Loading...

Il Blog del CSI

Da App4Cross, un finanziamento fino a 100.000 euro per la migliore App nel volontariato

CROSS è un progetto europeo finalizzato alla creazione e promozione di un ecosistema innovativo caratterizzato dalla capacità di generare servizi digitali e applicazioni attraverso l’utilizzo di informazioni generate dagli utenti.
In particolare, il focus del progetto CROSS è sull’economia non monetaria, un settore emergente nel mercato digitale attualmente in grande espansione e per il quale si prevede una crescita sostenibile ed intelligente.

Nell’ambito del Progetto CROSS è attualmente aperto il Bando App4Cross: i progetti candidabili dovranno riguardare la realizzazione e distribuzione di un’App Web e Mobile a sostegno del volontariato e dei servizi sociali.

Il Bando mette a disposizione del miglior progetto selezionato un finanziamento di 100.000 euro, cifra che dovrà essere utilizzata per la realizzazione di un’app che dovrà essere in grado di:

– sviluppare la conoscenza sul volontariato, quale fondamentale risorsa rinnovabile per la soluzione di problematiche sociali;
– migliorare l’esperienza di fruizione dei servizi sociali erogati da alcune strutture pubbliche attraverso le organizzazioni sul territorio profit e no profit;
– tracciare i servizi sociali erogati ai cittadini, per una migliore programmazione degli stessi, andandosi ad integrare con la piattaforma tecnologica CROSS gestita da Poste Italiane.

Possono partecipare a App4Cross:

– Professionisti con partita IVA iscritti ad ordini professionali italiani o di altri paesi membri dell’UE;

– Ditte individuali esistenti ed operative da almeno un anno dal presente bando;

Società Start-up tecnologiche (italiane o di altri stati membri dell’UE), esistenti da almeno un anno dal presente bando, con capitale autofinanziato o finanziato da Investitori Istituzionali, non superiore a 100.000 euro.

Le domande di partecipazione dovranno essere inviate all’indirizzo PEC call4app@pec.crossproject.eu entro le ore 23:00 (CET) del giorno 21/01/2014 sotto forma di Documento di Risposta (in formato PDF e di dimensione non superiore a 5MB). Tale Documento dovrà contenere le seguenti informazioni:

– Dati anagrafici, casella PEC e curriculum vitae del proponente;
– Documento progettuale che descriva le caratteristiche del prodotto/servizio (nel rispetto di quanto richiesto dall’art. 2 e dall’Allegato Tecnico del Bando);
– Prezzo offerto.

Inoltre, il Documento di Risposta potrà essere in italiano o in inglese, e potrà inoltre contenere qualsiasi altra informazione utile alla valutazione del progetto.

I criteri di valutazione di App4Cross sono raggruppati in 3 aree (art. 6 del Bando):

a) Caratteristiche funzionali e non funzionali del Prodotto/Servizio offerto;

b) Caratteristiche migliorative del Prodotto/Servizio offerto;

c) Offerta economica.

Per maggiori informazioni: http://www.crossproject.eu/it/app4cross-rome/

Il Bando per le selezioni è disponibile a questo link: http://www.crossproject.eu/wp-content/uploads/2013/11/Bando-APP4CROSS.pdf

Napoli, 13/01/2014

Formazione, network e contributi in arrivo per le startup partenopee: presentato a Napoli il Progetto TECH HUB

Tech Hub è l’iniziativa destinata a sostenere le startup e imprese innovative partenopee presentata ieri dai promotori Camera di Commercio di Napoli, Università degli Studi di Napoli Federico II e Banco di Napoli: si tratta quindi di tre soggetti istituzionali con risorse e competenze differenti, che hanno deciso di costituire un’associazione temporanea di scopo per offrire strumenti utili a startup partenopee di nuova costituzione o fondate da non più di 48 mesi.

Attraverso l’iniziativa Tech Hub, la Camera di Commercio partenopea, l’Università Federico II e il Banco di Napoli intendono offrire alle startup napoletane una serie di strumenti:

– erogazione di contributi per la fase di avvio delle nuove imprese;

– accesso ad un network di imprese e investitori nazionali ed internazionali;

– possibilità di usufruire di un percorso di formazione con esperti sul tema della creazione di impresa.

Il progetto Tech Hub verrà realizzato nel corso di 2014 e si articola in due cicli, di cui il primo si concluderà entro il mese di giugno, mentre per il secondo la data di chiusura prevista è a dicembre 2014: il processo di selezione sarà finalizzato ad individuare 14 startup partenopee che usufruiranno dei servizi e degli strumenti offerti dai promotori, che hanno messo a disposizione un fondo di 300.000 euro per la realizzazione dell’iniziativa.

L’iniziativa sarà articolata essenzialmente in tre fasi:

1) Presentazione delle candidature e selezione dei migliori 14 progetti, attraverso apposito Bando Pubblico in uscita nelle prossime settimane (i Bandi saranno comunicati entro i prossimi 30 giorni attraverso i canali istituzionali degli enti promotori);

2) Percorso formativo di approfondimento, con tutor della Federico II, esperti del settore imprenditoriale e con la collaborazione di esperti del Banco di Napoli per i temi relativi al Business Plan e ai rapporti con gli investitori;

3) Al termine del percorso formativo e di approfondimento, alle migliori startup tra quelle selezionate saranno assegnati premi sottoforma di contributi a fondo perduto fino ad un massimo di 50.000 euro per ciascun progetto. Per l’erogazione dei contributi, la Camera di Commercio di Napoli metterà a disposizione un fondo di 600.000 euro.

Tra le caratteristiche di Tech Hub, il forte coinvolgimento (nel percorso formativo e attraverso la creazione del network) delle eccellenze imprenditoriali del territorio: lo conferma lo stesso Maurizio Maddaloni, presidente della Camera di commercio di Napoli, il quale si augura che i rappresentanti di tali eccellenze “seguano le idee delle startup, per essere protagoniste con noi di un percorso vincente”.

Il rettore della Federico II Massimo Marrelli, invece, sottolinea il ruolo e le competenze dell’Università nel progetto Tech Hub che si occuperà di “vedere se l’idea è tecnologicamente fattibile; oltre ad affiancare gli altri soci nell’attività formativa”. Lo stesso Marrelli pone l’accento sulla questione della ricerca, spiegando come quest’ultima “che pure sviluppa tante idee, resta ferma, e queste idee non riusciamo a venderle, in particolare a Napoli.”

In ultimo, il presidente del Banco di Napoli Maurizio Barracco spiega il motivo per cui il Gruppo che rappresenta ha deciso di investire nello sviluppo delle startup: si tratta di ragioni legati alla creazione di nuova occupazione, infatti attualmente le startup “creano più posti di lavoro di quanti ne distruggono, e il 60% dei posti creati esistono ancora dopo 5 anni”.

Per maggiori informazioni, il link al sito della Camera di Commercio di Napoli è http://www.na.camcom.it/wps/wcm/connect/cciaa/sito

Napoli, 10/01/2014

Approccio Agile e “Continuous Deployment”: l’analisi e i consigli di Steve Blank per startup e imprese innovative

In un post pubblicato nel suo blog e ripreso da Harvard Business Review, Steve Blank analizza l’evoluzione che il processo di sviluppo e distribuzione dei prodotti delle aziende ha attraversato e come i cambiamenti che ne sono derivati possono causare delusione nei clienti.

Secondo Blank, negli ultimi 75 anni il processo di sviluppo e distribuzione delle aziende (sia quelle che si occupano di prodotti durevoli che di software) è stato caratterizzato da un processo “a cascata” (waterfall), in cui l’azienda negli anni rilascia sul mercato versioni del prodotto nuove e migliorate secondo una cadenza prevedibile e con tempi piuttosto lunghi tra il lancio di una versione di prodotto e l’altra.

Il processo di distribuzione a cascata ha ceduto il passo, negli ultimi anni, all’approccio Agile e al cosiddetto “Continuous Deployment” (distribuzione continua): ciò significa per le aziende un enorme passo avanti, in quanto si riducono le risorse (in termini di tempo, denaro e lavoro) impiegate nel processo di sviluppo di nuovi prodotti.

L’autore, però, fa notare come tali continui cambiamenti nella distribuzione abbiano effetti a catena sul modello di business nel suo complesso: tali cambiamenti potrebbero avere conseguenze negative non intenzionali, in termini di generazione di aspettative, confusione ed insoddisfazione dei clienti.

Per essere davvero “smart”, le aziende dovrebbero preoccuparsi di queste eventuali conseguenze negative e adoperarsi per “educare” i propri clienti e comunicare al meglio tali cambiamenti.

A questo punto, Blank analizza le caratteristiche del sistema di distribuzione a cascata: in passato, lo sviluppo ed il conseguente lancio di nuovi prodotti veniva effettuato con un processo che seguiva il sistema “un passo alla volta”. Ciò significava che lo sviluppo di un nuovo prodotto richiedeva un ciclo lungo, e i clienti sapevano che acquistando un determinato prodotto sarebbe trascorso un certo lasso di tempo prima dell’uscita del nuovo modello o della versione aggiornata.

Nel processo a cascata, gli aggiornamenti e i nuovi prodotti seguono un percorso incrementale con cicli di rilascio delle novità sul mercato scanditi e delineati: i clienti regolavano le proprie aspettative di conseguenza.

Il passo successivo dell’autore è quello di analizzare le caratteristiche del sistema di “Continuous Deployment”, particolarmente utilizzato dalle aziende innovative e dalle startup che si sostanzia nel lancio ravvicinato di versioni sempre più aggiornate del prodotto: l’approccio “Continuous Deployment” è chiaramente basato sull’approccio Agile.

L’approccio Agile implica infatti un ritmo di distribuzione elevato, con una continua erogazione di nuovi prodotti caratterizzati da modifiche incrementali ed iterative: questo approccio ha però delle ricadute sulle aspettative dei clienti, i quali potrebbero essere scoraggiati ad acquistare il prodotto per paura di ritrovarsi dopo poco tempo con un modello obsoleto.

Per risolvere questo problema, secondo Blank è auspicabile che le aziende forniscano la possibilità ai propri clienti la possibilità di aggiornare il prodotto attraverso il ricorso alle tecnologie più avanzate e in particolare al cloud. Il ricorso al cloud ha a sua volta delle importanti implicazioni in termini di opportunità per le aziende di ripensare il proprio modello di business, e Blank analizza in merito due casi: Adobe (software) e Tesla (automobili).

Tesla offre un punto di vista su come la distribuzione continua possa avere implicazioni in un’azienda che sviluppa beni durevoli: l’azienda produttrice di automobili, infatti, ha utilizzato tale approccio per la berlina Model S. Ciò ha significato miglioramenti continui al prodotto con aggiornamenti trimestrali, anziché aspettare come sempre un anno per l’uscita del nuovo modello.

Adobe, invece, ha introdotto il cloud per i propri prodotti: anziché aspettare il rilascio delle nuove versioni da acquistare, i clienti Adobe oggi possono sottoscrivere un abbonamento e aggiornare periodicamente i propri programmi contrassegnati dalla nuova etichetta “Adobe Creative Cloud”.
Introdurre il sistema dell’abbonamento ha significato per Adobe il passaggio ad un modello di reddito con una rendita prevedibile: per l’azienda si è trattato quindi di una mossa intelligente.

Ciò che è importante analizzare però, secondo Blank, è in che modo questo tipo di cambiamenti apportati dall’azienda possa avere ricadute negative sul cliente: in molti casi, infatti, il miglioramento incrementale dei prodotti che caratterizza l’approccio “Continuous Deployment” ha avuto un impatto negativo sulla clientela, che preferisce avere una certa autonomia nel decidere quando cambiare il prodotto in suo possesso.

Nel caso specifico di Adobe, ad esempio, la creazione di un flusso di entrate prevedibili come quella derivante dagli abbonamenti non ha avuto un impatto positivo in termini di percezione del cliente: molti possessori del pacchetto Adobe ritengono che l’abbonamento non sia la formula più adatta alle loro esigenze. Se decidono di non rinnovare il proprio abbonamento mensile, infatti, perdono non solo l’accesso ai software ma anche la possibilità di accedere ai propri lavori sviluppati in passato.

In maniera simile, anche Tesla ha dovuto fare i conti con delle conseguenze negative dell’adozione dell’approccio “Continuous Deployment”: ad esempio, gli aggiornamenti ai software delle automobili hanno comportato l’eliminazione automatica di alcune funzioni già pagate dal cliente, senza offrire a quest’ultimo possibilità di scelta. Inoltre, non sempre gli aggiornamenti erano compatibili con tutti i modelli di automobili: ciò ha significato che alcuni clienti non hanno potuto servirsi di nuove funzionalità, vedendo deluse le proprie aspettative.

In conclusione, dall’analisi di Blank risulta chiaro che bisogna fare grande attenzione quando si decide di optare per un approccio “Continuous Deployment”: questo perché la possibilità di continui miglioramenti genera elevate aspettative nei clienti, che l’azienda deve assicurarsi di poter soddisfare per evitare di deluderli.

Per leggere il post originale dal blog di Steve Blank: http://steveblank.com/2014/01/06/15756/

Napoli, 09/01/2014

Opportunità dalla Commissione Europea per startup e imprese nel settore dei Videogiochi

A fine 2013 il Parlamento Europeo ha approvato “Creative Europe 2014/2020”, il Programma quadro elaborato dalla Commissione Europea per i settori audiovisivo, culturale e creativo: con un incremento pari al 9% rispetto alla programmazione precedente, la dotazione per Creative Europe nei prossimi sette anni è pari a 1,46 miliardi di euro ripartiti in tre sottoprogrammi: MEDIA, Culture e Strand.

In particolare, nell’ambito del sottoprogramma MEDIA è stata lanciata da pochi giorni una call interessante per imprese e startup che operano nel settore delle nuove tecnologie e nello specifico in quello dei Videogiochi: “Development – Video games”, la cui deadline è fissata per il 28 marzo 2014.

Scopo della call è quello di finanziare progetti di sviluppo di videogiochi digitali, indipendentemente dalla piattaforma e dal metodo di distribuzione previsto. Unica discriminante è che il videogioco sia destinato a finalità commerciali, inoltre i progetti dovranno avere una durata massima di 30 mesi.

Possono partecipare alla call “Development – Video games” soggetti giuridici aventi sede in uno degli Stati Membri dell’Unione Europea, oltre alle società provenienti dai Paesi indicati nell’art. 2 della call (scaricabile in italiano a questo link).

I progetti saranno valutati sulla base di una serie di criteri, tra cui ricordiamo la pertinenza e il valore aggiunto europeo (inteso in termini di qualità della strategia di sviluppo e di potenzialità di sfruttamento a livello europeo ed internazionale); la qualità del team; l’innovatività e la sostenibilità/fattibilità del progetto.

La dotazione complessiva per “Development – Video games” è pari a 2,5 milioni di euro: per ciascun progetto selezionato, sarà assegnato un contributo in forma di sovvenzione.

Il contributo concesso a ciascun progetto sarà suddiviso in due parti:

fra i 10.000 e i 50.000 euro per lo sviluppo dell’idea di gioco,
fra i 10.000 e i 150.000 euro per lo sviluppo del progetto (prototipo giocabile).

Le candidature vanno inviate all’EACEA esclusivamente on line, attraverso l’apposito form entro il 28 marzo 2014 alle ore 12:00 (ora di Bruxelles).

Per informazioni e approfondimenti, oltre che per le linee guida e i moduli di partecipazione il link ufficiale è:
http://ec.europa.eu/culture/media/fundings/creative-europe/call_11_en.htm

Napoli, 08/01/2014

 

Il Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane: nuovi strumenti a sostegno di startup e PMI dalla Regione Campania

Con Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013, la Regione Campania ha creato un Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane con una dotazione pari a 100 milioni di euro, affidandone la gestione a Sviluppo Campania Spa.

Sarà Sviluppo Campania, quindi, a selezionare i beneficiari attraverso appositi bandi pubblici: in attesa di sapere quali saranno termini e requisiti per ottenere agevolazioni e finanziamenti, vediamo come saranno impiegati i fondi a disposizione.

Per conoscere gli obiettivi del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane , è fondamentale il contenuto del documento relativo alla Strategia di Investimento pubblicato nel BURC n. 74 del 30/12/2013, nel quale ritroviamo una serie di obiettivi e strategie:

Limitazione del sistema di finanziamento a fondo perduto, grazie ad un sistema rotativo del Fondo per assicurare la disponibilità di risorse anche nella futura programmazione;

Intervento sul sistema del credito e delle garanzie, per facilitare l’accesso al credito delle PMI e fornire finanziamenti laddove il sistema bancario non è propenso a farlo;

Fornire supporto alle startup e alle giovani aziende anche a copertura di investimenti immateriali, per assicurare supporto alla crescita di aziende basate sul know-how;

Snellimento e informatizzazione delle procedure, ricorrendo alla presentazione di domande esclusivamente on-line ed assicurando un servizio di assistenza digitale ai partecipanti;

Erogazione dei finanziamenti in più round, sulla base dell’invio di report periodici e sistematici.

Per raggiungere tali obiettivi, si prevede l’attivazione di una serie di strumenti, suddivisi nel già citato Decreto in tre macro aree:

a.1 Operazioni a supporto del tessuto produttivo artigianale e di start up

a.2 Iniziative finalizzate a facilitare l’accesso al credito

a.3 Misure a favore della crescita del tessuto produttivo

Nel documento relativo alla Strategia di Investimento, gli strumenti relativi alle tre macro aree sono ulteriormente specificati in cinque voci elencate nel Quadro sinottico degli strumenti:

1) Per le startup e le aziende di piccole dimensioni, saranno erogati finanziamenti a tasso agevolato (durata massima 5 anni e importo massimo 250.000 euro) da rimborsare con sei mesi di preammortamento;

2) Per le reti d’impresa, allo scopo di sostenere l’internazionalizzazione, si prevedono finanziamenti fino a un milione di euro. Lo strumento è riservato a raggruppamenti di minimo 3 micro, piccole e medie imprese con sede in Campania, costituite in forma di contratto di rete e dotate di un fondo patrimoniale comune;

3) Tranched cover per la facilitazione dell’accesso al credito, strumenti di garanzia diretta per la mitigazione del rischio dei finanziatori che investono in imprese con portafogli di crediti non agevolmente smobilizzabili. Riservato a PMI dei settori manifatturiero, servizi ed edilizia.

4) Rafforzamento della rete dei Confidi regionale, attraverso la creazione di un fondo di garanzia di secondo livello per supportare i consorzi fidi della Regione che prevedono garanzie anche per le passività a breve;

5) Patrimonializzazione delle startup, per sostenere i programmi di investimento di PMI ad elevato contenuto innovativo attraverso la sottoscrizione di quote di minoranza del capitale di rischio.

Da segnalare, infine, che un’ingente quota del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane sarà dedicata alle nuove imprese, con particolare attenzione a quelle composte in maggioranza da under 35 e a quelle operanti nel settore dell’artigianato.

Per approfondimenti:

BURC n. 74 del 30/12/2013 (In allegato: il Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013; l’Accordo di Finanziamento; la Lettera dei Costi e la Strategia di Investimento)

Napoli, 07/01/2014

Adempimenti per startup innovative: cosa prevede la normativa?

Con l’inizio del nuovo anno è utile ricordare gli adempimenti previsti dalla legge per il mantenimento dello status di startup innovativa.
Come avevamo già ricordato in questo post, in base alle previsioni del Decreto Sviluppo 2.0, infatti, le imprese che nel 2013 risultano iscritte nell’apposita Sezione Speciale della Camera di Commercio di appartenenza devono:

Aggiornare ogni sei mesi le informazioni riguardanti i requisiti di accesso alle agevolazioni.

Entro sei mesi dall’ultima iscrizione nel Registro delle imprese delle informazioni relative alla start-up innovativa, il legale rappresentante (o un suo delegato) deve depositare al Registro delle Imprese, tramite procedura telematica, un nuovo modello S2 riportante la dicitura “Aggiornamento in data … (data di presentazione della domanda) delle informazioni di start-up innovativa (art. 25 comma 12 e 14 D.L. n. 179/2012, convertito dalla L. n. 221/2012)”. Di seguito, in caso di segnalazione di aggiornamenti rispetto alle informazioni già depositate, bisognerà riportare le informazioni aggiornate relative a:

– l’attività svolta, compresa l’attività e le spese dedicate alla ricerca e sviluppo;
– i titoli di studio e le esperienze professionali dei soci e del personale che lavora nella start-up innovativa, esclusi eventuali dati sensibili ai fini della privacy;
– l’eventuale esistenza di relazioni professionali, di collaborazione o commerciali con incubatori certificati, investitori istituzionali e professionali, università e centri di ricerca;
– l’elenco di eventuali diritti di privativa su proprietà industriale e intellettuale

In caso di conferma delle informazioni già iscritte nel Registro delle Imprese, invece, alla dicitura di cui sopra va aggiunta la frase: “Si confermano le notizie già comunicate ed iscritte”.

La pratica è esente dal pagamento di imposte di bollo e diritti di segreteria.

Depositare un’autocertificazione attestante i requisiti di accesso alle agevolazioni previsti dalla normativa.

Entro 30 giorni dall’approvazione del bilancio 2013 e comunque entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio, il rappresentante legale della startup innovativa deve attestare il mantenimento del possesso dei requisiti prescritti dalla legge al fine dell’identificazione della startup con una apposita dichiarazione da depositare presso l’ufficio del Registro delle imprese.

Il modello da compilare è anche in questo caso il modello S2, in cui deve risultare la frase deve risultare la frase: “Conferma in data … (data di presentazione della domanda) del possesso dei requisiti di start-up innovativa (art. 25 comma 15 D.L. n. 179/2012, convertito dalla L. n. 221/2012)”.

La pratica prevede il pagamento dei bolli e diritti previsti per il deposito del bilancio. In caso di mancata presentazione dell’autocertificazione, lo status di startup innovativa viene cancellato d’ufficio dopo 60 giorni.

Fonte: http://www.to.camcom.it/Page/t01/view_html?idp=15047

Napoli, 07/01/2013

Opportunità accademiche per aspiranti imprenditori: una borsa di studio negli USA con il Programma BEST

Come anticipato qualche settimana fa, è stato pubblicato il Bando per l’anno accademico 2014-2015 del Programma BEST, che prevede borse di studio per la frequenza di corsi intensivi in “Entrepreneurship e Management” presso la Santa Clara University della California e un periodo di internship presso una delle società USA con sede nella Silicon Valley.

Il Programma BEST nasce dalla collaborazione tra Invitalia, agenzia nazionale che lavora allo scopo di accrescere la competitività italiana ed in particolare del Mezzogiorno, e la Commissione Fulbright, impegnata negli scambi culturali tra Italia e USA. Scopo del Programma BEST è quello di favorire lo sviluppo dell’imprenditorialità nazionale e dell’innovazione tecnologica in Italia, attraverso apposite borse di studio finanziate dalle donazioni.

Per l’anno accademico 2014-2015 sono previste al momento minimo 3 borse di studio (in caso di ulteriori fondi, sarà cura della Commissione valutare e comunicare l’aumento del numero di borse previste). Tali borse di studio copriranno innanzitutto la frequenza di un semestre presso la californiana Santa Clara University (tasse universitarie e corso in Business English). In aggiunta ai corsi universitari in “Entrepreneurship e Management”, come accennato i vincitori svolgeranno un internship presso una società della Silicon Valley e, al rientro in Italia, beneficeranno di un programma di affiancamento finalizzato all’ulteriore sviluppo della business idea presentata dai borsisti alle selezioni.

Inoltre, i borsisti del Programma BEST avranno diritto ad alloggio, stipendio mensile, assicurazione medica, spese ed altri costi del programma (program fees, books, transportation), programma di orientamento in Italia (prima della partenza e all’arrivo in California), rimborso forfetario per le spese di viaggio: il valore complessivo della borsa è pari a 41.800 $ e 1.500 € e i corsi si terranno da agosto/settembre 2014 a febbraio/marzo 2015.

Le selezioni per l’assegnazione delle borse di studio sono aperte a cittadini italiani under 35, che siano in possesso di Laurea (triennale, vecchio ordinamento o magistrale), oppure frequentanti o in possesso di Dottorato di Ricerca: la scadenza per la presentazione delle domande è fissata per il 18 aprile 2014.

Per partecipare alle selezioni, inoltre, i candidati dovranno dimostrare un’ottima conoscenza della lingua inglese: per questo motivo è necessario essere in possesso di adeguata certificazione (TOEFL, IELTS o TOIEC, con preferenza per la prima opzione e obbligo di votazione minima pari a 72-74/120). In particolare, per i candidati non ancora in possesso del certificato al momento di presentazione della domanda, è possibile inviare entro la scadenza il Ticket Confirmation che dimostri l’iscrizione all’esame per la prima data disponibile. In ogni caso, il certificato dovrà pervenire alla Commissione Fulbright entro il 16 maggio 2014.

La presentazione delle domande dovrà essere effettuata on-line, compilando la Application BEST 2014-15 che sarà rintracciabile dai siti della Commissione Fulbright e di Invitalia: si tratta di 4 moduli (tre in inglese e uno in italiano) da inviare entro il 18/04/2014 ai seguenti indirizzi: bpizzella@fulbright.it e cc: advorzova@fulbright.it, unitamente ai documenti elencati dal bando ufficiale scaricabile da questo link. Il bando ufficiale contiene inoltre i dettagli sul processo di selezione, che sarà effettuato tramite un primo momento di esame delle domande e della documentazione allegata dai candidati, seguito da una seconda fase di interviste ai candidati.

Il Programma BEST prevede infine un servizio di consulenza individuale di cui i candidati potranno servirsi sia per informazioni che per assistenza alla compilazione dei moduli: il servizio potrà essere via telefono, e-mail o per appuntamento e i contatti sono disponibili qui: http://www.fulbright.it/it/servizio-informazioni/sedi-ed-orari

Per ulteriori informazioni:

Napoli, 03/01/2014

 

Giovani, startup, innovazione e nuove tecnologie: il Comune di Napoli stanzia oltre un milione di euro

In data 30 dicembre 2013, il Comune di Napoli attraverso l’Assessorato ai Giovani ha pubblicato alcuni Bandi destinati alla progettazione di una serie di attività e servizi rivolti ai giovani napoletani.

Le risorse impiegate sono in totale 1.195.426,05 Euro, provenienti da fondi ministeriali (nello specifico, il PLG – Piano Locale Giovani) e regionali (dal PTG – Piano Territoriale Giovanile), suddivise in una serie di interventi ed iniziative accomunate dallo scopo di creare reali opportunità di sviluppo per i giovani partenopei, dando inoltre loro la possibilità di accrescere e realizzare i propri progetti e il proprio talento creativo mettendoli al servizio del territorio.

I fondi destinati dal Comune di Napoli ai giovani sono ripartiti nel modo seguente:

1) Piano Territoriale di Politiche Giovanili
2) Piano Locale Giovani
3) Iniziative a favore dei Giovani organizzate nei Centri Giovanili Comunali

In ciascuna di queste tre aree sono previsti inteventi differenti: in questo post approfondiremo quelli riguardanti più da vicino il mondo dell’innovazione, delle startup e dell’imprenditoria, mentre per maggiori approfondimenti su tutti gli altri interventi rimandiamo alla pagina dedicata sul sito ufficiale del Comune di Napoli.

REALIZZAZIONE DI UN FAB LAB

Un primo intervento interessante per il mondo delle startup, dell’innovazione e delle tecnologie più avanzate è contenuto nelle Iniziative a favore dei Giovani organizzate nei Centri Giovanili Comunali: l’Intervento 2 è infatti finalizzato alla realizzazione di un FAB LAB all’interno del Centro Giovanile “Casa dei Giovani e della Cultura” di Pianura.

Possono partecipare:

Società con sede operativa nel territorio del Comune di Napoli, costituite da almeno un anno e in cui almeno il 70% dei soci sia under 35;
Associazioni iscritte al Registro Cittadino delle Associazioni Giovanili;
Gruppi informali che entro 10 giorni dall’eventuale approvazione della domanda si costituiscano in Associazione e si iscrivano al Registro di cui sopra.

Il Bando è riservato a proposte progettuali per l’organizzazione di un Fab Lab, definito come “una piccola officina che offre servizi personalizzati di fabbricazione digitale, dotata di strumenti computerizzati in grado di realizzare un’ampia gamma di oggetti”.
Oltre all’organizzazione del Fab Lab, il soggetto dovrà organizzare un corso per giovani di età compresa tra i 16 e i 23 anni, preoccupandosi di tutte le fasi (dalla selezione, alla comunicazione, alla promozione).

Per l’intervento “FAB LAB” le risorse a disposizione sono pari a 20.000 euro, inoltre il Comune di Napoli mette a disposizione affissione di manifesti, una sede all’interno del Centro Giovanile “Casa dei Giovani e della Cultura” di Pianura per tre anni, la comunicazione istituzionale.

Le domande di partecipazione dovranno pervenire in copia cartacea e su supporto informatico tramite consegna a mano al Protocollo Generale del Comune di Napoli (Palazzo San Giacomo, Piazza Municipio) entro e non oltre le ore 12:00 del 5 febbraio 2014.

Per maggiori informazioni e per scaricare il bando e la documentazione il link di riferimento è: http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/23435

PROGETTO SVILUPPO NAPOLI

Ancora più interessante e specificamente dedicato alle startup è l’Avviso Pubblico per il progetto “Sviluppo Napoli”, intervento previsto nell’ambito del Piano Locale Giovani tra le attività di sostegno allo startup d’impresa realizzate dal Comune di Napoli.

Sviluppo Napoli prevede la concessione di 10 contributi da 20.000 euro ciascuno per le migliori idee imprenditoriali proposte da giovani talenti napoletani, oltre alla possibilità di beneficiare di un apposito servizio di tutoraggio presso il Servizio Giovani e Pari Opportunità.

Possono presentare la propria idea di impresa i soggetti che vogliano avviare una nuova iniziativa imprenditoriale nel territorio del Comune di Napoli o realizzare un nuovo investimento nell’ambito di attività già avviate, purchè in possesso dei seguenti requisiti:

– Le forme giuridiche ammesse sono l’impresa individuale, societaria, cooperativa;

– Le persone fisiche costituenti le imprese devono essere cittadini UE o in possesso di regolare permesso di soggiorno, di età compresa tra i 18 e i 35 anni;

– Le imprese devono avere sede legale, operativa ed amministrativa nel territorio del Comune di Napoli.

Il Bando elenca inoltre, all’articolo 4, una serie di settori prioritari di intervento:

a) servizi al turismo (servizi, ristorazione, alloggio);
b) tutela dell’ambiente;
c) servizi sociali alle persone;
d) servizi culturali;
e) ICT (servizi multimediali, informazione e comunicazione);
f) risparmio energetico ed energie rinnovabili;
g) manifatturiero;
h) artigianato e valorizzazione di prodotti tipici locali;
i) attività professionali in genere;
j) commercio di prossimità.

Le domande saranno valutate sulla base di una serie di criteri (art. 10), tra i quali figurano come prioritari la sostenibilità tecnica, economica e finanziaria del progetto e la capacità di creare nuova occupazione. Ma l’aspetto particolarmente interessante per le startup napoletane è la previsione di un punteggio aggiuntivo (5 punti) assegnato a progetti provenienti da incubatori di impresa del Comune di Napoli, tra cui figura il CSI – Centro Servizi Incubatore Napoli Est.

Il Servizio Giovani e Pari Opportunità del Comune di Napoli, inoltre, offre la possibilità a tutti i partecipanti di usufruire di un servizio gratuito di accompagnamento pre e post domanda: il calendario e gli sportelli saranno pubblicati dal sito istituzionale www.comune.napoli.it

La presentazione delle proposte chiude alle ore 12:00 del 10 febbraio 2014, e anche in questo caso le domande vanno presentate in formato cartaceo e su supporto informatico con consegna a mano presso il Protocollo Generale del Comune di Napoli.

Per scaricare il bando completo e la documentazione per partecipare il link di riferimento è http://www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/23450

Napoli, 02/01/2014

Il team di PushApp vola in Brasile con Appetitoo

PushApp s.r.l., tra le startup vincitrici della prima edizione di VulcanicaMente: dal talento all’impresa e attualmente insediata presso il CSI – Centro Servizi Incubatore Napoli Est, è stata selezionata tra le venti migliori proposte per la categoria “Smart Business Industry Apps” del concorso internazionale Fi-Ware Challenges 800k.

Grazie al suo progetto “Appetitoo”, piattaforma web destinata al settore ristorazione, il team di PushApp si prepara quindi a volare per una settimana a San Paolo, per il Campus Party Brazil 2014.
L’evento si terrà dal 27 gennaio al 2 febbraio 2014: i progetti selezionati nelle due categorie di Fi-Ware Challenges 800k (la già citata “Smart Business Industry Apps” e la “Smart Cities”) saranno rappresentati da almeno due componenti per ciascun team.

Durante il Campus, i team potranno inizialmente affidarsi al supporto e al sostegno del team tecnico di Fi-Ware: successivamente, avranno tre giorni di tempo per lavorare al miglioramento dei progetti e presentare alla finale del 1° febbraio un prototipo costruito sulla tecnologia (in particolare il cloud) della piattaforma Fi-Ware.

Nei prossimi mesi, inoltre, sono previste altre call con occasioni ed opportunità per giovani imprenditori e startuppers offerte da Campus Party e Fi-Ware.

Tra i premi in palio per cui concorrono i finalisti di Fi-Ware Challenges 800k, cifre comprese tra i 5.000 e i 75.000 euro: non ci resta che incrociare le dita e augurare un grande in bocca al lupo al team di PushApp!

Per maggiori informazioni:

– La pagina dedicata a PushApp sul sito del CSI
– Il sito internet di Appetitoo
– Il sito ufficiale di Campus Party Brazil
– Il sito ufficiale di Fi-Ware, con tutte le informazioni su Fi-Ware Challenges 800k

Napoli, 02/01/2014

Obiettivi, compiti e scadenze: come ottimizzare il lavoro e raggiungere i migliori risultati per la tua startup

Allie Sarto è co-founder di Loudpixel, una società americana di Social Media Market Research che si occupa di aiutare le aziende a conoscere meglio il proprio mercato ed i propri clienti sfruttando le conversazioni e i pareri postati ogni giorno sui social media, anziché affidarsi a mezzi costosi e più lenti come i focus group e le classiche indagini di mercato.

Di recente ha pubblicato sul sito http://nibletz.com un post dedicato agli startuppers con alcuni interessanti consigli su come utilizzare al meglio il proprio tempo e le proprie risorse.
La vita di un neo-imprenditore, infatti, è spesso caratterizzata dalla difficoltà di dover affrontare una serie di compiti diversi ogni giorno: bisogna occuparsi del marketing, delle vendite, dell’aggiornamento del sito web e di tanti altri aspetti che riempiono ogni giorno l’azienda di chi lavora alla propria startup.

A volte, racconta Allie Sarto, ha vissuto giornate in cui erano talmente tante le cose di cui occuparsi che, non sapendo scegliere quali fossero le più importanti, ha finito per bloccarsi e non fare nulla: è stato in quelle occasioni che ha ripensato al concetto di “90-day plan” del fotografo Millie Holloman, che può essere applicato ad un’impresa che abbia bisogno di fissare obiettivi, priorità ed azioni da svolgere nei successivi 3 mesi.

Ecco i suggerimenti di Allie Sarto per startuppers che si sentono “bloccati”:

1. Crea il tuo 90-day plan: è necessario scegliere dai tre ai cinque obiettivi misurabili da realizzare nell’arco dei 3 mesi successivi. Una volta identificati gli obiettivi, è possibile creare uno schema in cui per ciascun obiettivo da raggiungere si elencano i compiti da svolgere e le relative scadenze.

2. Sistema il tuo 90-day plan in un luogo ben visibile: Allie Sarto consiglia di farne uno sfondo per il desktop del proprio pc, per poterlo avere davanti agli occhi ogni giorno. Man mano che si raggiunge un obiettivo o si porta a compimento un compito, è possibile depennare la voce dallo schema.

3. Utilizza il tuo 90-day plan per creare la tua to-do list quotidiana: una volta identificati i compiti e le scadenze per raggiungere ciascun obiettivo, è possibile stabilire le attività da svolgere quotidianamente in maniera più semplice ed efficace. Inoltre, la to-do list del giorno consente di avere un promemoria delle attività da svolgere in seguito.

4. Trova qualcuno che ti responsabilizzi: Allie Sarto si serve di un professional coach, che incontra ogni tre settimane. Se non riesce a raggiungere i propri obiettivi incrementali, è a lui che deve render conto: in questo modo può responsabilizzarsi. Non è comunque indispensabile assumere un coach professionista: può bastare trovare un amico o un gruppo on-line.

5. Gestisci le tue energie: è importante imparare a gestire le proprie attività assecondando i propri ritmi. Allie Sarto, ad esempio, ha imparato ad osservarsi e capire che le sue energie creative sono al massimo durante le ore mattutine: per questo, cerca di spostare i compiti in cui necessita di minore creatività al pomeriggio, e di svolgere le attività creative quando le sue energie sono al massimo. Ultimo consiglio: ritagliarsi un momento di pausa per ricaricarsi, quando si passa da un’attività all’altra.

Per leggere il post originale da Nibletz, il link di riferimento è: http://nibletz.com/2013/10/28/5-ways-maximize-startups-efficiency/

Napoli, 30/12/2013