarà svolto in italiano e in inglese, per cui è fondamentale la conoscenza di entrambe le lingue.

I progetti partecipanti a Unipol Ideas dovranno essere in grado di creare prodotti, servizi e soluzioni che rispondano ai bisogni del futuro: il focus dell’acceleratore Unipol è infatti l’innovazione sociale, con realtà che possano contribuire a ridurre le diseguaglianze economiche e sociali, migliorare il benessere e la qualità della vita delle persone, ridurre il gap culturale, consolidare il senso civico attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie.

Il Gruppo Unipol, per la sua call for ideas, è infatti alla ricerca di idee:

innovative, in quanto legate all’utilizzo delle nuove tecnologie o all’applicazione delle tecnologie esistenti secondo modalità nuove;

utili, perché in grado di offrire risposte a bisogni sociali e ambientali ben definiti;

economicamente sostenibili, in quanto basate su un’attività imprenditoriale economicamente e finanziariamente valida ed equilibrata, con un mercato di riferimento sufficientemente ampio;

scalabili o replicabili, che possano rispondere ai bisogni diffusi in contesti geograficamente, culturalmente e socialmente differenti con un impatto positivo;

misurabili, sia in termini di performance economica che dal punto di vista degli impatti sociali e ambientali, attraverso indicatori di efficacia ed efficienza.

In particolare, la call for ideas di Unipol si rivolge a progetti innovativi nei seguenti settori:

1) Welfare e Salute: assistenza medica personalizzata, telematica per la prevenzione, eHealth, mHealth, servizi per l’infanzia, invecchiamento attivo, assistenza agli anziani, apprendimento continuo, sostegno al lavoro discontinuo e all’auto imprenditorialità;

2) Mobilità: trasporto assistito, Intelligent Transport Systems, densità dei centri abitati, aree a bassa densità di popolazione, realtà aumentata per indicazioni stradali, condivisione dei mezzi di trasporto, intermodalità e promozione della mobilità dolce, tecnologie a supporto della sicurezza stradale, obsolescenza e pericolosità dei mezzi; spazi condivisi e aree a 30 km/h;

3) Utilizzo e valorizzazione di risorse sottoutilizzate: fruizione condivisa e collettiva di beni, strumenti e servizi; rating tra pari e dinamiche collaborative; tracciabilità delle transazioni e delle responsabilità;

4) Assicurazione, credito e finanza: educazione finanziaria e alla gestione del rischio; automatizzazione e dematerializzazione delle transazioni; micro pagamenti e micro credito; personalizzazione dei servizi finanziari;

5) Resilienza e prevenzione: prevenzione, gestione emergenze e post emergenze; costruzione banche dati ambientali e mappe del rischio, riciclo e riuso; smaltimento prodotti tecnologici; monitoraggio territorio; monitoraggio e riduzione delle emissioni; crowdsourcing delle informazioni.

Per partecipare alle selezioni di Unipol Ideas bisogna compilare il form disponibile al seguente link: http://www.unipolideas.org/
All’application form vanno allegati i CV dei componenti del team e una presentazione del progetto in 15 slide. Le candidature sono aperte da oggi, 15/05/2014, fino alle ore 12:00 del 10 luglio 2014.

Entro il 15 settembre saranno selezionati i dieci migliori progetti, che parteciperanno al percorso di accelerazione che si svolgerà a Bologna dal 20 ottobre al 19 dicembre 2014, con la partecipazione degli esperti di Make A Cube a Avanzi.

Per maggiori informazioni: http://www.thefuturetobe.it/callforideas/

Napoli, 15/05/2014

La gestione delle vendite in una startup: come ottenere i migliori risultati fin dal momento dell’acquisizione dei clienti

Jake Dunlap è CEO e founder di Skaled, società di consulenza con sede a New York specializzata in sviluppo e crescita di startup scalabili su mercati internazionali. In un suo post pubblicato da WeWork, spiega come, nelle fasi iniziali di una startup, sia fondamentale che i founders si occupino delle attività di vendita.

Anche se i founders di una startup agli inizi sono impegnati in svariate attività, infatti, sono le persone più adatte ad occuparsi delle vendite: questo perché, soprattutto per le startup basate sulla metodologia Lean, l’attività di vendita va gestita fin dal principio con grande attenzione e nessuno conosce e ama il prodotto come il founder.

Purtroppo, nella realtà dei fatti sono pochi i founders a preoccuparsi delle vendite: Dunlap utilizza come esempio la storia di Take the Interview, una startup che consente ai candidati di rispondere alle domande di un colloquio attraverso il video, riducendo i costi e i tempi rispetto agli incontri di persona.

Nei primissimi tempi di attività, i founders di Take the Interview (Danielle Weinblatt e Ty Abernethy) si occupavano di contattare direttamente le aziende cui proporre il prodotto della loro startup, spiegando tutti i vantaggi che Take the Interview avrebbe apportato in termini di sistematizzazione del processo di assunzione.

Ben presto ci si è resi conto che il prodotto offerto dal team di Take the Interview poteva espandersi potenzialmente a livello globale: da qui, la necessità di trovare un nuovo sistema per identificare e contattare i potenziali clienti, e per capire i loro bisogni, le loro necessità ed eventuali dubbi e preoccupazioni.

Per prima cosa i founders si sono occupati della costruzione del profilo dei potenziali clienti di Take the Interview, per poi stabilire in maniera chiara e definita la tempistica e le modalità per mettersi in contatto con ciascuno di essi (per via telefonica o tramite e-mail). In seguito sono stati implementati alcuni sistemi di monitoraggio per tenere sotto controllo tali comunicazioni. Tutti gli sforzi erano quindi diretti a sistematizzare il più possibile le attività di acquisizione dei potenziali clienti, in modo tale da poter poi gestire in maniera efficace le vendite.

Dall’esperienza di Take the Interview, Jake Dunlap ha tratto alcuni consigli applicabili a qualsiasi startup:

1) Concentrare il focus sul problema che la startup cerca di risolvere: è il modo migliore per comunicare efficacemente cosa produce la startup e, quindi, cosa vende. L’ideale sarebbe comunicare ai potenziali clienti un problema che loro stessi non si erano ancora resi conto di avere.

2) Costruire un processo: riuscire a costruire un processo replicabile rende le vendite più facilmente gestibili per i founders, e assicura una transazione più facile e continuativa quando sarà il momento di assumere personale addetto alle vendite. Il processo sarà infatti ottimizzato e in grado di delineare le responsabilità e le risorse specifiche per far funzionare al meglio l’attività di vendita.

3) La Lead Generation è fondamentale: anche se richiede tempo, la lead generation è in definitiva un “gioco di numeri” che consente di raggiungere costantemente le persone via telefono o e-mail e di raccogliere ottimi risultati anche se il messaggio non è ancora perfetto. Basta infatti avere un messaggio forte e coerente da comunicare, ed essere perseveranti nel raggiungere i potenziali clienti.

In definitiva, costruire un processo di acquisizione clienti replicabile nelle fasi iniziali di attività di una startup, offre ai founders la possibilità di ottimizzare la gestione del settore vendite e di avere a disposizione un sistema coerente da trasferire ai venditori che saranno assunti in futuro.

Per leggere il post originale: http://www.wework.com/magazine/knowledge/sales-startups-founder-selling-can-go-right/

Napoli, 16/04/2014