Loading...

Autore: Giampiero Bruno

Global Entrepreneurship Congress 2015: arriva a Milano nel mese di marzo l’appuntamento mondiale per startup e imprese

Arriva quest’anno per la prima volta in Italia l’evento internazionale dedicato a startup e innovazione “Global Entrepreneurship Congress”, durante il quale le nuove imprese possono entrare in contatto diretto con investitori di tutto il mondo: l’appuntamento è dal 16 al 19 marzo 2015 a Milano e le registrazioni on-line sono già aperte sul portale dedicato all’iniziativa (qui il link per registrarsi).

Il GEC – Global Entrepreneurship Congress è un evento che rientra nell’ambito della Global Entrepreneurship Week, nato nel 2009 ad opera della Kauffman Foundation e dedicato a imprese, startup, investitori, ricercatori, amministrazioni pubbliche e politici con l’obiettivo di promuovere la nascita di nuove attività di impresa, sostenendo la crescita economica a livello globale.

Lo scopo principale del GEC è quello di implementare un ecosistema globale per garantire l’incontro e la condivisione tra gli imprenditori di tutto il mondo, superando i confini geografici tra gli Stati in vista dell’obiettivo finale comune a qualsiasi impresa: sviluppare una strategia per promuovere le migliori idee di business.

Durante il GEC imprese e startup potranno assistere ad una serie di sessioni ed interventi tra cui quelli, già confermati, di personalità di spicco mondiale come Richard Branson (Virgin Group) e Jeff Hoffman (Priceline.com).

In particolare, il Global Entrepreneurship Congress rappresenta un’occasione importante di networking per startup e aspiranti imprenditori, che possono trovare ispirazione, feedback e costruire importanti relazioni con potenziali partner ed investitori.

Questi sono i temi principali che saranno affrontati durante i tre giorni del Congresso:

– strategie imprenditoriali per l’occupazione giovanile e la crescita sostenibile;
– il ruolo delle industrie creative e dei business angel;
– soluzioni per una crescita inclusiva;
– promozione dell’imprenditoria in Africa.

La sede dell’evento sarà presso il MiCo – Milano Congressi (Piazzale Carlo Magno, 1 – 20149 Milano).

Per maggiori informazioni, per registrarsi e per restare aggiornati sul programma dell’evento: http://gec.co/

Napoli, 09/01/2015

La tua startup a Detroit con il programma targato Ford “Techstars Mobility”

Ford e Techstars hanno annunciato nelle scorse settimane la nascita del programma di incubazione per startup “Techstars Mobility, driven by Detroit”, in partnership con Magna International e Verizon Telematics. Il programma si propone di affrontare alcune sfide caratterizzanti le Smart Cities e, in particolare, problemi legati al traffico, all’inquinamento, alle disponibilità di parcheggio.

Il programma di incubazione Techstars Mobility, driven by Detroit è alla ricerca di progetti innovativi incentrati su soluzioni di business nel settore dei trasporti e delle infrastrutture ed è aperto a startup provenienti da tutto il mondo.
I progetti innovativi potranno essere incentrati, ad esempio, su soluzioni offerte attraverso tecnologie mobile, connessioni wireless e cloud.

Le startup selezionate saranno in totale 30: ogni anno, a partire dal 2015, sarà lanciata una call che garantirà ai 10 migliori progetti la possibilità di partecipare ad un programma di incubazione a Detroit. Il programma prevede mentorship, training e assistenza da parte di esperti del settore: a ciascuna delle startup selezionate sarà garantito un finanziamento di 120.000$.

Il primo programma di accelerazione partirà il 9 giugno 2015 e si concluderà con un evento denominato “Demo Day”, previsto per il 10 settembre 2015, durante il quale le startup finaliste presenteranno il proprio progetto a investitori ed esperti del settore in un appuntamento di rilevanza internazionale.

Per partecipare alla call 2015 di Techstars Mobility, driven by Detroit è necessario compilare il form di iscrizione disponibile al seguente link: https://apply.techstars.com/#/apply
La deadline è fissata per il 15 marzo 2015.

Per maggiori informazioni: http://www.techstars.com/techstars-announces-techstars-mobility-driven-by-detroit/

Napoli, 08/01/2015

TEDx Caserta: a febbraio in Campania la conferenza sulla Global Contamination – Iscrizioni entro il 19/01

Arriva quest’anno anche a Caserta la conferenza globale TED, che per il 2015 ha scelto come tema centrale quello della Global Contamination: gli appuntamenti di TEDx Caserta sono fissati per il 2 febbraio (con l’inizio del workshop intensivo TEDx Adventures) e per la notte del 6 febbraio, con la conferenza TEDx Caserta.

TED è l’organizzazione americana no-profit che da circa trent’anni permette a protagonisti della ricerca, dell’innovazione e di tutti i campi del sapere di presentare le proprie idee, nel rispetto del motto “Idee che meritano di essere diffuse”.
La conferenza mondiale TED si svolge ogni anno in California e ha visto la partecipazione in passato di grandi nomi tra cui Bill Gates, Al Gore e Richard Branson.

TEDx rappresenta invece gli eventi locali organizzati in modo indipendente in tutto il mondo, tra cui il TEDx Caserta di cui parliamo oggi: come accennato, il tema centrale scelto quest’anno è la Global Contamination, per cui il focus sarà sulla condivisione, l’integrazione, lo scambio reciproco di idee allo scopo di creare una visione comune dall’incontro tra persone e sistemi diversi.

Sono essenzialmente due i momenti fondamentali che ospiterà la città di Caserta, organizzati dal team di 012 Factory (il primo centro di contaminazione di impresa d’Italia, con la sua Academy che ha sede proprio a Caserta):

TEDx Adventures, dal 2 al 4 febbraio, è un workshop intensivo della durata di tre giorni dedicato al tema “The Future of Work”. L’evento è a cura di Antonio Cesare Iadarola, Vincenzo Di Maria e Alfredo Carlo, tre designer di esperienza internazionale che lavoreranno con i giovani partecipanti su aspetti di grande attualità nell’attuale e iperconnesso mondo del lavoro: micro imprenditorialità, attivismo civico, forme di hacking, agricoltura 2.0 e artigianato digitale sono alcuni degli argomenti che verranno trattati. L’intero workshop sarà incentrato sul framework delle nuove economie dei servizi, della condivisione e dell’innovazione sociale.

Per partecipare a TEDx Adventures occorre compilare entro il 19 gennaio 2015 il modulo di iscrizione disponibile al seguente link: http://www.tedxcaserta.it/?page_id=20
I candidati selezionati per partecipare all’evento saranno contattati dagli organizzatori entro il 26 gennaio.

TEDx Caserta, in programma per la notte del 6 febbraio al Centro Commerciale Campania di Marcianise (CE) a partire dalle ore 21:00, è invece una Conferenza durante la quale si alterneranno gli interventi di 10 speaker italiani e internazionali sul tema della Global Contamination.
Tra gli speaker presenti a Caserta, ricordiamo Steve Dubin (docente della Columbia University) e il fotografo Fabiano Ventura.

La partecipazione alla conferenza TEDx Caserta è gratuita, ma i posti sono limitati: per candidarsi occorre compilare il modulo di iscrizione disponibile al seguente link: http://www.tedxcaserta.it/?page_id=40
L’iscrizione va effettuata anche in questo caso entro il 19/01/2015, e i candidati selezionati saranno avvisati entro il 26 gennaio.

Per maggiori informazioni:

Napoli, 08/01/2015

La nuova normativa sull’e-commerce e il MOSS: le regole in vigore dal 1° gennaio 2015

E’ stato approvato il 24 dicembre 2014 in via preliminare il Decreto Legislativo di recepimento delle nuove regole sulla definizione della territorialità per i servizi di e-commerce in ambito comunitario, assieme alle norme che definiscono le procedure di funzionamento del MOSS – Mini One Stop Shop: le nuove regole sono entrate in vigore a partire dal 1° gennaio 2015.

Si tratta di un aspetto interessante per startup e imprese che operino la propria attività imprenditoriale attraverso e-commerce e che si affianca alle nuove normative previste sull’IVA.

Con il recepimento delle ultime direttive UE riguardanti i criteri di territorialità previsti per i servizi di e-commerce a privati consumatori comunitari, infatti, le prestazioni rese da un soggetto passivo italiano a un privato consumatore comunitario si considerano effettuate nel luogo in cui il fruitore del servizio è stabilito: per usufruire di questo regime già dal periodo di imposta 2015, era necessario registrarsi al MOSS (piattaforma on-line messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate) entro il 31 dicembre 2014.

Per chi non avesse ancora effettuato l’iscrizione è comunque possibile applicare fin da subito il nuovo regime di tassazione: occorre comunicare allo Stato membro di identificazione di aver avviato le operazioni rientranti nel nuovo regime entro il 10 del mese successivo a quello in sui si sia effettuata la prima operazione.

Per maggiori informazioni: http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Richiedere/Regimi+Opzionali/MOSS/

Fonte: Fiscal Focus

Napoli, 07/01/2015

Edison Pulse: un premio da 100.000€ per i migliori progetti in ambito Energia e Sviluppo del Territorio

Manca una settimana all’apertura della call per l’edizione 2015 di Edison Pulse, l’iniziativa del colosso energetico Edison nata lo scorso anno con il contest Edison Start allo scopo di sostenere l’innovazione, la nuova imprenditorialità e lo sviluppo sociale del territorio in Italia: l’iniziativa si basa sulla progettazione “a valore condiviso”, cercando quindi le migliori soluzioni per i bisogni locali attraverso il coinvolgimento di nuovi talenti imprenditoriali e della community.

Il Bando Edison Pulse 2015 (scaricabile qui) è rivolto a centri di ricerca pubblici e privati, startup innovative (ai sensi dell’art. 25 DL 179/2012) e organizzazioni non profit con un progetto innovativo afferente alle tematiche delle due categorie in concorso: Sviluppo del territorio e Energia. I centri di ricerca, oltre ai Progetti, possono presentare quelli che il Bando definisce “Studi e Ricerche“.

  • Riguardo la categoria Sviluppo del territorio, il focus di Edison Pulse è incentrato sulla filiera energetica e sugli impatti ambientali, economici e sociali che essa ha sul territorio di riferimento. La call è quindi finalizzata alla ricerca di:

Progetti di lungo periodo per l’ottimizzazione degli impatti di cui sopra, allo scopo di ridurre gli effetti negativi ed amplificare le opportunità per il territorio di riferimento, attraverso reti virtuose;
Studi e Ricerche relativi agli impatti delle attività della filiera energetica (elettricità e idrocarburi) in termini di effetti sia per l’ambiente che per il contesto socio-culturale di riferimento.

In questa categoria, le aree di interesse indicate dal Bando a titolo esemplificativo sono: impianti eolici, geotermici, fotovoltaici, etc; attività di esplorazione, produzione, trasporto e stoccaggio idrocarburi; efficienza energetica negli usi finali (industria, settore terziario, settore civile e residenziale).

  • La categoria Energia (Smart Grid) si concentra sui territori cosiddetti “off grid”, che utilizzano modalità di produzione e fruizione dell’energia inquinanti e molto costose: queste problematiche possono essere risolte con l’utilizzo di infrastrutture ICT e con il coinvolgimento del consumatore.

In questa categoria, quindi, Edison Pulse cerca studi e soluzioni progettuali che favoriscano l’accesso e la gestione di nuove forme di produzione, accumulo e consumo dell’energia, che siano sostenibili e prevedano iniziative di educazione e comunicazione sui temi dell’efficienza energetica.

Tra i requisiti dei progetti e degli studi/ricerche candidabili a Edison Pulse, il Bando evidenzia in particolare: innovazione e rilevanza; qualità del soggetto proponente e dei partner (rete); qualità ed efficacia delle soluzioni proposte; capacità di creare valore condiviso e stimolare la cooperazione; ricadute socio/culturali. Per i progetti, inoltre, saranno tenuti in considerazione gli aspetti relativi a: potenziale di scalabilità e replicabilità; fattibilità e sostenibilità.

Le proposte progettuali portanno essere presentate a partire dal 15 gennaio fino al 31 marzo 2015 attraverso la piattaforma on-line www.edisonpulse.it corredata di una presentazione in pdf di massimo 10 slide, un breve video di presentazione del team, una descrizione del progetto e della rete di partner con i relativi ruoli, statuto o atto costitutivo e curriculum vitae del referente del progetto.

Dopo la deadline del 31/03/2015, si apre la prima fase di votazione on-line da parte della community, che potrà esprimere le proprie preferenze fino al 30 aprile. Al termine delle votazioni on-line e fino al 22 maggio 2015, saranno aperte le valutazioni per scegliere i 10 finalisti, che avranno accesso alla seconda fase di Edison Pulse. Da questa prima fase di valutazione, nella quale gli esperti terranno conto anche delle votazioni della community, saranno quindi selezionati i 5 migliori progetti di ciascuna categoria.

La seconda fase del contest prevede un’ulteriore valutazione da parte della commissione di esperti, che sceglierà tra i 10 finalisti i migliori due per ciascuna delle categorie: i progetti selezionati saranno infine valutati dalla community, che attraverso una seconda votazione on-line sceglierà i vincitori (uno per categoria) che saranno proclamati il 18 novembre 2015.

I due vincitori di Edison Pulse 2015 avranno diritto ad un premio di 100.000 € (erogato in tre tranches di pari importo previa valutazione dello stato di avanzamento del progetto) e alla possibilità di usufruire, nel primo anno di avvio del progetto, di un percorso di accompagnamento da parte di un team di esperti di Edison, oltre all’opportunità di accedere ad eventi di networking e di beneficiare della visibilità e della comunicazione attraverso i canali Edison.

Per maggiori informazioni, per scaricare il Bando e per iscriversi a Edison Pulse: http://www.edisonpulse.it/

Napoli, 07/01/2015

Arch Grants Global Startup Competition: il contest internazionale per portare la tua startup a St. Louis

A partire dal 1° gennaio 2015 è possibile inviare la propria candidatura per partecipare al contest internazionale Arch Grants Global Startup Competition, organizzata dall’incubatore e venture capital statunitense con sede a St. Louis Arch Grants. Dal 2012, anno di inizio della sua attività, Arch Grants svolge la sua attività di sostegno e tutoraggio per startup innovative assegnando ai team selezionati grant da 50.000$ cash e percorsi di incubazione con esperti in materie legate all’imprenditorialità innovativa, con particolare riferimento ai business in fase early stage.

Per il 2015 Arch Grants ha previsto una Competition internazionale suddivisa in due tranche: a partire dal 1° gennaio è possibile candidarsi alla prima “tornata”, con deadline fissata per il 31 marzo 2015.
Le startup interessate a partecipare alla Arch Grants Global Startup Competition devono avere un progetto basato sulle tecnologie innovative, o su prodotti e servizi innovativi, con particolare preferenza per business scalabili e di potenziale impatto a livello internazionale.
Gli organizzatori del contest non prevedono particolari limitazioni riguardo ai settori di riferimento dei progetti, ma le aree in cui Arch Grants ha già finanziato startup in passato sono:

Information Technology
Hardware Technology
Consumer Products
Manufacturing
Fashion
Medical Devices
Bio-Technology
Ag-Tech / Clean-Tech
Social Ventures

Per partecipare, le startup dovranno inviare la propria candidatura attraverso la procedura di iscrizione on-line disponibile al seguente link: https://app2.pitchburner.com/s1/site//ArchGrants
Le startup dovranno allegare una serie di documenti, tra cui l’Executive Summary, il Pitch Deck e, in via opzionale, Video, Business Plan e referenze (questi ultimi documenti dovranno essere obbligatoriamente prodotti in caso di accesso alla fase finale).
Possono partecipare candidati che abbiano compiuto il 18° anno di età e che siano disponibili a stabilirsi a St. Louis almeno per un anno.

I team selezionati per l’accesso alla fase finale saranno invitati a presentare la propria startup ad un Pitch Day Finalist, che si svolgerà in tre appuntamenti: 3 marzo, 2 aprile e 7 maggio 2015.
Entro la metà di maggio saranno scelti i vincitori, che inizieranno il proprio percorso di incubazione a St. Louis il 18 giugno 2015.

Le startup vincitrici avranno diritto ad un grant di 50.000$ in contanti (no equity) e a un percorso di incubazione con servizi di metorship e tutoraggio nelle aree più importanti per un business in fase early stage (contabilità, consulenza legale, marketing & design, comunicazione, consulenza finanziaria e bancaria, consulenza tecnologica, risorse umane).
Inoltre, i team avranno accesso al network internazionale di Arch Grant composto da potenziali investitori, venture capitalist e business angel.

Per maggiori informazioni: http://archgrants.org/competition/

Napoli, 02/01/2015

Consigli alle startup: il punto di vista di un Angel Investor quando si tratta di valutare il pitch

Nel suo “Instigator Blog”, Ben Yoskovitz (VP Product di Codified, co-autore di “Lean Analytics” e Angel Investor in diverse startup) ha pubblicato un post nel quale descrive il suo approccio da investitore nei primi incontri con i founder di startup alla ricerca di finanziamenti: si tratta di un interessante punto di vista per aspiranti startupper che possono farsi un’idea di come ragiona un Angel Investor e di cosa cerca nel team e nel progetto quando deve decidere se investire il suo capitale.

Yoskovitz elenca dieci “domande-tipo” che è solito rivolgere ai founder di una startup:

1) Cosa ti spinge a portare avanti questo progetto?

Per Yoskovitz è di fondamentale importanza sapere quali sono le preoccupazioni e le motivazioni che spingono i founder di una startup: bisogna capire bene su cosa si poggia il lungo e spesso duro lavoro che comporta una startup early-stage.

2) Come sapete che il vostro prodotto/servizio risponde ai bisogni dei clienti? 

Yoskovitz è convinto che l’approccio Lean sia il migliore per una startup, per cui la validation è un aspetto chiave: per capire se i founder lo stanno applicando, gli si chiede se hanno già parlato con clienti ed utenti potenziali, se c’è una vision di riferimento e se alle spalle della vision c’è un piano strutturato per metterla in pratica.

3) Cosa ti tiene sveglio la notte?

Secondo la sua esperienza, Yoskovitz sa che c’è sempre qualcosa che spaventa gli imprenditori: in base alla risposta si può capire quali sono le priorità, se si è concentrati su ciò che è davvero importante. Inoltre, consente all’Angel Investor di “rompere il ghiaccio” e mettere le basi per una conversazione personale e “umana” con gli startupper.

4) Quali sono i prossimi step in programma?

Anche se è risaputo che nessun business plan sopravvive al primo contatto con il mercato, è comunque fondamentale che la startup abbia un piano strutturato dei prossimi step da implementare (di solito, si richiede un orizzonte temporale di 3/6 mesi dopo il finanziamento). Il piano deve essere costruito sulla base di una strategia logica e razionale, basata sui compiti e le sfide ordinati su scala prioritaria.

5) Chi saranno i prossimi ad essere assunti dalla vostra startup?

Nella maggior parte dei casi, una startup nelle primissime fasi di vita assumerà un talento tecnico. In casi più rari, alcune startup particolarmente lungimiranti possono scegliere di assumere un componente che si occupi del marketing o delle vendite. In ogni caso, è fondamentale per l’investitore sapere come si pensa di gestire le assunzioni, perché i costi per il personale sono sempre quelli più elevati per una startup ed è importante che i founder sappiano come gestirli.

6) Dove vedete i maggiori rischi per il vostro business?

Serve a capire se i neo-imprenditori hanno compreso a fondo le dinamiche relative al mercato di riferimento. Inoltre, questa domanda è essenziale per capire in che modo i founder intendono approcciarsi ai problemi: suona come “cosa hai intenzione di fare per affrontare i maggiori rischi del tuo business?”.

7) Chi sono i concorrenti?

Un investitore si trova ad ascoltare molti pitch, quasi sempre afferenti a settori diversi di mercato: è quindi indispensabile che i founder abbiano una profonda conoscenza del proprio mercato di riferimento e della concorrenza, per dare all’investitore tutte le informazioni utili per valutare la possibilità di concedere o meno il finanziamento. Inoltre, la startup deve dimostrare di avere almeno un elemento di differenziazione rispetto alla concorrenza: solo in questo caso l’Angel Investor potrà decidere di rischiare il proprio capitale.

8) Com’è la traction?

Naturalmente le startup in fase early stage avranno una traction piuttosto bassa, ma ciò non vuol dire che l’investitore non sia interessato ad approfondire l’argomento. Si tratta infatti di un aspetto molto importante per valutare se i founder hanno davvero capito a fondo la questione, e se sanno quali sono le metriche davvero importanti per la loro startup.

9) Perché stai chiedendo questo finanziamento?

Un Angel Investor vuole sapere a cosa serviranno i fondi da lui investiti, come verranno impiegati nel dettaglio: l’ideale sarebbe presentare un piano relativo ai 12 mesi successivi, per rassicurare l’investitore che sta rischiando il proprio capitale sui tempi in cui sarà possibile vedere eventuali progressi.

10) Come posso aiutarti in qualità di Angel Investor?

Con questa domanda Yoskovitz si riferisce al valore aggiunto che può offrire al team al di là del capitale investito: spesso, infatti, gli investor sono competenti in alcuni aspetti specifici del business e, in quanto tali, possono dare un aiuto esperto agli startupper.

Infine, esistono altri due aspetti fondamentali per un Angel Investor che valuta la possibilità di finanziare una startup: il team e il prodotto. Ogni startup dovrebbe assicurarsi di presentare questi due punti in maniera efficace al potenziale investitore, che ha bisogno di sapere su chi e su cosa sta rischiando il proprio capitale.

Per leggere il post originale: http://www.instigatorblog.com/10-questions-entrepreneurs-investing/2014/02/05/

Napoli, 30/12/2014

H-Camp Spring 2015: la call for startup è aperta fino al 15/02/2015

H-Camp Spring 2015 è la call for startup per accedere alla quinta edizione del programma di accelerazione internazionale offerto da H-Farm: è possibile candidare la propria startup fino al 15 febbraio 2015 compilando l’apposito form disponibile on-line al seguente link

https://www.f6s.com/h-campaccelerationprogrampoweredbyhfarmventures#/apply

H-Farm si appresta infatti ad aprire le porte alle migliori 10 startup italiane e internazionali in fase pre-seed, con un progetto imprenditoriale innovativo sorretto da una brillante idea e un team di imprenditori “visionari e determinati”.

La call for startup per l’edizione 2015 di H-Camp Spring è aperta a progetti innovativi di tutti i tipi, ma in particolare quelli con focus  su uno dei settori specificati dagli organizzatori:

Fashion & Design
Food & Wine
Travel & Tourism
Retail Experience (online e offline)
Internet of Things (smart home e connected cars)

I 10 progetti selezionati avranno accesso al programma di accelerazione internazionale per startup “all inclusive”, che comprende vitto, alloggio e l’accesso agli spazi di lavoro di H-Farm.

Il programma di accelerazione comprende attività di mentoring e networking, partecipazione ad eventi ad hoc, servizi tecnici e professionali per un valore complessivo di circa 70.000 €.

Inoltre, a ciascuno dei 10 team selezionati sarà riconosciuto un premio cash di 10.000 €.

Per maggiori informazioni: http://www.h-farmventures.com/

Napoli, 29/12/2015

La call per InnovAction Lab 2015: aperte le selezioni per Roma e Milano

Fino al 4 gennaio 2015 è possibile inviare la propria candidature per partecipare a InnovAction Lab 2015, il percorso di formazione imprenditoriale per aspiranti startupper che si svolgerà il prossimo anno con due edizioni: Roma e Milano ospiteranno infatti i due percorsi previsti per il 2015, che si svolgeranno tra febbraio e maggio (il calendario delle lezioni sarà pubblicato nelle prossime settimane).

InnovAction Lab è un’opportunità riservata ad aspiranti talenti imprenditoriali di qualsiasi età e background formativo, nel quale si alterneranno momenti dedicati allo studio, al lavoro, ad attività di team building per tutta la durata del percorso, nato dalla collaborazione con J.P. Morgan, Microsoft YouthSpark, Fondazione Cariplo e World Wide Rome.

La deadline per presentare on-line la propria candidatura a InnovAction Lab 2015 è fissata per il 4 gennaio 2015 (ore 23:00). Gli aspiranti talenti imprenditoriali dovranno inviare:

– un curriculum vitae (massimo 1 pagina) in italiano o in inglese, non in formato Europass, in cui dovranno essere contenuti: informazioni personali, background accademico ed educativo, summary of skills, esperienze e consenso privacy;

– una lettera motivazionale (massimo 1 pagina) in italiano o in inglese, in cui si spiega perché si vuole partecipare all’iniziativa.

Le candidature vanno inviate attraverso il form disponibile al seguente link: http://www.innovactionlab.org/it/lab-2015.html

Per maggiori informazioni: http://www.innovactionlab.org/it/

Napoli, 23/12/2014

Consigli per startup: la scelta dei co-founder per costruire un team vincente

Atish Davda (CEO di EquityZen) si occupa da diversi anni di startup e, in particolare, degli aspetti riguardanti la creazione di valore per tutti gli stakeholders di una nuova impresa: clienti, imprenditori, investitori. Di recente, il portale WeWork ha pubblicato un suo contributo incentrato al tema della creazione del miglior team per una startup di successo.

Il team dei founder di una startup è infatti un fattore chiave di successo, in quanto rappresenta la base di partenza per affrontare e risolvere tutti i piccoli e grandi intoppi che un nuovo progetto imprenditoriale si trova ad affrontare fin dall’inizio delle attività di business: nel suo post, Davda elenca alcuni dei punti fondamentali da tenere a mente quando si costituisce il team.

Prima di tutto, è fondamentale che una startup abbia un team costituito da più founder: secondo le statistiche, la maggior parte delle aziende di successo ha un team costituito da più talenti, in media 2,4. Ciò vuol dire che la ricerca di co-founder è un’attività fondamentale per costruire una startup.
Nelle fasi più difficili della vita aziendale, infatti, avere almeno un’altra persona su cui contare diventa indispensabile: lo sanno bene gli investitori, che preferiscono finanziare startup con un team di fondatori piuttosto che “solo founder”.

Una volta costituito il team, i founder devono avere ben chiaro che si tratta di una situazione simile a un matrimonio: creare e gestire una startup è un’attività che durerà nel tempo, per cui è importante scegliere co-founder che abbiano le stesse ispirazioni, aspettative, motivazioni e passione per il progetto. La scelta va quindi effettuata tenendo ben presente la condivisione e la compatibilità tra i componenti.

Dalla sua esperienza come founder, in particolare dalla ricerca dei co-founder per il progetto EquityZen, Davda ha ricavato una serie di aspetti a suo parere fondamentali, da tenere in attenta considerazione quando si cercano i componenti per il proprio team:

Determinazione: è probabilmente l’aspetto più importante per un co-founder, e secondo l’autore è uno dei maggiori segnali di intelligenza in una persona;

Commitment: bisogna capire se la persona sarà in grado di restare concentrata e mantenere gli impegni durante i periodi altalenanti che la startup dovrà affrontare;

Etica sul lavoro: strettamente legata all’aspetto precedente, indispensabile in una startup in cui bisogna essere pronti a lavorare anche di notte e nei weekend;

Umiltà: occorre scegliere compagni di viaggio in grado di rimboccarsi le maniche quando necessario;

Convinction: la scelta deve ricadere su individui che credono fermamente nella vision aziendale;

Fiducia: in un team di co-founder è fondamentale che le persone possano fidarsi l’una dell’altra;

Il “Salto di Fede”: la creazione di una startup richiede spesso il coraggio per affrontare quelli che Davda definisce veri e propri “Salti di Fede” e bisogna assicurarsi che i co-founder abbiano questo tipo di coraggio;

Affidabilità: bisogna scegliere un team composto da persone affidabili, di cui si possa essere certi che facciano ciò che hanno detto di fare;

Personal compatibility: i co-founder devono essere amici e condividere interessi anche al di fuori degli aspetti strettamente legati al business;

Rational compatibility: questo aspetto riguarda la compatibilità tra i componenti del team nel ragionare insieme per risolvere i problemi;

Technical compatibility: la compatibilità in questo senso riguarda gli aspetti tecnici, e la possibilità di delegare e scambiarsi le incombenze di lavoro;

Leadership;

Disponibilità all’apprendimento;

Principi: i co-founder devono agire nel rispetto delle regole e dei principi da un punto di vista legale, etico e morale;

Width & Depth Intelligence: i co-founder devono essere molto intelligenti, anche rispetto agli altri “candidati” presi in considerazione;

Audacia: si tratta di quella che Paul Graham definisce “cattiveria”, un aspetto che l’autore spiega con la capacità di “chiedere scusa ogni tanto, anziché chiedere permesso”;

Resolve: si tratta della capacità, di fronte a un errore, di rialzarsi e tornare a lavorare scrollandosi di dosso la frustazione per lo sbaglio compiuto;

Ispirazione;

Rispetto;

Network: bisogna fare attenzione a scegliere co-founder con reti di contatti professionali e personali compatibili;

Passione: non può essere trasmessa, né insegnata, ma è un aspetto innato e fondamentale per una startup;

Divertimento: lavorare con il proprio team deve essere piacevole e divertente per far funzionare una startup;

Invincibilità: con l’ultimo aspetto, Davda fornisce l’immagine di un team che si sente invincibile quando lavora in gruppo.

Per leggere l’articolo originale: https://www.wework.com/magazine/knowledge/can-build-incredible-founding-team/

Napoli, 23/12/2014

1 2 3 4 56