Loading...

Il Blog del CSI

SAVE THE DATE: 16 FEBBRAIO L’ICT SOCIAL TECHWEEKEND

Se pensi di avere una buona idea, vuoi fondare una Startup innovativa ICT-based o semplicemente sei un appassionato di tecnologia, ecco tre buone ragioni per partecipare all’ICT-Social TeckWeekEnd:

  1. focus: abbiamo il miglior team di mentors che sarà a tua disposizione per un intero fine settimana per darti una mano a focalizzare la tua idea e facilitarti nella scelta e nella formazione di un team imbattibile;
  2. network: attraverso l’iniziativa “VULCANICA-MENTE: dal talento all’impresa” vogliamo creare una community di Startup ad alto potenziale. Entrerai in contatto con altri aspiranti imprenditori proprio come te;
  3. opportunità: anche se non è obbligatoria, la partecipazione ai TechWeekEnd ci permetterà di conoscerti e di prepararti a dovere per partecipare alla business competition “VULCANICA-MENTE: dal talento all’impresa” e darti quindi un vantaggio nella corsa alla vittoria.

… e ancora una ragione: è tutto gratuito!

Il TechWeekEnd funziona così:

  • Giovedì pomeriggio/sera ogni partecipante potrà presentare la propria idea, se ne ha una, altrimenti, se pensa di avere particolari skills tecnici o relazionali, potrà aggregarsi ad altri team. I nostri mentors faciliteranno il Team building attorno alle migliori idee presentate.
  • Dal venerdì mattina s’inizia a lavorare intorno alla focalizzazione delle singole idee. I mentors offriranno ai team spunti e strumenti per la preparazione degli elevator pitch e per l’iscrizione alla competition “VULCANICA-MENTE: dal talento all’impresa”.
  • Il sabato ci sarà la presentazione finale delle idee da parte dei singoli team che simuleranno il pitch a un Venture Capital.

Per iscriverti ai basta compilare i campi dell’apposita sezione del sito dedicata all’iscrizione ai TechWeekEnd.

Il TechWeekEnd si terrà a Napoli, in una sede consona alle esigenze. Appena avremo definito la location, te lo comunicheremo attraverso il sito o con un messaggio di posta elettronica.

Ma ricorda: accetteremo solo fino a 60 candidati. Affrettati!

Nasce il Fondo per il microcredito della Regione Campania

La giunta della Regione Campania, con deliberazione n. 733 del 19 dicembre 2011 ha istituito un fondo, dal valore iniziale di 100 milioni di euro, per l’erogazione di microcredito denominato “Fondo Microcredito FSE”, che sarà gestito da Sviluppo Campania Spa. L’obiettivo principale del Fondo, che dovrà entrare a regime a partire da giugno 2012, è di rispondere alle difficoltà di accesso al credito da parte di alcune categorie imprenditoriali “non bancabili”.

Tra le finalità del Fondo: la promozione dell’autoimprenditorialità, la nascita di nuove imprese o l’emersione delle esistenti, la partecipazione dei soggetti svantaggiati al mercato del lavoro, la ricerca e lo sviluppo tecnologico per favorire lo spin-off delle imprese.

In particolare, sostenendo la promozione del microcredito, il Fondo permetterà di realizzare nuovi investimenti incentivando sia le nuove attività sia le realtà imprenditoriali esistenti, con priorità per soggetti socialmente svantaggiati e le cooperative sociali.

Il prestito, dell’ammontare minimo di 5.000 Euro e massimo di 25.000 Euro, sarà concesso con un tasso di interesse nullo e una rateizzazione a cadenza mensile.

 

Per approfondimenti:

Visualizza la DGR n. 733

Visualizza l’Allegato

Visualizza l’Allegato

 

Colori d’India – 13 gennaio 2012, ore 18:00

Effe erre congressi e Motodaluogo

con

Elio Scandone

presentano

Venerdì 13 Gennaio ore 18.00

presso la Chiesa di San Francesco delle Monache, Via Santa Chiara 10/c – Napoli

GUJARAT

L’India tribale & Holi Festival

Partenza : 3 MARZO 2012

Tour accompagnato da Elio Scandone

…Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti ma per seguir Virtute e Conoscenza…
(Ulisse arringa la ciurma per convincerla a varcare le Colonne d’Ercole)
Dante, Inferno, Canto XXVI

Questa proposta di viaggio fa parte di un progetto organico legato al concetto di sostenibilità etica di quei gruppi e minoranze etniche disseminati nel mondo, caratterizzati da propri idiomi culturali e che costituiscono un patrimonio incommensurabile in via di estinzione. Nel Gujarat, in particolare, Stato dell’India Nord Occidentale, convivono in modo straordinario, stili di vita arcaici legati a numerose minoranze etniche. Visitare queste tribù sparse nei vari villaggi, essere accolti dai loro sorrisi e dalla bellezza delle loro tradizioni, rappresenta un vero e proprio tuffo nel passato. Il Gujarat è un’India diversa, coloratissima e profondamente religiosa. Proprio qui, infatti, troviamo alcune tra le opere d’arte più grandiose del paese, tra cui l’imponente collina di Palitana, il più importante centro Jainista dell’India, la cui vetta si raggiunge attraverso scalinate e sentieri, rischiando di perdersi tra gli oltre 860 templi di marmo bianco. L’“Holi Festival”, poi, è una delle feste più antiche della mitologia indù, che generalmente di svolge nell’arco di due giorni e celebra il trionfo del bene sul male. Si tratta di una sorta di “carnevale”, le persone festeggiano per le strade danzando e cantando lanciandosi addosso colori e pigmenti colorati.

Non ci dilungheremo sull’elencazione delle cose da portare con Voi in viaggio, lo faremo in seguito, ma ci raccomandiamo di lasciare a casa una sola cosa: il Pregiudizio, la riserva mentale, i nostri soliti metri di giudizio: assumendo nei confronti “dell’altro” un atteggiamento di umiltà e curiosità…

…e de’ remi facemmo ali al folle volo…
(Dante, Inferno, Canto XXVI)

Ecco il video di Presentazione

effe erre congressi

Corso Vittorio Emanuele 347

80135 Napoli

Ph: +39 081 2302417

Fax: +39 081 2429572

www.frcongressi.it

info@frcongressi.it

 

Formazione di una short list di esperti presso DigitCampania SCaRL

DigitCampania SCaRL intende procedere alla formazione di una short list di esperti idonei a fornire prestazioni professionali per le attività preposte alla realizzazione dei propri fini istituzionali.

La costituzione della short list prevede la classificazione delle professionalità nei seguenti gruppi di competenza:

  • Gruppo A Gestionale, giuridico – economico
  • Gruppo B Comunicazione/Informazione
  • Gruppo C Produzione Multimediale
  • Gruppo D ICT – Information communications technology
  • Gruppo E Eventi e Servizi al Pubblico
  • Gruppo F Manutenzione e Servizi

Possono richiedere di essere inseriti nella Short list tutti coloro che, alla data di presentazione della domanda, risultino essere in possesso di un titolo di studio non inferiore al conseguimento del diploma di Scuola superiore, con esperienze professionali nei gruppi di competenza di specifico interesse di DigitCampania Scarl. Per l’iscrizione occore essere in possesso di requisiti minimi oltreché di specifiche competenze, dettagliatamente descritti nell’avviso integrale.

Le candidature potranno essere formalizzate a partire dal quindicesimo giorno successivo alla data di pubblicazione dell’avviso sul BURC osservando le modalità che seguono:

  • Compilazione del modulo elettronico della scheda anagrafica e del profilo professionaleall’indirizzo web www.digitcampania.it/index.cfm?m=1&s=7&i=9; è necessario compilare il modulo elettronico on line in tutte le sue parti allegando via web nel medesimo modulo il curriculum vitae in formato europeo ed il documento di riconoscimento a colori fronte e retro in corso di validità;
  • Stampa della domanda di iscrizione. Verificata la correttezza e completezza delle informazioni inserite al precedente punto, il richiedente seguendo le indicazioni fornite via web deve stampare la domanda di iscrizione;
  • Autocertificazione delle informazioni ed invio del modulo: il richiedente dovrà, quindi, inviare il modulo precedentemente stampato e firmato in autocertificazione per esteso entro i tre giorni successivi alla registrazione on line. Tale modulo dovrà essere trasmesso, in busta chiusa con raccomandata A.R. oppure a mano, al seguente indirizzo:
    DigitCampania Scarl
    Sede Operativa Via Terracina n. 230
    80125 Napoli.
    L’ invio può essere effettuato alternativamente a mezzo e-mail di posta certificata al seguente indirizzo: amministrazione@digitcampania.it.
    È possibile effettuare la consegna dei moduli anche a mano presso gli uffici di via Terracina, 230 Napoli, dal lunedì al venerdì dalle ore 10,00 alle ore 14,00.

DigitCampania SCaRL ricorrerà alle specifiche professionalità inserite nella short list sulla base delle esigenze evidenziatesi a seguito dei fabbisogni rilevati e coerentemente allo svolgimento delle sue attività istituzionali. Gli incarichi saranno affidati, ad insindacabile giudizio di una Commissione Tecnica appositamente nominata, ai candidati iscritti nella short list la cui esperienza professionale e le cui competenze saranno giudicate maggiormente pertinenti rispetto agli incarichi da affidare e valutate sulla base dei curricula e delle esperienze e/o attività pregresse già maturate nel settore di attività di riferimento. L’inserimento nella lista non comporta alcun diritto ad ottenere un incarico professionale dal soggetto promotore.

Fonte: www.regione.campania.it

Un nuovo regolamento europeo per il venture capital

Facilitare l’accesso ai finanziamenti da parte delle piccole e medie imprese dell’Unione, uniformare le regole per la raccolta dei fondi di venture capital e realizzare un Fondo per l’imprenditoria sociale europea: questi gli obiettivi prioritari per favorire lo sviluppo e la crescita delle imprese.

Il venture capital – si legge nel comunicato della Commissione – è un’importante fonte di investimento a lungo termine per le PMI giovani e innovative. Tuttavia, l’esigua quantità di fondi impedisce agli stessi di svolgere un ruolo importante nel finanziamento delle start-up e delle imprese in generale le quali, di conseguenza, continuano a dipendere dai prestiti bancari a breve termine.

Se, infatti, negli Stati Uniti la capacità del fondo di capitale di rischio si aggira in media intorno ai 130 milioni di euro, nell’Unione europea il dato corrisponde a meno della metà (60 milioni di euro).
E’ dunque in tale contesto che la Commissione, per facilitare e favorire l’utilizzo di tali strumenti di investimento e finanziamento sta in questi giorni presentando le diverse azioni da attivare nel periodo 2014 -2020.

Fonte: http://www.agenziacampaniainnovazione.it

Ferite dell’est 22 dicembre ore 18 Palazzo Arti di Napoli

Ishinomaki, Japan, April 2011. A Statue of Liberty copy stretches her torch towards a dark sky, she remains as one of the few standing structures on this island in the river that cuts through the center of Ishinomaki.
Ishinomaki, Giappone, Aprile 2011. Una copia della statua della libertà protende la propria torcia verso il cielo cupo. E’ una delle poche strutture rimaste in piedi sull’isola che sorge nel fiume che attraversa la città di Ishinomaki

Le immagini di Kasper Nybo, fotografo umanitario danese raccontano il disastro che ha colpito il Giappone l’11 Marzo 2011 e introducono Ferite dell’est, un evento di musica, gastronomia e cultura a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto, che si terrà al Palazzo delle Arti di Napoli il 22 dicembre dalle ore 18.

Pio D’Emilia, corrispondente dal Giappone per SKY Tg24, Donatella Trotta, giornalista de il Mattino e Giorgio Amitrano, preside della facoltà di scienze politiche dell’Istituto Universitario Orientale offriranno un approfondimento sulla situazione del Giappone post terremoto.

L’evento sarà accompagnato dal repertorio di musiche giapponesi a cura dell’ensemble Dissonanzen.

Sushi bar e vini sono offerti da Kukai.

L’ingresso è libero e gratuito. Durante la serata sarà possibile richiedere uno dei libri donati da ad est dell’equatore e uno degli origami realizzati da Giorgio Velonà.
Le donazioni saranno destinate ai residenti dei comuni colpiti dal terremoto.

L’evento è organizzato da Ad est dell’equatore, Simona Frasca e Fabrizio di Girolamo, in collaborazione con Banco di Napoli SpA e Kukai contemporary japanese restaurant
con il patrocinio dal Comune di Napoli, Assessorato alla Cultura e del Console Onorario del Giappone Michele di Gianni.

www.adestdellequatore.com
www.lebestie.com

Il Contratto di Sviluppo: nuovo strumento di agevolazione finanziaria per le aziende italiane

Il Ministero dello Sviluppo Economico dà il via ad un nuovo strumento di incentivazione, ideato per stimolare gli investimenti produttivi delle aziende italiane: il Contratto di Sviluppo.

Dal 29 settembre 2011 le aziende italiane possono presentare le richieste di finanziamento per il Contratto di Sviluppo, istituito con l’articolo  43  del  decreto‐legge  25  giugno  2008,  n.  112,  convertito,  con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, quale strumento per la concessione di agevolazioni finanziarie dirette a favorire la realizzazione di grandi investimenti. L’obiettivo principale è favorire l’attrazione di investimenti esteri e la realizzazione di Programmi di sviluppo in particolare nelle aree del Mezzogiorno.

Il Decreto attuativo del Ministro dello Sviluppo economico del 24/09/2010 ha provveduto a definire  più concretamente lo strumento agevolativo, avvalendosi delle risorse del PON “Ricerca e Competitività” 2007-2013 . Il Programma di sviluppo oggetto del Contratto può articolarsi in uno o più progetti di investimento e, eventualmente, in progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, strettamente connessi e funzionali tra loro.

Il programma può essere:
–  di tipo industriale per un importo minimo di spese ammissibili di 30 milioni di Euro ovvero 7,5 milioni di euro, qualora tali programmi riguardino esclusivamente attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli;
–  di tipo turistico per un importo minimo di spese ammissibili di 22,5milioni di Euro
–  di tipo commerciale per un importo minimo di spese ammissibili pari a 30 milioni di Euro.

L’Invitalia, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, è   preposta alla gestione dei contratti di Sviluppo, dalla fase di valutazione delle domande sino all’erogazione delle agevolazioni e al monitoraggio della realizzazione dell’investimento; l’Agenzia può inoltre partecipare al finanziamento di opere infrastrutturali complementari e funzionali al programma.

I beneficiari dell’agevolazione sono il soggetto che promuove l’iniziativa (proponente) e le eventuali altre imprese partecipanti all’investimento (aderenti);  le istanze di accesso alle proposte di Contratto di Sviluppo vengono esaminate dall’Agenzia seguendo un ordine cronologico e basandosi sulle priorità di programma che, fermo restando quella fissata per le aree del Mezzogiorno, sono:
1. Previsione  di    recupero  e  riqualificazione  di  strutture  dismesse  o  sottoutilizzate nell’ambito del programma;
2. Idoneità del Programma a realizzare/consolidare sistemi di filiera diretta ed allargata;
3. Capacità del Programma di miglioramento dell’impatto sull’ambiente;
4. Intensità dell’apporto finanziario dei soggetti beneficiari;
5. Entità dell’eventuale cofinanziamento regionale;

L’entità dell’agevolazione è fissata con la sottoscrizione del Contratto, sulla base della valutazione del progetto e la successiva negoziazione con il proponente, nei  limiti  consentiti  dal  Regolamento  GBER (Regolamento CE n. 800/2008 della Commissione del 6 agosto 2008).
I soggetti beneficiari delle agevolazioni sono comunque obbligati ad apportare un contributo finanziario, attraverso risorse proprie ovvero mediante finanziamento esterno, in una forma priva di qualsiasi tipo di sostegno pubblico, pari almeno al 25% del totale delle spese ammissibili.

Per ulteriori informazioni:

5 ottobre 2011 ore 14:30: Presentazione dei Contratti di Sviluppo presso la Camera di Commercio di Napoli

www.invitalia.com

 

FINANZIAMENTI DI PROGETTI FINALIZZATI ALLA CREAZIONE DI “RETI DI IMPRESE”

La Regione Campania lancia 3 bandi, pubblicati sul BURC n. 61 del 26/09/2011, per finanziare progetti finalizzati alla creazione di reti d’imprese a favore delle PMI, Consorzi e/o società consortili, promuovendo la partecipazione a fiere internazionali specializzate.

Tali eventi saranno l’occasione per individuare partner, che,  pur  se  localizzati  in  contesti  territoriali  differenti,  abbiano  caratteri complementari dal punto di vista produttivo e dei processi innovativi.

L’obiettivo dei bandi è quindi quello di promuovere reti in grado di rafforzare il tessuto imprenditoriale distrettuale e di accrescere la loro competitività sui mercati interni ed esteri, dando al contempo un contributo per la partecipazione a fiere specializzate di rilievo internazionale.

I settori coinvolti sono:

1) Settore della pelletteria e delle calzature.
Ambiti prioritari:  Distretti   di   Solofra  e Grumo Nevano-Aversa
Evento individuato: “l’Obuv’ Mir Kozhi” , Mosca dal 18 al 21 Ottobre 2011;
Massimo contributo concedibile a fondo perduto per singolo beneficiario: 4.500,00 €;
Scadenza presentazione domanda: 5 ottobre 2011 ore 14-  Prorogata al 11/10/2011 ore 14 (Decreto n. 567 del 06.10.2011)

Documentazione bando pelletteria Mosca zip
(Bando – domanda di ammissione – domanda di erogazione)

2) Settore orafo
Ambiti prioritari:  tre  sistemi locali  di  sviluppo  Napoli,  Torre  del  Greco,  Marcianise),
Evento individuato: “Istanbul Jewelry Show”, Istanbul dal 13 al 16 Ottobre 2011;
Massimo contributo concedibile a fondo perduto per singolo beneficiario: 4.500,00 €;
Scadenza presentazione domanda: 5 ottobre 2011 – Prorogata al 11/10/2011 ore 14 (Decreto n. 567 del 06.10.2011)

Documentazione bando gioielli Istanbul zip
(Bando – domanda di ammissione – domanda di erogazione)

3) Settori dell’abbigliamento, delle calzature, delle borse
Ambiti prioritari: Distretti  di Solofra, San  Giuseppe Vesuviano, Grumo Nevano-Aversa, Sant’Agata dei Goti-Casapulla, San Marco dei Cavoti, ovvero  nell’ambito di uno dei tre sistemi locali di sviluppo di Napoli, Torre del Greco, Marcianise
Evento individuato: “I.F.E – Italian Fashion Expo”, Dallas dal 27 al 30 Ottobre 2011;
Massimo contributo concedibile a fondo perduto per singolo beneficiario: 5.500,00 €;
Scadenza presentazione domanda: 5 ottobre 2011 – Prorogata al 11/10/2011 ore 14 (Decreto n. 567 del 06.10.2011)

Documentazione bando moda Dallas zip
(Bando – domanda di ammissione – domanda di erogazione)

 

Per maggiori informazioni sui Bandi: http://www.economiacampania.it/

Il CSI diventa nodo della rete regionale “Campania Innovazione”

Il Centro Servizi Incubatore Napoli est è nodo della rete regionaleCampania Innovazione”. In particolare, il CSI è stato abilitato, con la qualifica di “expert”, a fornire, nell’ambito della suddetta costituenda rete, i seguenti servizi specialistici:

  • Assistenza allo sviluppo del progetto di innovazione e trasferimento tecnologico;
  • Assistenza allo sviluppo delle competenze e delle reti tecnologiche, operative e commerciali.

Il Piano per la Realizzazione della rete regionale “Campania Innovazione” nasce su iniziativa dell’Assessorato della Regione Campania all’Università e alla Ricerca Scientifica, a valere sulle risorse PO FESR – Programmazione 2007-2013 – obiettivo operativo 2.1. L’iniziativa è attuata tramite Campania Innovazione S.p.a. (già Città della Scienza S.p.a.).

La rete “Campania Innovazione” è caratterizzata, così come indicato nel predetto Piano, da una struttura reticolare aperta, costituita da una serie di nodi, ossia di punti-unità della rete, dotati ognuno di una propria organizzazione e di una
propria competenza specifica. Più precisamente la rete “Campania Innovazione” opererà attraverso le interazioni di tre tipologie di player: i produttori della conoscenza (Università, Centri di Ricerca); i produttori di valore (micro, piccole-medie e grandi imprese) – deputati a trasformare la conoscenza in valore per il mercato; i mediatori dell’innovazione, o nodi della rete (tra cui il CSI) – preposti a facilitare la diffusione della conoscenza ed il trasferimento tecnologico. La mission sarà
quella di soddisfare l’esigenza di ricerca e di innovazione delle piccole e medie imprese campane per una loro maggiore competitività a livello nazionale ed internazionale.

Nella fase di messa in esercizio della rete “Campania Innovazione” il CSI, in qualità di soggetto abilitato, potrà essere chiamato, da Città della Scienza S.p.A., a progettare, standardizzare, e/o erogare servizi nell’ambito della rete, anche in aggregazione, verticale e/o trasversale, con altri soggetti abilitati.

Per maggiori informazioni visitare il sito dello Sportello della Regione Campania all’indirizzo www.campaniainhub.it